Connect with us
Pubblicità

Spettacolo

La seduzione dei film violenti

Trame a dir poco inquietanti e il diletto "dell'orrore": braccia mozzate con ferocia, teste che saltano in aria, corpi brutalmente squartati, rumori e suoni che anticipano scene raccapriccianti e sanguinarie. 

Pubblicato

-

Trame a dir poco inquietanti e il diletto "dell'orrore": braccia mozzate con ferocia, teste che saltano in aria, corpi brutalmente squartati, rumori e suoni che anticipano scene raccapriccianti e sanguinarie. 

Rappresentazioni intensamente"visive", un tempo considerate diseducative e comunque adatte alla sola visione di un "pubblico adulto". Ora, anche nell'immaginario giovanile, a fronte di una coscienza ormai mitridatizzata ed assuefatta alle "forme" più violente, ogni proposta "strong" del grande schermo risulta facilmente "digeribile" e assolutamente normale.

Così tutto passa indisturbato davanti agli occhi "intorpiditi" e desensibilizzati dei nostri ragazzi. Non il ribrezzo, non alcuni, naturali forse, sentimenti di repulsione e di spavento, ma diversamente la ricerca divertita ed esaltante dei trailer più sinistri; ecco allora, l'adrenalina che sale alle stelle nel momento di massimo spannung, l'inevitabile "godimento", che derivano da una sorta di gusto per il macabro, per lo spettrale e per l'orrendo. Non siamo di fronte ad una realtà cinematografica e televisiva nuova; tuttavia, oggi, presentare un film d'azione che proceda "serenamente", privo di effetti scenici spettacolari e "truculenti" risulterebbe probabilmente impopolare e poco commercialmente appetibile.

Pubblicità
Pubblicità

Comunque, secondo gli psicologi più lungimiranti, l’esposizione a contenuti violenti di bambini e giovani e la conseguente condizione "di eccitazione" possono produrre ripercussioni negative sulla loro salute e sul loro comportamento ed essere all'origine di collera, insicurezza, irritabilità o ansia. Inoltre, il frequente consumo di prodotti mediali con contenuti violenti può aumentarne l'aggressività. Si svilupperebbe peraltro una "perniciosa abitudine" al distacco, all'apatia e all'indifferenza rispetto alla sofferenza, ovvero un azzeramento della "reazione" emotiva persino di fronte alla violenza più gratuita.

Non pochi studi hanno anche dimostrato che quanto più precocemente i bambini e i giovani si sottopongano a scene di violenza, tanto maggiore sarà la loro inclinazione a consumare contenuti violenti negli anni a venire.

Pubblicità
Pubblicità

Un caso eclatante e paradigmatico è stata la proiezione di un film intitolato "Viaggio alla fine dell’inferno”, in cui era contenuta una scena di roulette russa: avrebbe successivamente indotto 29 giovani americani, tra cui alcuni bambini, di età compresa fra gli 8 e i 31 anni, a spararsi un colpo alla testa (trattasi ovviamente di un caso limite, che testimonia comunque la disarmante correlazione fra la visione di spettacoli violenti e le modalità di comportamento aggressivo nei più giovani). I ricercatori hanno fatto notare anche che in molte sparatorie avvenute nella realtà gli assassini indossassero uniformi, maschere da hockey o tenute da combattimento, proprio come nel copione di un film. Si instaura insomma il rischio di una pericolosa e insana dipendenza.

Un'esperta nel settore, la dottoressa Claudia di Lorenzi, ha affermato: "per renderci conto della quantità di violenza a cui sono esposti i bambini è sufficiente fare un semplice calcolo: un individuo che passi circa tre ore della sua giornata davanti alla tv, nel periodo che va dalla prima infanzia (2-3 anni) alla pubertà (14 anni) può in media aver visto 12.000 omicidi e 100.000 episodi di aggressione. Se pensiamo che i bambini passano davanti alla tv circa 4 ore al giorno, la maggior parte delle quali in solitudine, vediamo come il numero di omicidi visti in tv possa salire ad un totale di circa 16.000".

Inoltre, l’età che va dai 5 ai 12 anni, rappresenta anche il periodo in cui i bambini fanno più fatica a distinguere fra finzione e realtà. La di Lorenzi aggiunge: "in queste condizioni è possibile che interpretino come reali, o imminenti, e dunque realmente pericolose, cose che in realtà sono solo fantastiche e/o lontane dalla loro esperienza; oppure che tentino di emulare comportamenti possibili nella finzione scenica ma impraticabili nella realtà".

Sicuramente si impongono delle attente riflessioni in tal senso, considerato il livello di vulnerabilità, soprattutto, dei più giovani ai messaggi che quotidianamente ricevono!

A cura di Claudio Riccadonna

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Spotify crea playlist personalizzate per i propri animali domestici: l’obiettivo è alleviare stress e ansia
    A casa durante le pulizie o sotto la doccia, in palestra mentre ci si allena e si fatica, ed in macchina alla radio con i brani preferiti: la musica sembra accompagnare e addolcire da sempre le giornate, diventando spesso colonna sonora di momenti importanti ed indimenticabili della nostra vita. In molti casi, le canzoni a […]
  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]

Categorie

di tendenza