Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

Terzo incontro assemblea: l’Ateneo ascolta gli imprenditori

Coinvolgere gli imprenditori nella didattica universitaria, aumentare la compartecipazione delle imprese ai progetti di ricerca, mappare le rispettive attività per favorire la conoscenza reciproca e agire sulla formazione del personale nel terziario. 

Pubblicato

-

Coinvolgere gli imprenditori nella didattica universitaria, aumentare la compartecipazione delle imprese ai progetti di ricerca, mappare le rispettive attività per favorire la conoscenza reciproca e agire sulla formazione del personale nel terziario. 

Ma anche supportare settori chiave dell'economia trentina come il turismo o l'agricoltura, estendere le migliori esperienze di collaborazione ad altre aree disciplinari e altri soggetti o associazioni di categoria. Questi alcuni degli spunti concreti emersi nel corso del terzo incontro promosso dall'Università di Trento in vista dell'Assemblea di Ateneo del prossimo 3 giugno.

Un percorso di ascolto e dialogo con il territorio che, dopo gli incontri delle settimane scorse con i rappresentanti delle comunità di valle e con i sindacati, questa volta ha visto protagonisti gli imprenditori e i rappresentanti delle varie associazioni di categoria, riuniti per l'occasione a Palazzo Roccabruna nella sede di rappresentanza della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura.

Pubblicità
Pubblicità

A raccogliere l'invito del presidente dell'Ateneo, Innocenzo Cipolletta, tanti protagonisti del mondo produttivo e imprenditoriale trentino: oltre al presidente della Camera di Commercio, Gianni Bort, e al segretario generale Mauro Leveghi, sono intervenuti, per l'Associazione provinciale Albergatori e Imprese Turistiche, il presidente Luca Libardi e il direttore Roberto Pallanch; per Confindustria Trento, il direttore Roberto Busato e la responsabile Ricerca e Sviluppo, Giovanna Malagnino; per Coldiretti, il presidente Gabriele Calliari e il direttore Mauro Fiamozzi; il presidente della Confederazione Italiana Agricoltori, Paolo Calovi; il direttore della Confederazione Italiana Agricoltori, Massimo Tomasi, la direttrice di Confesercenti del Trentino, Gloria Bertagna, il direttore di Confcommercio, Giovanni Profumo e il direttore della Federazione Trentina della Cooperazione, Carlo Dellasega.

L'innovazione è il fattore chiave che sta alla base della collaborazione tra università e mondo delle imprese. A evidenziarlo sono stati gli interventi del presidente dell'Università di Trento, Innocenzo Cipolletta, del rettore in carica Aronne Armanini e del rettore eletto Paolo Collini (che si insedierà ufficialmente il prossimo 1 aprile), nonché del delegato per il trasferimento tecnologico, le politiche di brevettazione, i rapporti con l'industria Claudio Migliaresi.

Pubblicità
Pubblicità

L'Ateneo trentino è impegnato nel processo di innovazione su tutti gli assi che ne costituiscono la naturale vocazione. Innanzitutto la formazione degli studenti in avvicinamento al mondo del lavoro e la crescita formativa e l'aggiornamento del personale dell'Ateneo, della pubblica amministrazione ma anche del settore privato.

In questa direzione è emersa la proposta di una maggiore presenza dell'Ateneo sia nell'intermediazione per gli stage, sia nell'attivazione di master professionalizzanti post laurea per venire incontro alle esigenze di formazione delle imprese. Ma anche nel proporre agli studenti la figura dell'imprenditore come nuovo modello formativo di successo, alternativo a quello della carriera universitaria, che possa ispirarli e renderli più pronti al contatto con il mondo del lavoro.

A rendere possibile questa apertura, il coinvolgimento diretto degli imprenditori nella didattica curricolare. Negli interventi dei rappresentanti di categoria è emersa una forte domanda di formazione e aggiornamento del personale del terziario, così come l'esigenza di trovare nell'Ateneo le competenze necessarie per approfondire lo studio dei mercati e per individuare nelle imprese le aree dove avviare processi di innovazione per colmare gap tecnologici.

Turismo (in particolare il settore alberghiero), agricoltura e cooperazione sono solo alcuni degli ambiti in cui l'Università può svolgere un ruolo decisivo, mettendo in campo anche competenze disciplinari diverse, come le scienze cognitive o la fisica, oltre a quelle già collaudate in ambito ingegneristico o informatico. Dal comparto agricolo un invito alla ricerca ad occuparsi dell'innovazione nei macchinari per adattarli alle condizioni dei terreni di montagna e nelle tecniche di coltivazione, ma anche a misurare il valore del comparto in termini di impatto nell'economia e nella conservazione del territorio trentino. Fare innovazione per l'Ateneo significa anche promuovere ricerca di qualità e competitiva e occuparsi del trasferimento di conoscenza.

Nel dibattito è emerso come, per quest'ultimo aspetto, un fattore chiave sia la possibilità di fare massa critica per affrontare problematiche comuni, soprattutto in Trentino, dove le realtà produttive sono molto piccole e hanno esigenze diverse tra loro. Per farlo è indispensabile investire nella conoscenza reciproca tra università e imprese, attraverso strumenti raffinati di mappatura delle attività. Un processo già avviato con successo, in alcuni casi, sulla scia delle sollecitazioni arrivate dai finanziamenti europei alla ricerca (Horizon 2020) che hanno costretto le reti accademiche a condividere con le imprese il ruolo di protagonisti nella ricerca.

Tra le azioni concrete da intraprendere si è convenuto sulla necessità di aumentare la compartecipazione delle imprese a progetti di ricerca, anche attraverso la mediazione delle rispettive associazioni di categoria. Per favorire il dialogo una strada da percorrere è quella di allargare ad altri settori le best practices di successo, come il distaccamento di un dipendente dell'Ateneo presso Confindustria per raccogliere sul campo le istanze delle imprese e facilitare la connessione con il mondo accademico.

Un'opportunità che potrebbe essere estesa alla Camera di Commercio per intercettare le istanze delle piccole e medie imprese. Un altro asse da sviluppare riguarda invece il quadro normativo in materia di incentivi alle imprese (il riferimento alla lp. 6/1999) che sarebbe da aggiornare sul versante degli strumenti, prevedendo ad esempio finanziamenti semestrali finalizzati all'avvio di start up.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Spotify crea playlist personalizzate per i propri animali domestici: l’obiettivo è alleviare stress e ansia
    A casa durante le pulizie o sotto la doccia, in palestra mentre ci si allena e si fatica, ed in macchina alla radio con i brani preferiti: la musica sembra accompagnare e addolcire da sempre le giornate, diventando spesso colonna sonora di momenti importanti ed indimenticabili della nostra vita. In molti casi, le canzoni a […]
  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]

Categorie

di tendenza