Connect with us
Pubblicità

La Sfera e lo Spillo

La Juve piega il Real Madrid (2-1), Tevez tempra da Champions

 

E’ la sera magica e stregata, la notte dei giganti, il ritorno di Madama nell’olimpo, nel salotto buono del calcio d’oltreconfine.

Pubblicato

-

 

E’ la sera magica e stregata, la notte dei giganti, il ritorno di Madama nell’olimpo, nel salotto buono del calcio d’oltreconfine.

Sembrano lontani gli anni bui nella stanza dei bottoni, quelli biechi e ciechi d’inchieste sportive e giudiziarie, errori, complotti.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo l’inferno della retrocessione, le colpe da espiare nel limbo della cadetteria, le stagioni storte, quelle dannate, quelle amare della restaurazione, si celebra il ritorno alla luce, al pieno splendore.

Lo Stadium, l’anfiteatro bianconero, è vestito a festa, ribolle di emozioni, trepidazione e incanto.

Si evoca il gusto, il sapore assopito del cielo sotto le stelle, un compenso velato per gli amanti della “fidanzata d’Italia”, mai tradita e finalmente tornata a corte.

La Vecchia Signora approda alla semifinale di Champions League, è un’attesa interminabile durata 12 anni.

Per gli amanti delle statistiche i bianconeri sono imbattuti da 12 partite negli incontri casalinghi delle competizioni UEFA. In questa stagione, vincono quattro partite su cinque tra le mura amiche.

I Campioni d’Italia sono usciti sconfitti una sola volta nelle 17 sfide europee disputate nel nuovo impianto di Corso Gaetano Scirea (10 vittorie e 6 pareggi).

Entrambi i condottieri hanno un trascorso sulla panchina dell’AC Milan. Scopriamo in archivio che Carlo Ancelotti nei 23 incontri giocati contro i piemontesi perde in 6 occasioni, vince in 5, pareggia in 12.

L’ultimo precedente in una semifinale (di Champions) tra le due contendenti è datato 2003.

Nella disputa di andata al Bernabéu il Real batte i bianconeri (2-1). Nel match di ritorno le Zebre sconfiggono i bianchi (3-1) con le reti di Trezeguet, Del Piero e Nedved.

I galattici nella massima competizione continentale non subiscono una rete, lontano dal mitico “Santiago”, da 444 minuti. L’ultima sconfitta esterna degli spagnoli è dello scorso anno contro il Borussia Dortmund (2-0).

L’ultimo successo, invece,sul suolo italiano risale alla stagione 2004-2005 contro la Roma (0-3).

Martedì 05 maggio ore 20.45, si gioca allo Stadium la contesa tra Juventus FC e Real Madrid CF.

La serata meteo, in riva al fiume Po è effervescente, il cielo nuvoloso e la temperatura misurata è di sedici gradi centigradi. Il green da calcare è in perfette condizioni.

La guida tecnica di Vinovo schiera il modulo 4-3-1-2 con il capitano Gianluigi Buffon in porta. La difesa è amministrata dal regista basso Bonucci e dal grintoso Chiellini, sugli esterni scorrono i puntuali pendolini, Lichtsteiner ed Evra; nel reparto nevralgico del campo si colloca il playmaker Pirlo, in compagnia di Marchisio e Sturaro; davanti, il tandem Morata e Tevez supportati dal cileno Vidal.

La guida tecnica del centro sportivo Ciudad Real Madrid sceglie il modulo 4-2-2 con il capitano Casillas a protezione della rete. Il pacchetto arretrato schierato con Carvajal, Pepe, Varane e Marcelo; il centrocampo composta da James Rodriguez, Sergio Ramos, Kroos e Isco; davanti il tandem galattico, la coppia assortita Bale e Ronaldo.

Il fischietto dell’incontro è affidato al quarantaquattrenne inglese Martin Atkinson. Gli assistenti di nazionalità britannica sono Mullarkey e Child, gli addizionali sono Taylor e Marriner.

Massimiliano Allegri incontra AtKinson nella stagione 2011-2012, quando, nella veste di coach del Milan sfida il Barcellona e pareggia (2-2) al Camp Nou.

L’uomo di Bradford, nel West Yorkshire, è un direttore di gara professionista; durante questa stagione ha già diretto la Vecchia Signora lo scorso novembre in occasione della vittoria casalinga (3-2) contro l’Olympiacos nel corso dei gironi (di Champions League).

Il big match termina con il successo dei bianconeri (2-1).

Privi di Pogba, Caceres e Asamoah i sabaudi confezionano una prestazione sopra le righe contraddistinta da forza d’urto, indole e qualità tecnica.

I padroni di casa partono subito con il piede giusto mostrano personalità, forza mentale e compattezza del gruppo.

Nei primi venticinque minuti la squadra del conte Max spinge sull’acceleratore, costringe con ritmo e ardore i campioni in carica nell’angolo. Buffon e compagni si battono con orgoglio contro un “equipo” forte e organizzato.

La linea difensiva gioca 90 minuti intensi con qualche sbavatura nel finale in fase di palleggio e uscita. La mediana è tosta, dimostra nella circostanza capacità di soffrire tra i ranghi. Infine, la fase offensiva è letale nelle ripartenze e negli scambi rapidi del tandem Morata Tevez.

I blancos, anche loro con alcune defezioni, soffrono la forte partenza bianconera, poi si organizzano e dimostrano qualità di palleggio e forza fisica, note distintive del club di Florentino Perez.

A tratti esibiscono potenza e profondità delle giocate, ampiezza nel fraseggio, non irreprensibili nelle chiusure difensive. Il Real coniuga impeto e classe a intermittenza, la Juve risponde con ritmo e passo gestiti con intelligente parsimonia.

L’equilibrio si sblocca con Alvaro Morata che raccoglie una corta respinta del portiere Casillas dopo una deliziosa stoccata di Carlos Tevez (al minuto 8).

Il momentaneo pareggio porta la firma di Cristiano Ronaldo abile a correggere un assist di James Rodriguez (al minuto 27).

Il raddoppio si manifesta nella ripresa con l’argentino Carlos Tevez che trasforma un penalty (al minuto 57). Il rigore è accordato da Atkinson per un fallo di Carvajal sul già citato Tevez. Nella circostanza l’arbitro inglese estrae il cartellino giallo per Vidal (proteste) e Marcelo (fallo su Morata).

Nel finale la Juve resite con carattere e tenacia, limita con l’animo del gladiatore l’assalto dei cavalieri iberici. Gestisce il risultato positivo in vista del ritorno che si disputerà nella bolgia del Santiago Bernabéu, mercoledì 13 maggio (ore 20.45).

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]
  • Viaggiare rimanendo a casa: dall’arte ai paesaggi, vedere il mondo con i tour virtuali
    La veloce diffusione del Coronavirus in Italia e in Europa ha costretto milioni di persone a casa, obbligandoli ad annullare progetti e piani precedentemente programmati o a posticipare prenotazioni di viaggi a data da destinarsi. Ad oggi, la fine della quarantena sembra un giorno troppo lontano e la voglia di lasciare i confini della propria […]
  • Coronavirus: sanificare le mascherine per riutilizzarle in mancanza di nuove
    Da molti giorni l’Italia sta vivendo l’ormai nota emergenza Coronavirus che, oltre al periodo di quarantena forzata richiede l’utilizzo in caso di spostamenti, di particolari presidi di protezione individuale come il disinfettante per le mani o le tipiche mascherine. Mascherine che, dall’inizio dell’allarme hanno subito un aumento vertiginoso della domanda rendendole non solo introvabili, ma […]
  • Italia: Paese “green” e leader delle rinnovabili
    Troppo spesso, l’Italia è abituata ad occupare gli ultimi posti nelle classifiche europee, alimentando i pregiudizi sul Bel Paese che in alcuni settori, quando vuole, sembra essere incredibilmente ed indubbiamente qualificato. Infatti, secondo il rapporto condotto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ( ISPRA) seguito poi da un’analisi dell’Agenzia Nazionale per l’Energia, […]

Categorie

di tendenza