Connect with us
Pubblicità

Trento

L’associazione ANFFAS compie 50 anni

Festa di compleanno, ieri nella Sala Stampa della Provincia, per i cinquant'anni di attività dell'ANFFAS. "Voi siete la testimonianza che i cittadini consapevoli, quando si muovono assieme, con passione ma anche con competenza, riescono ad arrivare sui problemi prima delle istituzioni!"

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Festa di compleanno, ieri nella Sala Stampa della Provincia, per i cinquant'anni di attività dell'ANFFAS. "Voi siete la testimonianza che i cittadini consapevoli, quando si muovono assieme, con passione ma anche con competenza, riescono ad arrivare sui problemi prima delle istituzioni!"

Con queste parole il presidente della Provincia ha accolto il presidente di ANFFAS Trentino Luciano Enderle, che era accompagnato da Massimiliano Deflorian, direttore generale e da alcuni operatori, genitori e ragazzi. "Ma non basta saper dare risposte episodiche – ha proseguito il presidente della Provincia, – bisogna anche avere la capacità di mettersi insieme e di restarci per molto tempo, dimostrare insomma di essere non solo generosi, ma anche affidabili. E l'ANFFAS ci ha dimostrato in questi cinquant'anni di attività di saper diventare un importante punto di riferimento, capace anche di orientare le nostre scelte in tema di strategie e di politiche sociali. Voi siete l'orgoglio della nostra Autonomia, il segno più evidente di che cosa significhi essere una comunità responsabile, capace di tirarsi su le maniche e di lavorare sodo, con competenza ma anche con sensibilità e spirito familiare. È per questo motivo che alla rappresentanza dei vostri giovani oggi qui in Sala Stampa regaliamo il libro "Il Volo dell'Aquila" che, per fumetti, racconta la storia e le vicende della nostra Autonomia. Auguro all'ANFFAS altri cento-centocinquant'anni almeno di attività, con la medesima energia e convinzione. Siete un esempio per tutti noi".

È quindi toccato al presidente di ANFFAS Trentino onlus Enderle raccontare questi cinquant'anni di storia.

Tutto è iniziato dentro ad una lavanderia di Trento quando due ex compagne di scuola si sono ritrovate casualmente, dopo essersi perse di vista per diversi anni, scoprendo di condividere la stessa preoccupazione: la nascita di un figlio con disabilità. Era il 1965. Da quel momento, attraverso il passa parola, poche persone, accomunate dallo stesso problema, senza particolari mezzi ma dotate di infinito coraggio e determinazione, si sono rimboccate le maniche per costruire un futuro diverso per i propri figli con disabilità intellettiva.

A quell'epoca vergogna e rassegnazione costringevano le famiglie ad un isolamento forzato, anche in Trentino. Qualche anno prima, nel 1958, a Roma era nata la prima associazione italiana che si occupava di tutela dei diritti delle persone con disabilità e delle loro famiglie. Da Trento a Roma il passo è breve. Si prendono i primi contatti, ci si informa e si decide di aderire all'Anffas con lo scopo di rompere l’isolamento nel quale era tenuto il ragazzo “disabile”, e poi di svolgere un’opera di sensibilizzazione dell’opinione pubblica ritenuta di importanza fondamentale per la risoluzione dei molti e gravi problemi di questa realtà.

Fu dal pensiero progressista e quasi utopico di quel gruppo di genitori trentini che venne seminato un germe che ancora oggi rende importante Anffas Trentino, dal 2003 associazione autonoma rispetto alla sede nazionale. Qui c'è la consapevolezza che le famiglie possono contare le une sulle altre, sostenersi a vicenda e camminare assieme, perché è l'unione a fare una vera forza!

Pubblicità
Pubblicità

Nel 1967 vengono aperti la prima scuola materna speciale e il primo centro di addestramento professionale. Da lì in poi è stato un continuo crescendo di attività che ha portato Anffas Trentino ad occuparsi della disabilità in tutte le fasi della vita, dalla culla alla terza età. Un impegno che non è stato solo rivolto agli associati e ai rispettivi familiari ma ha coinvolto l'intera comunità trentina fatta partecipe di una cultura di consapevolezza e accettazione della disabilità intellettiva. Molte cose da quel lontano 1965 sono cambiate. Molti diritti sono ormai acquisiti e considerati imprescindibili anche se non bisogna mai abbassare la guardia.

Oggi Anffas Trentino Onlus è una realtà che segue 700 persone con disabilità intellettiva e/o relazionale attraverso 35 centri sparsi su grande parte del territorio provinciale attraverso 47 servizi. I dipendenti e i collaboratori superano le 500 unità, 340 sono i volontari, 1.800.000 le ore di attività riabilitativa, di assistenza e di cura erogata in un anno. Numeri importanti che testimoniano una presenza seria, professionale e attenta alle esigenze della persona.

In mezzo secolo di storia Anffas ha attraversato stagioni felici e tempi più complessi ma sempre nella convinzione che le persone seguite devono avere le stesse attenzioni e servizi degli altri bambini, giovani ed adulti che vivono questo territorio. Il 2015 per Anffas Trentino è un anno da festeggiare e celebrare con il coinvolgimento delle famiglie e dell'intera comunità trentina. Per questo motivo sono stati previsti una serie di momenti in grado di coinvolgere la più ampia fascia possibile della popolazione.

Innanzitutto un momento di riflessione e di memoria di una tragica pagina di storia sul programma di eutanasia nazista che ha portato allo sterminio di trecentomila persone con disabilità, molte delle quali usate come cavie per terribili sperimentazioni genetiche. “Perché non accada mai più. Ricordiamo” è una mostra che, inaugurata a Trento il 27 gennaio scorso, Giornata della Memoria, ora si sta spostando nei principali centri del Trentino per ribadire con forza che i valori di civiltà e umanità, che si chiamano rispetto della vita umana di ogni persona, non conoscono frontiere di luogo e di tempo. Il 14, 15 e 16 maggio la città di Trento ospiterà il IX Convegno Nazionale Sidin (Società Italiana per i Disturbi del Neurosviluppo).

Saranno tre giorni di studio e approfondimento con relatori nazionali ed internazionali per favorire lo scambio di esperienze innovative e la diffusione di buone prassi nell’integrazione socio-sanitaria. Dopo la pausa estiva si riprende il 24 settembre all'Auditorium Santa Chiara con una serata musicale che vedrà insieme l'Orchestra Haydn di Bolzano e Trento e il Coro della SAT per dare una nuova veste alla vocalità alpina.

Quindi il 14 e 15 novembre i ragazzi di Anffas saranno protagonisti di un progetto di animazione teatrale scritto e realizzato da loro. L’attività di teatro sarà uno strumento diverso di comunicare, di esprimersi e di farsi conoscere. Le celebrazioni si concluderanno il 5 dicembre al PalaRotari di Mezzocorona con un pomeriggio di festa per tutta la grande famiglia di Anffas. Saranno previsti momenti di animazione, giochi, musica e una grande torta con cinquanta candeline, da spegnere tutti assieme: famiglie, collaboratori, volontari e amici.

Sono previsti poi una serie di eventi collaterali, che permetteranno di avvicinarsi all’Associazione e di approfondirne la conoscenza, toccando con mano la realtà quotidiana: la tradizionale giornata di sport con “Giochi senza Barriere”, un libro, curato da Annalisa Borghese, e un documentario, curato da Franco Delli Guanti, ripercorreranno il percorso storico di Anffas Trentino, e ancora, le televisioni locali e i cinema saranno il tramite per proporre al pubblico trentino uno spot di sensibilizzazione con protagonisti i bambini del Centro Abilitativo per l'età evolutiva “Il Paese di Oz” e lo chef stellato Rinaldo Dalsasso.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Italia ed estero1 ora fa

Clamoroso ai mondiali del Qatar: fermati per corruzione quattro italiani a Bruxelles

Valsugana e Primiero2 ore fa

Viabilità, revocato ad Ospedaletto il divieto di transito dei mezzi superiori a 7,5 tonnellate diretti verso Trento

Trento2 ore fa

Morto Eugenio Tani, l’imprenditore diventato leggenda

Musica2 ore fa

Terzo appuntamento jazzistico al Museo Diocesano Tridentino dedicato a Chick Corea

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

La Fondazione Cassa Rurale Val di Non premia gli studenti meritevoli: in palio 9 borse di studio per le tesi di laurea magistrale sulla valle

Italia ed estero2 ore fa

Prevenzione, la Francia annuncia: “Preservativi gratuiti per i ragazzi”

Spettacolo4 ore fa

È in arrivo “Avatar, la via dell’Acqua”, uno dei titoli più attesi dell’anno

Rovereto e Vallagarina4 ore fa

A Rovereto la povertà preoccupa: numerose le famiglie in difficoltà

Le ultime dal Web4 ore fa

Celine Dion: “sono affetta da un raro problema neurologico”

SALUTE4 ore fa

Allarme influenza stagionale: quanto dura e i sintomi

Vita & Famiglia5 ore fa

Cappato si autodenuncia per morte di un 44enne. Pro Vita & Famiglia: «Giustizia faccia suo dovere, punisca chi promuove morte a fragili»

Val di Non – Sole – Paganella15 ore fa

Andalo, cambia il sistema di conferimento dei rifiuti da parte delle aziende

Italia ed estero17 ore fa

Addio al bonus 18enni, i fondi a spettacoli ed editoria

Val di Non – Sole – Paganella18 ore fa

L’intera Val di Non imbiancata: Vigili del Fuoco al lavoro

Trento19 ore fa

Ordine Infermieri: «Restituire ai pazienti la vicinanza dei familiari significa restituire un diritto umano»

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento3 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Io la penso così…1 settimana fa

Coredo: «I maiali che mangiavano fango: il veterinario si dimetta»

Trento2 settimane fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Io la penso così…5 giorni fa

Sono fan dei Maneskin…ma quando si esagera non va bene

Trento3 giorni fa

Circonvallazione ferroviaria Trento: pian piano la verità viene a galla

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento3 settimane fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento1 settimana fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Le ultime dal Web4 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Meteo3 giorni fa

Da giovedì sera sul Trentino torna la neve anche a quote basse

Trento4 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Paura nella notte a Cles: a fuoco un’abitazione in zona Spinazzeda

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza