Connect with us
Pubblicità

Trento

I grossisti trentini in assemblea. Pronto l’accordo con Federitalia

 

Si terrà giovedì 23 aprile prossimo, a partire dalle 17 presso l’auditorium Ivo Perini di Seac, in via Solteri 74 a Trento, l’assemblea annuale dell’Associazione Grossisti e Piccole Medie Imprese del Trentino, guidata da Paolo Mondini.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

 

Si terrà giovedì 23 aprile prossimo, a partire dalle 17 presso l’auditorium Ivo Perini di Seac, in via Solteri 74 a Trento, l’assemblea annuale dell’Associazione Grossisti e Piccole Medie Imprese del Trentino, guidata da Paolo Mondini.

Durante l’assemblea è previsto un intervento di Wally Bonvicini, presidente di Federitalia, associazione no-profit nata per tutelare imprese e cittadini di fronte al fenomeno dell’usura e dell’anatocismo praticati da banche e dalle vessazioni messe in atto da Equitalia soprattutto nei confronti delle aziende.

Sarà l’occasione per lanciare anche in Trentino un accordo di Partnership con Federitalia a disposizione per tutte le aziende. Wally Bonvicini è una donna coraggiosa, anzi una vera guerriera, da anni impegnata nella difesa dei cittadini vessati e tartassati. Ha fondato Federitalia un’associazione a difesa del cittadino messo in difficoltà da Banche ed Equitalia, di cui ne è l’attuale Presidente nazionale.

Donna molto determinata e consapevole, con una profonda conoscenza della materia, disponibile ad ascoltare gli italiani in difficoltà con le banche ed Equitalia, mettendo a disposizione tutto il suo sapere insegnando loro che a volte la miglior difesa può essere l’attacco. A lei abbiamo posto alcune domande

Quando nasce Federitalia?

Pubblicità
Pubblicità
«Federitalia nasce nel 2009 a Parma, citta' nella quale opero dal 1976:sono reggiana della bassa, quelli che amano il Po e la nebbia! In passato avevo già fatto parte di altri tipi di associazioni specializzate in attività antiusura, ma ne sono sempre stata estromessa. Fare la guerra alle banche e a Equitalia è una guerra scomoda : mi sono imbattuta in troppe associazioni non realmente dalla parte dei cittadini, che preferivano rimanere all'interno del sistema, magari finendo per favorire avvocati e periti procacciando nuovi affari. La nostra associazione fornisce assistenza legale e perizie tecniche a tutti i cittadini che si trovino in difficoltà: siamo un po' ovunque sul territorio nazionale e continuiamo a crescere.
E' un'associazione trasparente e senza fini di lucro: c'è gente che ci si avvicina con l'idea di fare business, ma posso garantire che viene scoperta subito e allontanata».
 
Perchè ha deciso di fondare Federitalia?
 
«C'è un episodio preciso che mi ha fatto aprire gli occhi definitivamente sulle banche e dato la spinta per intervenire, anche se non è l'unica motivazione: un'errata segnalazione alla Centrale dei Rischi da parte di una delle banche con le quali operavo!
Volli andare a fondo della cosa, pagai allora una perizia 11mila euro. A posteriori, oggi che so come vengono fatte le perizie, quanto tempo ci si impiega, posso affermare che trattasi di truffa finalizzata all'appropriazione indebita!
Scoprii così quanto pagavo realmente il denaro prestatomi, al 450%; scoprii che il mio debito era un debito eterno. Fu allora che decisi di depositare la prima querela per usura contro la banca: gli addetti all'antiracket mi guardarono come un ufo; effettivamente della materia non sapevano nulla, ma da lì in seguito dovettero cominciare ad occuparsene. Fu un inizio: di querele, solo per citare Parma, ne sono state depositate migliaia contro le banche ed Equitalia».
 
Dove vi muovete e come agite?
 
«Noi ci muoviamo in tutta Italia, abbiamo sedi ormai ovunque: Avellino, Salerno, Chieti, Torino. Il nostro obiettivo è dare una mano a tutte le persone in difficoltà cercando di contenere al massimo i costi, ovviamente anche noi dobbiamo pagare i nostri periti, ma i costi si aggirano intorno ai 400 euro a perizia. I nostri periti sono professionisti di altissimo livello: conoscono bene le leggi e sanno applicarle, sono persone estremamente preparate e costantemente aggiornate. L'associazione ha creato una rete unica, non solo di formazione e aggiornamento, ma anche di raccolta documenti: ogni giorno riceviamo sentenze, aggiornamenti, notizie da tutta Italia».
 
Chi si rivolge a voi?
 
«All'inizio si rivolgevano a noi solo piccoli imprenditori o semplici cittadini, che magari erano stati imprenditori venti anni prima e che da un giorno all'altro si ritrovano a ricevere una cartella di Equitalia per centinaia di migliaia di euro.
 
Oggi le cose sono diverse , si rivolgono a noi anche grandi aziende, tanti, tanti professionisti – architetti, ingegneri, artigiani. Quel che facciamo è guardare i conti, rifarli, accertare l' usura – con i cittadini e con le pmi l'usura è accertata nel 99% dei casi – quindi, in presenza di usura, si deposita una querela e un'istanza di accesso al fondo.
 
Il solo fatto di depositare questa istanza è comunque una tutela: il meccanismo si blocca, la banca ora non può più aggredire, se lo facesse sarebbe querelabile per estorsione, in pratica l'imprenditore viene protetto. La banca non può procedere con decreto ingiuntivo, il saldo non è esigibile, la sua azione viene inibita, e alla fine la banca si arrende.
 
E' in questo modo che noi salviamo le persone: io aiuto la gente a non pagare. Perché un conto è pagare ciò che devi, un conto è pagare ciò che devi moltiplicato per cinque o per sei. Equitalia e le banche hanno trasformato i debiti in debiti eterni: se un imprenditore di 50 anni riceve una cartella da un milione di euro, cosa può fare? Decide di rateizzare una somma enorme, che nessuno può pagare, all'imprenditore non resta nulla, non può far altro che indebitarsi e per sempre».
 
Come associazione promuovete class action?
 
«Noi non procediamo con class action perché in Italia, a differenza degli USA, una class action può essere facilmente cestinata, accantonata. La nostra strategia è nella moltitudine di azioni: tante singole azioni simultanee . Un esempio: la settimana scorsa, ad Avellino, Federitalia locale ha depositato trenta querele avverso banche. Non ne era mai stata depositata una. Questo non potrà che generare una qualche reazione in procura: possono archiviarle tutte e trenta, ma una per volta, con trenta decreti di archiviazione, cui ci potremo opporre. Non possono archiviarle tutte e trenta con un unico provvedimento».
 
Come definirebbe la missione di Federitalia?
 
«La nostra missione è innanzi tutto culturale, informativa :noi facciamo vedere quanto è il vero capitale da pagare, quanto sia lievitato; noi diamo informazioni su quello che si può fare: se non si vuole fare la guerra alla banca in campo penale, si può procedere col diritto civile e chiedere la restituzione di tutti gli interessi anatocitici: oggi non c'è tribunale che non faccia vincere l'utente».
 
Lei parla di usura facendo riferimento a banche e Equitalia: ci spieghi perché.
 
«È l'anatocismo che genera usura. Equitalia applica gli interessi su tutto: li applica sugli interessi di mora, li applica sull'aggio, li applica su tutto . Intorno all'anno 2000 l'anatocismo era stato dichiarato illegittimo: è stata allora studiata una soluzione politica per renderlo credibile, introducendo con una delibera del CICR (Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio, ndr) il concetto di reciprocità – delibera che tutte le banche da allora impropriamente citano per applicare l'anatocismo che il codice civile vieta.
Cosa s'intende per reciprocità? L'anatocismo è "legittimo" se viene applicato sia sui tassi d'interesse "dare" che su quelli "avere". Peccato che idue tassi siano incomparabili, e la reciprocità assolutamente fittizia nei fatti. L'anatocismo è un moltiplicatore del debito.
Aggiungo questi due fatti: la nostra Legge antiusura fu approvata nel 1996 e non fu un percorso facile; ci fu una lotta feroce da parte della lobby delle banche per ostacolarne l'approvazione: contrariamente a quanto si possa pensare, non è una legge nata contro gli strozzini di strada; è una legge nata per arginare i profitti delle banche, sollecitata dall'Unione dei consumatori di allora perché si erano accorti che le banche stavano espropriando i cittadini. Nei lavori preparatori si cita il TAEG, tasso effettivo annuo globale: questa è terminologia che riguarda lo strozzinaggio? La legge alla fine passò, espressione dell'indipendenza del parlamento di allora rispetto alla banche.
Di recente quella legge è stata modificata (legge n° 3 del 2012), trasferendo il parere favorevole alla sospensione dal Prefetto al Pubblico Ministero: per una svista, malgrado tutti neghino che Equitalia possa praticare l'usura, leggendo il testo si trova testuale "in presenza di usura non sono dovute le sanzioni d'interesse, se l'usura è praticata da Agenzia delle entrate, lnps ecc." Si rende conto? Allora l'usura è prevista e riconosciuta anche dallo Stato»!
 
Chi glielo fa fare?
 
«È una guerra scomoda, vogliamo scardinare il sistema dall'interno, e lavoriamo sul territorio per questo; ma soprattutto lavoriamo per diffondere conoscenza. Da sempre, sin da piccola, sono una cultrice dell'illuminismo: la conoscenza genera forza. Sono le associazioni competenti , icittadini preparati che si mettono insieme che fanno paura al potere».
 
E come vede il futuro della sua associazione?
 
«In crescita: la nostra azione cresce grazie ai nostri risultati; ogni giorno viene gente nuova mandata da persone salvate, è un flusso continuo. E' una rivoluzione culturale quella che portiamo avanti: saremo cittadini uniti e preparati, laddove per troppo tempo ci hanno voluto divisi e ignoranti».

  • Pubblicità
    Pubblicità
Io la penso così…4 settimane fa

«Il Trentino Alto Adige, un luogo da sogno con persone (spesso turisti) da incubo»

Trento3 settimane fa

Dramma a Trento: ricercatrice muore a 42 anni per un malore improvviso

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragedia di Capodanno: è morta la 25 enne roveretana Valentina Vallenari Benedetti, troppo gravi le ferite riportate nell’incidente lo scorso 31 dicembre

Vista su Rovereto2 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Trento1 settimana fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

economia e finanza3 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina2 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Valsugana e Primiero3 giorni fa

Dopo il caos attorno al video, arriva la risposta dell’APT Valsugana

Trento2 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento6 giorni fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Offerte lavoro1 giorno fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Valsugana e Primiero4 giorni fa

San Valentino col bacio Gay, bufera sull’Apt della Valsugana

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza