Connect with us
Pubblicità

Trento

Daniel Pircher (Civica Trentina): «la sicurezza dei cittadini al primo posto»

Continua la scoperta dei giovani candidati per le elezioni comunali del 10 maggio. Daniel Pircher, giovane tecnico informatico in procinto di aprire un’attività di tipo imprenditoriale sul territorio, è candidato consigliere comunale e circoscrizionale con la Civica Trentina e fervente sostenitore del candidato sindaco Claudio Cia.

Pubblicato

-

Continua la scoperta dei giovani candidati per le elezioni comunali del 10 maggio. Daniel Pircher, giovane tecnico informatico in procinto di aprire un’attività di tipo imprenditoriale sul territorio, è candidato consigliere comunale e circoscrizionale con la Civica Trentina e fervente sostenitore del candidato sindaco Claudio Cia.

A 27 anni si avvicina al mondo della politica locale in seguito a una personale presa di coscienza «di limiti e pecche – ci confida Pircher – che affliggono la quotidianità di molti cittadini, individuando al contempo i deficit colpevoli del malfunzionamento della macchina del problem solving trentino, dal suo punto di vista terribilmente inceppata».

Come si è avvicinato alla politica?

Pubblicità
Pubblicità

«Fin dai tempi del liceo mi sono interessato ai meccanismi della politica nazionale, ma solo tramite la conoscenza dell’allora consigliere comunale Claudio Cia ho potuto coltivare e sviluppare un mio personale punto di vista concernente la politica locale e la governance trentina all’interno di un gruppo affiatato e aperto di collaboratori sempre pronti a integrare nuove voci».

Cosa significa per lei il degrado?

«Degrado, è impossibilità di godere degli spazi pubblici, è negazione della libera e rilassata interazione tra individui, fondamentale per il consolidamento di ciò che banalmente chiamiamo comunità. Tutto questo accade in determinate zone di Trento, zone che vanno riqualificate, dotate di nuovi apparati funzionali ai bisogni della gente per poter stimolare un dialogo che partendo dal basso porti proposte innovative alle istituzioni preposte. Da qui l’importanza delle circoscrizioni, che devono vedere aumentati i loro poteri in quanto bacini di raccolta delle suddette proposte».

Pubblicità
Pubblicità

E riguardo alla sicurezza?

«La concertazione dei diversi apparati preposti al mantenimento dell’ordine pubblico è per me essenziale per estirpare alla radice le tendenze criminali di cui la nostra città è ormai oggetto. Dispiegamento delle forze a disposizione nelle tristemente note zone d’ombra del centro e dei quartieri periferici e tolleranza zero verso gli atti più degeneri costituiscono la mia personale ricetta (e di lista e coalizione) del “vivere sereno”».

Cosa farebbe per avvicinare i “giovanissimi” alla politica?

«La sfiducia nella politica è una caratteristica che accomuna molti giovani. Va contrastata con forza, credo che le istituzioni debbano operare sia a livello mediatico che scolastico per far conoscere e comprendere fenomeni mai pienamente interiorizzati da molti dei nostri ragazzi; sarebbe bene strutturare un percorso coerente e duraturo, che quantomeno non copra unicamente il periodo elettorale. Concretamente, propongo incontri periodici con esperti nelle scuole e altri luoghi di ritrovo aperti a tutta la cittadinanza ma pensati essenzialmente per i più giovani».

Molti giovani lamentano carenza rispetto alla vivacità della “movida” trentina. Cosa ne pensain merito?

«Non credo che la questione sia di primaria importanza. Da giovane trentino che cerca di farsi strada nella vita guardo con più preoccupazione alla mancanza di vie percorribili per permettere a me e ai miei coetanei di raggiungere la stabilità lavorativa, indispensabile per progettare il nostro futuro. Quello della movida è un discorso inflazionato, trito e ritrito, presentato nelle sue diverse sfumature e strumentalizzato da molti candidati. Ribadisco, per me i problemi sono altri. E vanno affrontati creando appositi spazi dove i giovani più intraprendenti e desiderosi di entrare nel mondo dell’imprenditoria – e non solo – possano beneficiare di consulenze gratuite, orientamento lavorativo, aiuto nelle questioni burocratiche ecc».

Daniel Pircher in questa intervista traccia con pragmatismo le linee da seguire per una Trento più vivibile e sicura, ma anche alcune idee per un rinnovamento della politica e quindi l'entrata in questo mondo dei giovani, che sono il naturale ricambio di chi nel fututo non potrà più per limiti d'eta amministrare comuni e province.

Pircher da anche la sua personale ricetta per il «vivere sereno» e insiste sull'importanza delle circoscrizioni, che a suo dire vanno implementate perché assumono sul territorio una vitale importanza.

In un mondo attuale dove i giovani sono disinformati, distaccati e lontani dal mondo della politica Daniel Pircher diventa una risorsa. In un momento dove assistiamo ad una progressiva crisi di partecipazione alle strutture politiche tradizionali, il coraggio di «mettersi in gioco» e lavorare per il bene della comunità è senza dubbio cosa positiva e da rispettare.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza