Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

L’unione fa la forza: la strategia dell’Ue per ridurre la dipendenza energetica dalla Russia

 

Le tensioni con Mosca in seguito alla guerra in Ucraina hanno spinto l'Unione europea a lanciare il progetto europeo in materia di energia più ambizioso dopo la Comunità del carbone e dell'acciaio.

Pubblicato

-

Le tensioni con Mosca in seguito alla guerra in Ucraina hanno spinto l’Unione europea a lanciare il progetto europeo in materia di energia più ambizioso dopo la Comunità del carbone e dell’acciaio.

Il 25 febbraio, la Commissione europea ha presentato la propria strategia per la realizzazione di un’Unione energetica. L’obiettivo della Commissione è trasformare drasticamente il sistema energetico europeo, per fornire a famiglie e imprese europee “energia sicura, sostenibile e competitiva a prezzi accessibili”.

Per raggiungere questo risultato, l’Ue punta a ridurre la propria dipendenza dai fornitori esterni. L’Ue si colloca infatti al primo posto al mondo per l’importazione di energia, con ben il 53% del proprio fabbisogno energetico proveniente da paesi esterni all’Unione.

Pubblicità
Pubblicità

La Commissione sta valutando la possibilità di adottare “meccanismi volontari di aggregazione della domanda per acquisti collettivi di gas in caso di crisi e per gli stati membri che dipendono da un unico fornitore”. Inoltre, la Commissione ha proposto che gli accordi bilaterali di approvvigionamento energetico vengano sottoposti alla sua approvazione. Lo scopo della Commissione è chiaro: l’Unione europea deve parlare con una sola voce nei negoziati con i paesi terzi, in modo da spuntare un prezzo più conveniente.

L’impatto sulle relazioni con la Russia in materia di energia si prospetta notevole. La Russia è il principale fornitore dell’Unione europea in materia di combustibili fossili: gli stati membri importano dalla Russia il 31% del gas, il 26% del carbone e il 32% del petrolio che utilizzano. Si tratta di un commercio vitale per Mosca, in quanto i combustibili fossili, venduti perlopiù all’Europa, rappresentano il 70% delle esportazioni russe.

L’eccessiva dipendenza dell’Europa dalla Russia la rende debole, in quanto consente a Mosca di usare la sua posizione dominante nel mercato per imporre un prezzo maggiore ad alcuni stati membri.

Pubblicità
Pubblicità

La riduzione della dipendenza energetica dalla Russia si rende particolarmente difficile per quanto riguarda il gas. Il gas viene infatti trasportato attraverso i gasdotti, che richiedono investimenti notevoli e numerosi anni per la loro costruzione.

Inoltre, le alternative al gas russo sono poche. L’Algeria presenta significative minacce alla sicurezza, l’Azerbaigian non completerà prima del 2020 la TANAP, il gasdotto che dovrebbe connettere Baku con l’Europa, e la produzione norvegese non è sufficiente a sostituire completamente quella russa.

In questo contesto, la capacità della Russia di definire il prezzo del gas non può essere ridotta solo cercando di diversificare le forniture. È importante che l’Unione europea cominci a trattare con Mosca con una sola voce, acquisendo così un potere contrattuale maggiore rispetto a quello dei singoli stati membri. Il progetto della Commissione europea va esattamente in questa direzione.

Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia hanno però già espresso apertamente le loro riserve. Secondo una fonte diplomatica del Financial Times, altri sette stati membri avrebbero manifestato le loro perplessità. Sono molti coloro che nell’Europa dell’est ammettono privatamente di temere le potenziali ritorsioni di Mosca in seguito a l’intromissione di Bruxelles nella definizione di contratti di approvvigionamento energetico.

Si tratta di preoccupazioni che necessitano di un’adeguata risposta, altrimenti c’è il pericolo che il progetto della Commissione venga ridimensionato dal veto degli stati membri.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]

Categorie

di tendenza