Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

L’Egitto condanna a morte la democrazia

 

Sabato mattina l'ex presidente egiziano Mohammed Morsi e circa altri 100 membri della Fratellanza Musulmana sono stati condannati a morte per essere evasi dalla prigione di Wadi el Natrun il 28 gennaio del 2011, tre giorni dopo l'inizio della rivoluzione che in febbraio portò alla caduta di Hosni Mubarak.

Pubblicato

-

Sabato mattina l’ex presidente egiziano Mohammed Morsi e circa altri 100 membri della Fratellanza Musulmana sono stati condannati a morte per essere evasi dalla prigione di Wadi el Natrun il 28 gennaio del 2011, tre giorni dopo l’inizio della rivoluzione che in febbraio portò alla caduta di Hosni Mubarak.

Morsi è il primo e, fino ad ora, unico capo di stato egiziano eletto democraticamente. Candidato della Fratellanza Musulmana, venne scelto dal popolo egiziano per sostituire Hosni Mubarak, l’anziano tiranno deposto in seguito alle violente proteste del febbraio 2011. Da presidente, Morsi non ebbe mai vita facile: le prime dimostrazioni di massa contro di lui cominciarono poche settimane dopo la sua elezione e continuarono ininterrottamente fino al luglio 2013, quando venne deposto da un colpo di stato militare e rimpiazzato dal generale Abdel Fattah al-Sisi.

Per Morsi quella di sabato non è la prima condanna. L’ex presidente egiziano è già stato condannato a 20 anni di prigione per la morte di manifestanti che protestavano contro un suo decreto nel dicembre 2012. Quello che accadde esattamente in quei giorni è ancora poco chiaro: si sa solo che sia i filo-governativi che i manifestanti persero il controllo della situazione e che le forze di sicurezza non intervennero.

Pubblicità
Pubblicità

Di fronte a uno scenario così incerto, il comportamento della giustizia egiziana lascia alquanto sbigottiti. Da un lato, viene chiuso un occhio sugli errori dei manifestanti anti-Morsi, dall’altro Morsi e l’intera Fratellanza Musulmana sono messi alla gogna, con l’intento malcelato di criminalizzare l’intera organizzazione. Ma Morsi e il suo partito non sono le uniche vittime dell’ “ultimo faraone” Abdel Fattah al-Sisi: molte organizzazioni della società civile sono state messe al bando, la stampa è imbavagliata, alcuni giornalisti sono finiti in prigione. La persecuzione del generale non risparmia neanche coloro che lo sostennero durante il colpo di stato del 2013.

La dittatura di al-Sisi è per certi versi peggiore di quella del ex-rais Hosni Mubarak. Come in Siria e in Libia, anche se in modo completamente diverso, la Primavera araba in Egitto ha portato a una vera e propria regressione. È vero che molti egiziani erano preoccupati dalla direzione che il paese stava prendendo con Morsi ed è anche vero che la Fratellanza Musulmana non godeva del sostegno di tutta la popolazione. Tuttavia, rimane il fatto che un governo democraticamente eletto è stato rovesciato con la forza.

E poco conta se gli Stati Uniti e gli altri Paesi occidentali alzano la voce di fronte alle violazioni dei diritti umani: gli aiuti militari americani continuano ad arrivare indisturbati e l’Egitto continua a essere un alleato chiave nella lotta contro lo stato islamico e contro i ribelli Houti in Yemen. La verità è che gli occidentali non hanno voglia di chiamare un colpo di stato con il suo nome e hanno anteposto, per l’ennesima volta, considerazioni di realpolitik alla promozione e al sostegno della democrazia nel mondo.

Pubblicità
Pubblicità

Per Morsi e i Fratelli Musulmani resta solo una flebile speranza. Il verdetto del processo, appellabile, sarà reso il 2 giugno, dopo il pronunciamento, segreto e non vincolante, del Gran Muftì, la massima autorità religiosa egiziana. A rischiare la vita non è solo l’ex presidente: anche Mohammed Badie, Guida generale della Fratellanza, è stato condannato alla pena capitale. Inoltre, il governo egiziano considera ormai l’intera organizzazione come un gruppo terroristico fuori legge.

Morsi, Badie e gli altri condannati rappresentano solo le vittime più evidenti di questa persecuzione legalizzata. Tuttavia, se la loro condanna sarà confermata, a morire sarà anche quel poco che resta della democrazia egiziana. Si tratterebbe di uno scenario terribile, che avrebbe pesanti ripercussioni non solo in Egitto ma in tutto il Medio Oriente.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]

Categorie

di tendenza