Connect with us
Pubblicità

Trento

Trentino Unico Popolare, prove tecniche di centrismo?

Nel pomeriggio di sabato 11 Aprile, presso la Sala Diamante dell'Hotel Adige di Mattarello, è stato presentato il nuovo soggetto politico: Trentino Unico Popolare, da un progetto del Senatore Ivo Tarolli, un partito territoriale, con un occhio alla politica nazionale, attraverso la vicinanza con Italia Unica di Corrado Passera.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Nel pomeriggio di sabato 11 Aprile, presso la Sala Diamante dell'Hotel Adige di Mattarello, è stato presentato il nuovo soggetto politico: Trentino Unico Popolare, da un progetto del Senatore Ivo Tarolli, un partito territoriale, con un occhio alla politica nazionale, attraverso la vicinanza con Italia Unica di Corrado Passera.
 
In una sala gremita, il Senatore Ivo Tarolli è stato l'anima portante dell'assemblea fondativa di questa nuova realtà politica trentina. In un appassionato discorso introduttivo, dal sapore del comizio di una volta, Tarolli ha subito scaldato la folla, invocando il ricordo di una grande figura politica come quella di Alcide De Gasperi, continuando in una lucida analisi sociale e politica, che vede nella sfiducia nei confronti della politica, uno dei primi problemi di coesione del paese.
 
La parola è poi passata a Luciano Pilati, che con una presentazione evocativa, tra immagini di opere d'arte e quant'altro, ha presentato i punti programmatici del TUP, che passano dal ribadire con decisione le origini e l'ossatura morale, seguendo la strada degli insegnamenti della Chiesa per difendere la famiglia tradizionale, arrivando a vedere la Provincia di Trento come un vanesio Narciso, innamorato della sua immagine di "modello" per gli altri, incapace di vedere il proprio decadimento.
 
Atteso anche Marco Bettega di Progetto Trentino, per un intervento che testimoni la vicinanza del suo partito alla nuova realtà popolare trentina, purtroppo non era presente, ma è stato comunque ribadito il concetto di unità di visione politica, che potrebbe portare ad una futura confluenza di Progetto Trentino in Trentino Unico Popolare, perché se il PT è orfano di un leader carismatico, dopo le note vicende giudiziarie, il TUP potrebbe sfruttare la consolidata struttura organizzativa del PT, già ben radicato sul territorio provinciale.
 
Trentino Unico Popolare sembra dare anche molto spazio ai giovani, tra i quali Elena Sester, giovane madre che ha deciso di lasciare il suo incarico all'interno del mondo dei sindacati, per impegnarsi in prima persona, candidandosi, (unica tra i nuovi volti di TUP), nelle fila di Progetto Trentino come "indipendente".
 
I discorsi della Sester, di Walter Bonatti e Matteo Masè, veri volti nuovi di questa nascente avventura politica, sono stati emozionanti, tradivano l'incertezza e il timore di chi si avvicina alla politica per la prima volta, a chi si ritrova a parlare ad una platea: quell'incertezza che fa tremare la voce ed è l'indice più veritiero dell'onestà tipica di chi si sta mettendo in gioco per la comunità.
 
Al di là dei volti nuovi, questa assemblea ha lasciato qualche dubbio: il timore di pronunciare la parola "destra", pur proclamando il progetto di unificare l'area popolare, forse nasce dalla precisa volontà di non svelare un futuro più centrale, una sorta di operazione per far rinascere una realtà ormai definitivamente seppellita, come la Democrazia Cristiana
 
Sembra quasi che Trentino Unico Popolare sia un'operazione di amarcord, travestita da "novità", per far rinascere quella peculiarità, tutta italiana, di avere un polo politico che non sia né di destra, né di sinistra, che decide di auto-referenziarsi attraverso la strada posta dalla religione, ma che in sostanza non riesce a decidersi da quale parte stare, se non quella della Chiesa.
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 ore fa

Vittoria De Felice contro il PD Trentino: «Partito borghese che non vede i veri problemi della gente»

Fiemme, Fassa e Cembra3 ore fa

Miss Italia torna a Moena: la reginetta è Giulia Barberini. Eletta anche la Soreghina 2023

Trento4 ore fa

Rischia di travolgere i bambini, bloccato dai genitori: «Sono soggetto alla 104, non possono farmi nulla»

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

La Fondazione Ivo de Carneri di Cles è orgogliosa della nomina a Cavaliere di Gran Croce della Repubblica Italiana del collaboratore Dott. Donato Greco

Trento8 ore fa

Opere strategiche: inserite anche il tratto Castelnuovo – Grigno e la Ciclovia del Garda

Val di Non – Sole – Paganella9 ore fa

Arianna Ferrari in concerto a Tuenno insieme a Giorgio Vanni

Trento9 ore fa

Studentato, via al progetto con 55 alloggi per 200 posti letto

Trento9 ore fa

Anche da Trento l’addio a Piero Angela, il suo ultimo messaggio: «Io ho fatto la mia parte ora tocca a voi»

Trento11 ore fa

Formazione professionale, aggiornato il programma pluriennale

Valsugana e Primiero11 ore fa

Sicurezza sulla SS 50. Aggiudicati i lavori contro il rischio valanghe

Trento11 ore fa

Programma FSE+ della Provincia autonoma di Trento: incremento delle risorse

Trento12 ore fa

Contributi per investimenti nei processi produttivi per le piccole e medie imprese: prosegue la raccolta delle domande

Rovereto e Vallagarina20 ore fa

Ancora auto danneggiate a Rovereto: ingenti i danni

Giudicarie e Rendena20 ore fa

Due minori in difficoltà su Cima Cop a 3.000 metri. Salvati dal Soccorso Alpino

Rovereto e Vallagarina23 ore fa

Noriglio in mano alle baby gang e al degrado. La denuncia di Andrea Bertotti

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza