Connect with us
Pubblicità

La Sfera e lo Spillo

Juve, storia di un grande amore bianco che abbraccia il nero

 

“Juve, storia di un grande amore” non è solo l’inno musicale della società di Corso Galileo Ferraris (scritto da Paolo Belli) ma rappresenta a parole la leggenda di un club, di un mito, di uno stile inconfondibile.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità


 

“Juve, storia di un grande amore” non è solo l’inno musicale della società di Corso Galileo Ferraris (scritto da Paolo Belli) ma rappresenta a parole la leggenda di un club, di un mito, di uno stile inconfondibile.

Due colori (il bianco e nero) che affrescano con gioia il cammino d’intere generazioni, suscitano altresì delizia e tripudio.

Pubblicità
Pubblicità

Nel weekend dei lavoratori che suggella la vittoria del tricolore numero 31, è inevitabile riportare il pensiero e la memoria a trent’anni fa, a quel 29 maggio del 1985.

Il tramonto maledetto del settore Z, crepuscolo di un evento, che caratterizza la sciocchezza e stoltezza umana.

E’ una data che sconvolge, una tragedia quella dello stadio Heysel di Bruxelles che rimane traccia di strazio nei cuori feriti degli sportivi: trentanove morti, di cui trentadue italiani, oltre seicento i feriti.

Pubblicità
Pubblicità

Esito che narra il bollettino di una serata che si tinge di rosso intenso, colore non dei “reds” di Liverpool ma del sangue con amarezza versato.

Il pensiero tormentato, l’animo sofferente dei tifosi unito al ricordo indelebile dell’avvocato Giovanni detto Gianni Agnelli simboleggia il doveroso tributo da condividere, lacrime di tristezza e frangenti d’ilarità.

Il presidente onorario della Vecchia Signora è il segno dalla profonda campitura a strisce, uomo di arguzia, ironia e cristallina raffinatezza.

Le vittorie sabaude sono nell’almanacco del calcio, conquiste sul campo, stilate a carattere in grassetto che nessuna sentenza umana potrà mai ribaltare, in nessun caso revocare.

La Juventus Football Club può annoverare nella sua luminosa teca 31 memorabili scudetti, 9 coppe Nazionali, 6 super Coppe italiane, 2 Coppa dei Campioni, 1 Coppa delle Coppe, 3 Coppe UEFA, 2 Super Coppe UEFA, 2 Coppe Intercontinentali.

Rievocare con amarcord il “Trio Magico” composto dall’oriundo Omar Sivori, dal gallese John Charles e dal piemontese doc (di Barengo) Giampiero  Boniperti degli anni cinquanta e sessanta, che regalano tre scudetti e la prima stella da cucire con orgoglio sul pezzo di stoffa, la mitica giubba.

Proseguire con la lunga stagione di Giovanni Trapattoni sulla panchina bianconera negli anni ottanta con il già citato Boniperti nella veste di massimo dirigente dell’entourage in riva al Po, raffigura le fasi vittoriose ai piedi della Mole Antonelliana.

“Madama” conquista il suo quarto tricolore consecutivo. Dopo i tre precedenti ottenuti con la rabbia di Antonio Conte seduto in panca, è la volta della docile fermezza di Massimiliano Allegri a regalare ai molteplici estimatori della “fidanzata d’Italia” l’ennesimo trionfo.

Sul green del Luigi Ferraris i piemontesi liquidano la formalità aritmetica sconfiggendo il Doria (0-1) con la rete vincente del cileno Arturo Vidal, abile a deviare di testa un preciso cross di Lichsteiner (al minuto 32).

Nelle 34 gare disputate sino ad ora, le Zebre vincono 24 incontri, i pareggi sono 7, le sconfitte 3.

Si delinea il migliore attacco (insieme alla Lazio) con 64 segnature all’attivo, nel frattempo registra la difesa ermetica, la meno perforata con solo 19 reti subite. Inoltre, può vantare il capocannoniere del torneo, Carlo Tevez con 20 timbri.

Questo è lo score stagionale di un’annata da considerarsi ampiamente positiva. L’unica nota stonaca rimane la sconfitta nella super Coppa italiana contro il Napoli (finita 7-8) dopo i calci di rigore giocata a Doha lo scorso 22 dicembre.

La finale di Coppa Italia da disputarsi contro la Lazio e la semifinale di Champions League versus Real Madrid in programma martedì 5 maggio (match d’andata allo Stadium) possono rendere ancora più dolce l’epilogo sabaudo.

Tredici sono le reti realizzate nella giornata calcistica della massima serie. Tre sono le vittorie tra le mura amiche (Roma, Napoli e Fiorentina), due sono quelle in trasferta (Juventus e Udinese), un solo pareggio con reti (Atalanta-Lazio).

Finisce a reti bianche la partita InterChievo (0-0); registriamo un risultato a occhiale anche nell’anticipo SassuoloPalermo (0-0).

Per chiudere la trentaquattresima giornata di campionato si attendono i due posticipi: quello della sera di lunedì tra Cagliari e Parma (ore 19.00) e quello pomeridiano di mercoledì tra Torino ed Empoli (ore 15.00).

Napoli-Milan (3-0). I Partenopei in superiorità numerica dal primo minuto (espulsione di De Sciglio) piegano la squadra di Filippo Inzaghi.

E’ la terza sconfitta consecutiva del Diavolo dopo lo scivolone esterno di Udine e la disfatta casalinga contro il Genoa.

Le reti degli azzurri portano le firme di Marek Hamsik con un tiro destrorso (al minuto 70), il bis di Gonzalo Higuain servito da Mertens e velo di Gabbiadini (al minuto 74), terza segnatura di Manolo Gabbiadini con un colpo di tacco dopo una corta respinta di Diego Lopez (al minuto 76).

Roma-Genoa (2-0). I giallorossi ritrovano il secondo posto nel tabellone battendo il Grifone all’Olimpico.

Seydou Doumbia sblocca l’equilibrio del match sfruttando un errore difensivo dei liguri (al minuto 35). Il raddoppio dei padroni di casa nei minuti finali con Alessandro Florenzi che dopo 60 metri in velocità scaglia la palla sotto l’incrocio della porta difesa da Perin (al minuto 90+3).

Atalanta-Lazio (1-1). Gli aquilotti di Stefano Pioli conquistano un punto allo stadio Atleti Azzurri d’Italia contro gli orobici di Edy Reja.

Il vantaggio dei bergamaschi si registra con un colpo di testa dell’ex Giuseppe Biava sugli sviluppi di un calcio d’angolo (al minuto 49). Marco Parolo pareggia con una mezza rovesciata su cross calciato dalla bandierina da Cataldi (al minuto 77).

Fiorentina-Cesena (3-1). I viola ritrovano la vittoria e conquistano tre punti pesanti in chiave europea.

La doppietta di Josip Ilicic (prima rete su rigore) e il goal di Alberto Gilardino abbattono la difesa romagnola di Domenico Di Carlo. La segnatura della bandiera per i bianconeri è realizzata, con una prodezza, da Alejandro Rodriguez.

Verona-Udinese (0-1). Vittoria esterna per gli undici di Andrea Stramaccioni che espugnano lo stadio Marcantonio Bentegodi.

La perla è di Antonio Di Natale che segna la rete numero 206 in serie A.

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
Giudicarie e Rendena7 ore fa

Scontro moto – vettura sulla statale 237, feriti padre e figlia

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

Parapendio precipita in valle dei Laghi, 28 enne di Ville d’Anaunia elitrasportato al santa Chiara

Trento10 ore fa

Praga e Trento: un gemellaggio che cammina da vent’anni

Trento10 ore fa

Coronavirus: 2 morti e 331 nuovi contagi. Boom di ricoveri nelle ultime 24 ore in Trentino

Vita & Famiglia11 ore fa

Oggi Giornata contro la droga. Pro Vita e Famiglia: no alla cannabis legale

Ambiente Abitare16 ore fa

Monitoraggio genetico dell’orso in Trentino, premiata tesista FEM

Valsugana e Primiero16 ore fa

Malattie renali: nuovo ambulatorio nefrologico all’ospedale di Borgo Valsugana

Riflessioni fra Cronaca e Storia16 ore fa

Grandi scienziati contro l’atomica e la manipolazione della vita

Trento17 ore fa

Kids Go Green: piccoli passi di mobilità sostenibile per 1.800 bambine e bambini di scuola primaria

Politica17 ore fa

6 italiani su 10 dice che il M5stelle sparirà presto. Per Di Maio il consenso è solo all’1%

Val di Non – Sole – Paganella17 ore fa

Nazareno Molesini dice addio alla lega: «Non mi riconosco più nei suoi ideali»

Trento18 ore fa

Pieve Tesino e Pellizzano vincitori del bando PNRR sui borghi, le congratulazioni di Bisesti e del Sottosegretario alla cultura Borgonzoni da Roma

Trento18 ore fa

Circonvallazione ferroviaria di Trento, firmata l’intesa per ottimizzare il cantiere

Trento18 ore fa

Arresto Mines Hodza: l’attentato era previsto in agosto a Riva del Garda

Trento19 ore fa

I presidenti dei Consigli comunali chiedono di contare di più e di poter portare la fascia

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 83 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 121 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

eventi3 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro3 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Trento3 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Società3 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Le Vignette di Fabuffa3 settimane fa

Il 51% degli adolescenti italiani non capisce un testo scritto. Una scuola che fa acqua da tutte le parti

Politica2 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Io la penso così…4 settimane fa

Protesta pronto soccorso di Arco: dov’erano i manifestanti quando governava il centro sinistra?

Rovereto e Vallagarina3 settimane fa

Rovereto, continuano gli atti vandalici: prese di mira le auto parcheggiate

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza