Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

I terroristi islamici sono già in Europa: combattono in Ucraina accanto all’Occidente

Dopo l’attentato dello scorso giovedì al Museo del Bardo di Tunisi, nel quale sono rimasti uccisi anche quattro italiani, il livello di attenzione sul Mediterraneo e sul rischio di emulazione degli attentati negli Stati che si affacciano su di esso, si è innalzato fino a sfiorare l’emergenza.

Pubblicato

-

Dopo l’attentato dello scorso giovedì al Museo del Bardo di Tunisi, nel quale sono rimasti uccisi anche quattro italiani, il livello di attenzione sul Mediterraneo e sul rischio di emulazione degli attentati negli Stati che si affacciano su di esso, si è innalzato fino a sfiorare l’emergenza.

Soprattutto il nostro Paese è a rischio ed è più vulnerabile di altri a causa degli ingenti flussi migratori che interessano l’Italia e che sfruttano proprio il Mar Mediterraneo per raggiungere le coste italiane meridionali, e attraverso i quali militanti dello Stato islamico e terroristi potrebbero arrivare in Europa.

Ma nessuno parla del fatto che nel nostro continente in realtà gli jihadisti sono già arrivati e da tempo. Sì, perché da varie fonti ormai è stata accertata la presenza di militanti del sedicente Stato islamico nella ferita aperta dell’Europa: nel teatro di guerra ucraino.

Pubblicità
Pubblicità

Già qualche mese fa si è cominciato a parlare di jihadisti in Europa con riferimento al nucleo islamico presente in Cecenia che si sarebbe unito alle forze nazionali ucraine nella loro lotta ai separatisti filo-russi.

Tutto è partito dal presunto assassinio da parte delle forze ucraine filo-russe attive nel Donetsk, di Wahid Bamatgireev, terrorista islamico ceceno, presidente del Comitato per il diritto della Sharia e dello Stato della Repubblica cecena di Ichkerija, nonché responsabile del Tribunale della Sharia.

Oggi non ci sono più dubbi sull’attività e sul ruolo nella guerra in Ucraina del “Battaglione Dudaev”, una intera unità militare composta da islamisti di origine cecena che da mesi sostengono, in un modo che sfiora la clandestinità, la causa del governo ucraino contro i ribelli separatisti del Donetsk.

Pubblicità
Pubblicità

Gli jihadisti ceceni sarebbero arrivati in Ucraina tramite il partito nazionalista ucraino Settore Destro, un collettivo paramilitare della destra ultranazionalista. Condividendo con questa organizzazione l’odio per i russi che nel conflitto ucraino sostengono i separatisti dell’Est, il gruppo terrorista ceceno ha affiancato i militanti del Settore Destro nei conflitti a fuoco con la sedicente Repubblica popolare del Donetsk.

Non è finita qui. Oltre agli jihadisti ceceni, il cui rancore nei confronti della Russia può essere senza fatica ricondotto ad un passato di deportazioni, soprusi e sottomissione, in Ucraina sono attivi circa 300 miliziani provenienti dalla Siria. Il sostegno dei miliziani dello Stato islamico sarebbe motivato dalla volontà di ricambiare l’aiuto che gli ucraini prestarono al popolo ceceno durante la guerra contro la Russia.

La situazione dunque è già giunta a quel livello di allarme e di emergenza che gli Stati europei si apprestano a prevenire. Le forze dell’ISIS, gli jihadisti, i terroristi islamici, i tagliagole o in qualunque modo vogliate definirli, in Europa ci sono già.

L’Occidente non vede, non vuol vedere oppure vede e non dice ?

Gli Stati Uniti sarebbero ormai pronti a rifornire l’Ucraina di armi per potersi difendere dai ribelli filo-russi e magari porre fine a scontri che da troppo tempo si trascinano lungo i confini orientali del Paese.

Ma alla luce di quanto ormai sembra essere confermato circa la presenza di terroristi islamici al fianco delle truppe regolari ucraine, in questo modo gli Stati Uniti, e con essi anche gli alleati europei, andrebbero a rifornire, direttamente o indirettamente che sia, proprio quello Stato islamico che dicono di voler combattere.

Siamo di fronte all’ennesima contraddizione dell’Occidente. In Ucraina si combatte accanto e insieme a chi definiamo il nostro nemico. Il tempo della prevenzione è finito. E forse più che quello dello scontro diretto, è arrivato il tempo delle giustificazioni.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori
    Dal Governo si lavora a nuove regole per lo smart working post emergenza covid-19, tra queste la riduzione delle tasse in busta paga e sgravi per le imprese. Da luglio, Camera e Senato hanno presentato... The post Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori appeared first on Benessere […]
  • Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse
    Una delle novità anticipata dall’ex Ministro dell’università, Manfredi e concretizzata dall’attuale Cristina messa prevede ad allargare la no tax area per gli studenti universitari, comprendo i costi fino alla fascia reddituale di 22 mila euro.... The post Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse appeared […]
  • Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli
    Dall’Unione Europa arriva il via libera agli aiuti di Stato per le imprese italiane colpite economicamente dalla pandemia Covid-19. I gravi effetti economici causati dall’arrivo del Coronavirus stanno avendo ancora pesanti ripercussioni per le attività... The post Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli e le novità
    Anche quest’anno torna il bonus pubblicità per le aziende puntano su investimenti pubblicitari, con l’invio delle domande che partirà dal 1 fino al 31 ottobre 2021. Bonus pubblicità 2021 Per il 2021 -2022, il credito... The post Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli […]
  • Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri
    Da novembre 2021 i costi di revisione delle auto aumenteranno. Decisione concordata dai Ministeri dell’Economia e della Mobilità Sostenibile. Dal 1 novembre aumenti prezzi revisione auto L’aumento che inizialmente sarebbe dovuto partire il 30 gennaio,... The post Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri appeared first on Benessere Economico.
  • Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro
    Il Ministro dello Sviluppo economico, Giorgetti ha attivato un fondo pari a 140 milioni di euro a sostegno delle attività rimaste chiuse in conseguenza delle misure restrittive anti-Covid. In dettaglio Il fondo avvivato dal Ministero... The post Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro appeared first on Benessere Economico.
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]
  • L’Italia e i boschi incantati: alla scoperta di fate, gnomi e folletti
    Ogni stagione con i suoi profumi e i suoi colori, invita qualsiasi escursionista ad esplorare la natura che, tra vegetazione ed alberi si mostra in tutto il suo splendore. In particolare, l’Italia è nota per essere una miniera di patrimoni artistici e culturali inestimabili capaci di scatenare la curiosità di grandi e piccini, con la […]

Categorie

di tendenza