Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Tra speranze e paure, l’Europa dice addio alle quote latte

 

Da oggi gli allevatori europei potranno produrre quanto latte vorranno. Con il 31 marzo sono infatti scadute le quote latte, da trent'anni nell'immaginario degli italiani per le spettacolari proteste degli allevatori contro le multe europee. Oggi a temere il nuovo regime sono in molti, anche tra coloro che per tre decenni si sono lamentati delle quote e delle multe per chi le sforava.

Pubblicato

-

Da oggi gli allevatori europei potranno produrre quanto latte vorranno. Con il 31 marzo sono infatti scadute le quote latte, da trent’anni nell’immaginario degli italiani per le spettacolari proteste degli allevatori contro le multe europee. Oggi a temere il nuovo regime sono in molti, anche tra coloro che per tre decenni si sono lamentati delle quote e delle multe per chi le sforava.

La quote latte vennero introdotte dalla Comunità economica europea il 31 marzo 1984. Il loro obiettivo era porre rimedio al problema dei “laghi di latte” e delle “montagne di burro” che invadevano il mercato europeo.

Questa situazione era il risultato di una politica che garantiva ai produttori di latte di mucca europei un prezzo per il latte che producevano di gran lunga superiore a quello dei mercati mondiali. La politica di Bruxelles mirava ad assicurare cibo a un prezzo accessibile ai cittadini europei e un reddito dignitoso ai contadini. Tuttavia, questa strategia aveva un effetto collaterale: incentivava la produzione anche in assenza di domanda.

Pubblicità
Pubblicità

L’Unione europea corse allora ai ripari per limitare i costi di questa sovrapproduzione. Fu così che vennero introdotte le quote latte, un sistema che imponeva a ogni contadino di produrre una quantità fissa di latte, oltre la quale sarebbe scattata una multa. Successivamente, venne deciso che la multa avrebbe dovuto essere pagata solo nei casi in cui anche lo stato membro avesse superato la propria quota nazionale.

Fin dalla sua nascita, il sistema delle quote latte fu oggetto di numerose critiche. A non piacere fu soprattutto il modo in cui vennero assegnati i tetti di produzione. Era infatti opinione diffusa che paesi come Irlanda, Olanda e Germania avessero ricevuto quote superiori al loro fabbisogno e che a stati come l’Italia fosse stata assegnata una quota pari a circa la metà dei loro consumi interni.

Le organizzazioni agricole italiane fecero subito presente questa situazione all’allora ministro dell’Agricoltura, Filippo Maria Pandolfi. A loro avviso, con quelle quote ci sarebbe stato un problema di sovrapproduzione in Italia. Si prospettavano multe salate della Ue. Ma Pandolfi rassicurò gli allevatori italiani, facendo loro credere che le multe non sarebbero mai state pagate. Da allora, il sistema delle quote latte provocò non poche grane ai successori di Pandolfi. Nel frattempo, fioccavano le condanne della Corte di Giustizia dell’Ue in seguito alle ripetute infrazioni da parte degli allevatori italiani.

Nel 2003, all’interno del quadro della riforma della politica agricola comune, venne deciso che il regime delle quote sarebbe stato interrotto a partire dal primo aprile 2015. Il grande giorno è arrivato e le reazioni all’attesa liberalizzazione del mercato del latte europeo variano da paese a paese. Da un lato, i paesi del Nord Europa, con la Germania in testa, vedono la possibilità di un aumento della produzione come un’occasione per conquistare nuovi mercati. Dall’altro, i paesi del Sud temono di perdere i sussidi e subire un tracollo a causa della caduta dei prezzi.

Con la fine delle quote, la grande paura dei produttori è infatti la volatilità dei prezzi. A tal riguardo, sono in molti a temere che l’aumento della produzione di latte ne provochi un crollo del prezzo, determinando la chiusura delle stalle meno competitive. A Bruxelles si moltiplicano gli inviti alla calma: la Commissione europea afferma che ci saranno al massimo contenute oscillazioni nei primi mesi dopo la liberalizzazione, ma che già nel medio periodo i prezzi torneranno a essere stabili.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre, dovrebbe restare in piedi una rete di emergenza, per aiutare le aree geografiche che non reggeranno la nuova competizione. Si tratterebbe di interventi che ricalcherebbero quelli con cui l’Europa negli ultimi mesi ha aiutato allevatori baltici e finlandesi, privati del mercato russo a causa delle sanzioni. Anche i singoli governi nazionali potranno aiutare le zone più vulnerabili, come quelle di montagna, con fondi speciali e attraverso il programma di sviluppo rurale.

Nonostante i timori, Bruxelles ostenta ottimismo, in quanto ritiene che il consumo del mercato globale stia crescendo e che la fine delle quote permetterà ai produttori europei di liberarsi di una camicia di forza che impediva loro di rispondere a una domanda mondiale in costante aumento. Per le stalle europee è quindi giunto il momento di sfruttare appieno le opportunità offerte dai mercati al di fuori del Vecchio continente.

Buona fortuna, a loro e alle loro bovine.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Arriva la Pasqua: ecco alcune facili ricette salate!
    Mentre si avvicina la Pasqua e l’Italia è ancora chiusa in casa a causa dell’emergenza sanitaria dettata dalla diffusione di Covid-19, cosa si può fare per passare il tempo? Se si è stufi di passare le giornate a pulire, studiare o guardare film, cosa c’è di meglio di preparare qualche piatto veloce e sfizioso? A […]
  • Gli oceani potrebbero tornare puliti in soli 30 anni
    Nonostante la grave crisi climatica mondiale che cerca soluzione e aiuto negli studi e nelle università di tutto il mondo, ogni tanto sembra che nella speranza di fare sempre meglio si stia imboccando la strada giusta. A confermarlo è un report condotto da un gruppo internazionale di ricercatori della King Abdullah Univeristy of Science and […]
  • Che Pasqua sarebbe senza la torta di carote?
    Conosciuta negli Stati Uniti come “Carrot Cake”, la torta di carote e noci è sicuramente uno di quei piatti che tuti dobbiamo assaggiare almeno una volta nella vita. E quale periodo può essere il più adatto, se non le vacanze di Pasqua? Adorata da grandi e piccini, in realtà, la torta di carote non ha […]
  • Dalla città al bosco: Gli incredibili benefici di vivere con la natura
    Nelle città le persone vivono in condizioni artificiali, più o meno distanti da tutto ciò che sarebbe ideale per loro, circondati da un paesaggio interamente costruito caratterizzato da luci, folla e rumore, in cui tutto richiede scelte, decisioni e velocità. Nonostante la vita urbana comporti in sé anche numerosi vantaggi, sempre più persone tendono ad […]
  • Scuole chiuse e Coronavirus: Carabinieri consegnano i libri a casa
    Da qualche settimana sono in atto i severi controlli lungo le strade e nei centri città di tutta Italia da parte delle forze dell’ordine per il rispetto delle prescrizioni imposte dal Governo per il contenimento della diffusione del Covid – 19. In particolare, i Carabinieri della Provincia di Sondrio, oltre a sorvegliare gli automobilisti e […]
  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]

Categorie

di tendenza