Connect with us
Pubblicità

Trento

Trento: minori allontanati, dal penultimo al quinto posto in pochi anni

In Trentino sono 200 i minori ospitati in strutture di accoglienza, di cui 33 stranieri non accompagnati.

Pubblicato

-

In Trentino sono 200 i minori ospitati in strutture di accoglienza, di cui 33 stranieri non accompagnati.

Il Trentino in pochi anni sarebbe balzato dal penultimo al quinto posto assoluto nella classifica delle regioni più virtuose in tema di allontanamenti, superando anche la Provincia di Bolzano (2,4). lo dice il rapporto finale sugli affidamenti familiari e collocamenti in comunità del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e la recente risposta dell'Assessore alle politiche sociali Borgonovo Re.

Incrociando le statistiche infatti, in Trentino attualmente il 2,3 per mille dei bambini è allontanato dalle famiglie, mentre alla fine del 2012 il valore della nostra Provincia si attestava al 3,3 per mille. Meglio di noi solo Abruzzo (1,7) Campania e Friuli-Venezia Giulia (1,8) e Molise (2,1).

Pubblicità
Pubblicità

La Liguria (4,6) che nel 2010 deteneva il “primato” negativo, è stata superata dalla Sicilia (4,7 per mille). Queste cifre confermano il trend positivo della nostra Provincia Autonoma che pochi mesi fa avevano spinto l’Assessore alle politiche sociali del Comune di Trento ad affermare: “È un dato che non rammentiamo mai: la nostra Regione, la nostra Provincia hanno il più alto numero di rientri di bambini allontanati da casa.”

«Diamo certamente merito ad alcuni Assessorati e ad alcune Comunità di valle e poli sociali che hanno recepito la campagna di sensibilizzazione iniziata pochi anni fa da me, assieme al gruppo multidisciplinare trentino sugli affidamenti, ad alcune associazioni e pochi altri, che ha portato tra il resto all’approvazione dell’importante delibera 196 del 19 dicembre 2013 in cui il Comune di Trento accogliendo il mio ordine del giorno impegnava il Sindaco e la Giunta a proseguire» «nell'investimento sulle famiglie nell'ottica della prevenzione delle fragilità, implementando i servizi domiciliari specifici di supporto alle funzioni famigliari, le attività di promozione dell'affidamento e dell'accoglienza famigliare, la formazione continua di tutti gli attori ed operatori coinvolti nel processo di crescita dei minori e delle loro famiglie, riconoscendo pienamente le potenzialità e le risorse della famiglia stessa.» – afferma Gabriella Maffioletti.

Ma in Trentino ci sono ancora delle criticità. In Provincia il numero dei minori in affidamento etero-famigliare è calato drasticamente da 106 bambini nel 2012, agli attuali 57 bambini. «Questo ci porta – continua Maffioletti –  all’ultimo posto in questa specifica percentuale con il 2,2 per mille, il che indica che ci sono delle forti resistenze, come confermato anche dalla scelta operata dal proponente on. Giacomo Bezzi di ritirare la proposta di legge di riforma proposta in consiglio provinciale per evitare la bocciatura secca (anche se la sottoscritta avrebbe preferito che il documento fosse posto in discussione e votato in maniera tale da fare ricadere la responsabilità oggettiva in capo ai singoli consiglieri) e promulgate nella scandalosa conferenza “Cinque buone ragioni per accogliere i bambini e i ragazzi che vanno protetti”tenuta a Trento nel novembre del 2014. Per non parlare dei 101 bambini che vedono i genitori in visite protette (sebbene non siano violenti) dove non è permessa nessuna intimità, non possono parlare sottovoce o nella loro lingua e l’operatore li segue persino in bagno».

«C’è ancora molto da fare ma sono fiduciosa che perseguendo con azioni mirate a sostenere il principio della sussidiarietà orizzontale, attivando progetti di welfare di prossimità sul sorgere delle prime criticità in una vera fase di prevenzione ai disagi sociali (precarietà lavorativa, alloggiativa, educativa , separazione dei coniugi ecc.), implementando un lavoro di rete sociale che si indirizzi a sostegno della famiglia si raggiungerà un sistema all'avanguardia in cui i cittadini potranno sentire la vera mano” amica” dei servizi sociali e delle Istituzioni titolari di competenza una politica sociale il cui proprio obiettivo e priorità sia : mantenere il minore in famiglia implementandone le sue stesse risorse e la rete amicale e parentale di prossimità.»

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza