Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Il Fronte della discordia: Marine Le Pen mette a tacere il padre

 

La misura è colma. “Jean-Marie Le Pen non deve più potersi esprimere a nome del Front National, le sue affermazioni sono contrarie alla linea del partito”, ha sentenziato Marine Le Pen, erede del padre alla guida del movimento di estrema destra francese, intervistata dall'emittente radiofonico Europe 1.

Pubblicato

-

La misura è colma. “Jean-Marie Le Pen non deve più potersi esprimere a nome del Front National, le sue affermazioni sono contrarie alla linea del partito”, ha sentenziato Marine Le Pen, erede del padre alla guida del movimento di estrema destra francese, intervistata dall’emittente radiofonico Europe 1.

Lunedì, il Comitato esecutivo del Front National si riunirà per decidere se adottare delle sanzioni disciplinari contro il suo fondatore, colpevole, a detta della figlia, di “tenere il partito in ostaggio con le sue provocazioni ricorrenti”. Non si tratta di una semplice ramanzina. Jean-Marie Le Pen, fondatore, presidente d’onore e padre-padrone del Front National fino al 2011, anno in cui lasciò le redini del partito alla figlia, si è reso protagonista di un aprile coi fuochi d’artificio.

Dall’inizio del mese, Le Pen, ormai ottantaseienne, ha rispolverato tutti i suoi odiosi “cavalli di battaglia”, ripetendo per l’ennesima volta che “le camere a gas sono state un dettaglio della storia” e difendendo il maresciallo Petain, capo del governo collaborazionista di Vichy, complice dei nazisti tra il 1940 e il 1944. Per finire in bellezza, il primo maggio, il vecchio leader si è lasciato andare a un’apparizione fuori programma, salendo, senza essere invitato, sul palco dove sua figlia stava per cominciare a parlare.

Pubblicità
Pubblicità

Marine non sa più come tenere a bada il padre, che sembra fare di tutto per intralciare i suoi sforzi per trasformare il Front National in un partito “più presentabile”, in grado di intercettare i voti di ampie fasce della popolazione. L’anziano Jean-Marie, infatti, non perde occasione per ricordare le sue posizioni razziste e antisemite, che hanno segnato i quarant’anni durante i quali ha guidato il movimento di estrema destra.

Ora, tra padre e figlia è giunto il momento della resa dei conti. “I suoi ultimi comportamenti sono inammissibili – ha denunciato Marine – penso che oltrepassino completamente le prerogative del suo status personale. Ho la sensazione che non sopporti che il Front National continui a esistere anche ora che non lo dirige più”. E aggiunge: “Mi dispiace, è ovvio che mi dispiace”.

È lei ora a comandare e il padre deve sbrigarsi a farsene una ragione. “Quello che mi auguro, è che la volontà degli iscritti al Front National sia rispettata. Gli iscritti al Front National mi hanno eletta con il 100% dei voti su una linea politica estremamente chiara che è la mia, quella che vogliono veder applicata. Non si può immaginare che questo venga modificato da delle azioni che finiscono per essere in maniera ricorrente quasi degli atti di malafede”, prosegue Marine.

Pubblicità
Pubblicità

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata l’entrata in scena (foto), completamente fuori programma, del primo maggio, con cui Jean-Marie si è concesso un lungo saluto ai militanti frontisti, salendo sul palco dove la figlia stava per prendere la parola. Pochi passi dietro di lui, Marine aspettava silenziosa che il padre si decidesse a scendere dal palco.

Penso che l’abbia fatto in malafede, penso che si tratti gesto cattivo nei miei confronti – ha denunciato Marine – confesso che questa vicenda mi ha fatto sprofondare in un abisso di perplessità”. Sembra proprio che questa volta l’anziano Jean-Marie pagherà a caro prezzo le sue provocazioni.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: Paziente Virtuale evita i test sugli animali
    Grazie alle diverse ricerche ed ai numerosi studi dell’Università di Catania, si rafforza il filo della comunicazione tra il clinico e il laboratorio, dando vita al progetto del Paziente Virtuale. Un progetto completamente italiano che potrebbe finalmente evitare la sperimentazione animale, necessaria per testare farmaci e vaccini anche contro il più recente Coronavirus. Infatti, per […]
  • Sconti e voli gratis ai viaggiatori se bambini piangono o disturbano in aereo, l’idea di una compagnia aerea americana
    Sembra incredibile, ma il binomio aereo – neonato, si posiziona tra i primi posti come motivo di fastidio e disturbo per molti viaggiatori, portando una compagnia area alla decisione di far volare gratis i passeggeri che si trovavano a viaggiare con bambini piangenti a bordo. Ad ovviare questo il problema è JetBlue Airways la compagnia aerea […]
  • Russia registra il primo vaccino al mondo contro il coronavirus
    Dopo mesi di test e di attesa è la Russia a battere tutti e registrare Sputnik il primo vaccino al mondo contro il Coronavirus. Sputnik, il vaccino sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca ha ricevuto il via libera dal Ministero della Sanità russo. Citando i media russi, Putin avrebbe rivelato che anche alla figlia è stata […]
  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]

Categorie

di tendenza