Connect with us
Pubblicità

Trento

Minella Chilà: “Sogno una città più a misura di donna!”

"Questa volta ci sarò anch'io" esordisce Minella Chilà, candidata alle comunali di Trento ed alla circoscrizione di Mattarello, ed un sorriso convinto si stampa immediatamente sul viso, mentre mi racconta i dettagli di una campagna elettorale condotta con passione e tanta voglia di mettersi in gioco.

Pubblicato

-

"Questa volta ci sarò anch'io" esordisce Minella Chilà, candidata alle comunali di Trento ed alla circoscrizione di Mattarello, ed un sorriso convinto si stampa immediatamente sul viso, mentre mi racconta i dettagli di una campagna elettorale condotta con passione e tanta voglia di mettersi in gioco.

Ci conosciamo da tempo con Minella, con lei abbiamo diviso e condiviso progetti e sogni, so che è nata a Reggio Calabria che vive a Trento dal 1990 con il compagno Paolo e la figlia Caterina di otto anni e che da sempre si occupa di tematiche sulla parità di genere, di mamme e di famiglia.

Pubblicità
Pubblicità

Quando le chiedo di raccontarmi del suo lavoro faccio un po' di conti e scopro che era giovanissima, quando ha lasciato la sua terra.

"Tutto ha avuto inizio con una raccomandata da Roma, era il 1986, nella lettera c'era scritto che avevo superato un concorso al Ministero dell'Interno e che dovevo prendere servizio, dopo poche settimane, a Trieste.

Pubblicità
Pubblicità

Quattro anni dopo cambiavo nuovamente sede e mi trasferivo a Trento, al Commissariato del Governo, dove ho ricoperto negli anni diversi incarichi tra cui quello di vice capo di Gabinetto.

Nel frattempo conseguo la laurea magistrale in Economia e Commercio e nel 1994 vengo inviata in missione alla Prefettura di Cuneo, per aiutare le popolazioni alluvionate.

Da allora, non mi sono più mossa da Trento".

E adesso di cosa ti occupi?

"Se dovessi fare un'istantanea della mia vita, la descriverei così in estrema sintesi.

Partecipo, in qualità di rappresentante del Commissariato del Governo, al Comitato provinciale per la tutela delle donne vittime di violenza (nonché ad altri Gruppi e Tavoli di lavoro su tematiche di carattere sociale), coordino, in questo giornale, sin dalla nascita, la rubrica La voce delle donne e sono nel direttivo dell'associazione di promozione sociale Mamme Insieme di Mattarello che si occupa di promuovere sul territorio progetti conciliativi lavoro/famiglia.

La rete con altre mamme per me è stata una salvezza, perché conciliare famiglia e lavoro rimane per una donna una questione complicata che condiziona la vita familiare e sociale, non solo lavorativa.

Essere una mamma non proprio giovanissima ha anche i suoi vantaggi, quando è successo avevo già un lavoro fisso, più certezze, non solo economiche, ma dopo aver parlato con le altre mamme ho capito quanto sia davvero difficile ritornare alla normalità, molte mi hanno confidato che i loro datori di lavoro avevano già deciso di licenziarle, appena possibile."

La maternità incide pesantemente e riduce anche in Trentino di circa 7 punti percentuali la possibilità per una mamma di essere occupata, rispetto alle loro coetanee senza figli.

Se si aggiunge che ogni anno circa 300 donne, quando diventano mamme, smettono di lavorare, il quadro che si delinea è davvero sconfortante.

Quali soluzioni, allora?

"Il problema della conciliazione è una questione reale, sentita dalle donne, dalle famiglie.

Nessuna legge potrà produrre benefici adeguati, è la politica che deve creare le condizioni per una svolta culturale.

Da una parte occorre creare le premesse affinché il capitale umano delle donne sia maggiormente valorizzato e le competenze femminili equamente distribuite.

È assolutamente provato che nelle aziende dove la parità di genere si realizza, le economie risultano più efficienti e capaci di produrre sia valore sociale sia valore economico.

Dall'altro, è necessario creare le condizioni affinché le mamme possano continuare, dopo la nascita di uno o più figli, a lavorare.

La certificazione Family audit, rappresenta già un ottimo strumento per promuovere un cambiamento culturale e organizzativo all’interno delle aziende e consente alle stesse di adottare delle politiche di gestione del personale orientate al benessere dei propri dipendenti e delle loro famiglie, ma occorre fare di più.

I servizi sul nostro territorio sono sicuramente presenti, ma in alcuni casi non sufficienti ed in altri troppo costosi.

Prendiamo ad esempio la retta degli asili nido attualmente è di € 437,00 (senza calcolo icef) a tempo pieno (10h/g x 5gg = 50h/settimana), un servizio che diventa strumento indispensabile per poter rientrare al lavoro. 

Quanto incide sull'economia familiare? E quanto pesa sulla eventuale decisione di lasciare il lavoro e di rimanere a casa per i primi anni di vita del bambino? E indovinate quale dei due genitori decide di stare a casa quando il peso della retta diventa insostenibile?"

Cosa proponi, quindi?

"Mi chiedo perché il nido debba essere un servizio a pagamento. Se tutti e due i genitori lavorano, la retta si attesta sui livelli massimi. Insomma, parliamoci chiaro, se poi una famiglia ha un mutuo da pagare, mantenere l'iscrizione al nido è un lusso.

Questo crea un disvalore sociale, perché di solito è la mamma che smette di lavorare e dopo due o tre anni cercare un'occupazione diventa faticosissimo, tant'è che spesso molte di loro rinunciano.

Io propongo che questo servizio sia posto a carico della collettività e come per la scuola materna sia messo a disposizione gratuitamente per le famiglie.

Per chi non ha problemi economici, conciliare è un gioco da ragazzi basta pagare una baby-sitter fissa, ma per le altre famiglie, quelle normali, ovvero la maggioranza, diventa un incubo gestire questo "costo" per almeno due anni.

Senza contare che i bambini, spesso, specie durante il primo anno, rimangono per la maggior parte del tempo a casa, tra malattie varie. Alla fine, tra decidere se pagare il nido e la baby-sitter quando si ammalano (anche se da qualche anno con il certificato medico la giornata viene defalcata in parte dal calcolo della retta mensile) o rimanere a casa dal lavoro, si è "costrette" ad optare per la seconda ipotesi."

Cosa ti ha spinto a candidarti alle comunali di Trento?

"Diciamo che se dovessi ricondurlo ad un momento preciso, potrei certamente citare il giorno in cui ho assistito in aula (era il 27 febbraio) all'affossamento della legge sulla doppia preferenza di genere.

Quel giorno ho capito che non si può stare più ai margini. Il disegno di legge – che dalle altre parti d'Italia è già legge dal 2012 – che prevedeva la possibilità di votare con due preferenze, un uomo ed una donna, a fine giornata è stato obtorto collo ritirato dalla Consigliera Regionale Ferrari, ma gli argomenti usati, i toni e le modalità utilizzati dall'opposizione per non far approvare la legge, mi hanno colpito profondamente.

Eravamo una decina di donne in tribuna per seguire i lavori e per sostenere l'approvazione della legge, una presenza silenziosa e rispettosa che ha dovuto subire, senza poter reagire, le urla di uno dei Consiglieri regionali dell'opposizione, palesemente infastidito, che più volte ha dichiarato: "ho tutto il diritto di parlare perché rappresento gli elettori" ecco, appunto, gli elettori… e le elettrici?

Le ragioni opposte dai vari consiglieri che in aula si sono susseguiti sino a tardo pomeriggio, mi hanno proprio convinta che dobbiamo "esserci per cambiare!".

Perciò invito tutti, uomini e donne, a votare, a prescindere dalla legge, anche le donne, affinché possa essere colmato il deficit di democrazia, e possano essere integrate preziose risorse, competenze, abilità e sensibilità detenute dalla parte femminile e maggioritaria della popolazione.

Se vogliamo che la qualità della politica cambi davvero è necessario che anche gli attori cambino ed allora perché rinunciare all'importante contributo che le donne apporterebbero nella gestione della cosa pubblica?"

Per come conosco Minella, la serietà e la determinazione con cui l'ho sempre vista portare avanti i suoi progetti, i suoi ideali e gli impegni presi la accompagneranno anche in questo percorso.

Impegnativo, non facile, ma in cui la passione per le tematiche che segue da anni con anima e cuore sarà la spinta a trovare le energie necessarie. 

"Per le altre notizie, andate a visitare la mia pagina in FB Filomena Minella Chilà."

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Spotify crea playlist personalizzate per i propri animali domestici: l’obiettivo è alleviare stress e ansia
    A casa durante le pulizie o sotto la doccia, in palestra mentre ci si allena e si fatica, ed in macchina alla radio con i brani preferiti: la musica sembra accompagnare e addolcire da sempre le giornate, diventando spesso colonna sonora di momenti importanti ed indimenticabili della nostra vita. In molti casi, le canzoni a […]
  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]

Categorie

di tendenza