Connect with us
Pubblicità

Trento

Esercitazione in galleria a Martignano, simulato incidente

Notte, una galleria, un incidente con un incendio, il fumo che invade tutto lo spazio, macchine in colonna, un ulteriore tamponamento, persone incastrate nei mezzi: un incubo se fosse vero e per i soccorritori una sfida tra le più impegnative, perché l'incendio in una galleria, ce lo insegna la cronaca, è quanto di peggio possa capitare.

Pubblicato

-

Notte, una galleria, un incidente con un incendio, il fumo che invade tutto lo spazio, macchine in colonna, un ulteriore tamponamento, persone incastrate nei mezzi: un incubo se fosse vero e per i soccorritori una sfida tra le più impegnative, perché l'incendio in una galleria, ce lo insegna la cronaca, è quanto di peggio possa capitare.

Per fortuna si è trattato di un'esercitazione, una simulazione, organizzata però in modo da sembrare realtà. Si è svolta ieri sera nelle gallerie di Martignano, chiuse e con il traffico deviato, ed ha coinvolto circa sessanta figuranti e una cinquantina di macchine oltre al personale e ai mezzi di soccorso.

PubblicitàPubblicità

E' stato simulato un incidente stradale tra due autovetture con conseguente incendio all’interno della canna discendente (in direzione Trento). La manovra ha restituito importanti indicazioni agli operatori: vigili del Fuoco del Corpo permanente, pompieri volontari di Trento, Cognola, Pergine, Civezzano e Gardolo, oltre a CRI Pergine, Croce Bianca Trento, Trentino Emergenza 118, Polizia Locale Trento – Monte Bondone, personale provinciale addetto al settore strade e alcuni osservatori.

"E' molto importante – ha detto il comandante del Corpo permanente dei Vigili del Fuoco di Trento ingegner Stefano De Vigili – testare le proprie capacità tecniche e il coordinamento tra attori diversi in un contesto difficile e, nella realtà, pericoloso sia per le vittime che per i soccorritori come una galleria".

Per l'esercitazione, iniziata con le prime riunioni e gli allestimenti verso le 20.30 di ieri e conclusa, almeno per la parte strettamente operativa, dopo la mezzanotte, è stata scelta un’arteria di grande comunicazione, quale la SS 47 della Valsugana, che a causa dei grandi volumi di traffico risulta più esposta e più sensibile ad incidenti stradali, intesi sia come collisione di veicoli, sia come emergenze che coinvolgono sostanze pericolose, in particolare carburanti. Si è scelto in particolare un evento caratterizzato da un impatto tra autovetture, con conseguente principio d’incendio.

Pubblicità
Pubblicità

Lo sviluppo di prodotti di combustione, tossici e ad alta temperatura, combinato alla riduzione della visibilità, all’interno d’un ambiente confinato qual è la galleria, determina un alto livello di pericolo, sia per le persone coinvolte direttamente dall’evento o bloccate in coda, sia per le squadre di soccorso. La cronaca degli ultimi anni ci conferma quanto possa essere letale uno scenario come questo.

Alle 20.30 è stata quindi chiusa la canna discendente (in direzione Trento) ed è stato allestito lo scenario. Alle 22. 00 è stata chiusa la canna ascendente (in direzione Pergine) e subito dopo è iniziata la manovra, con una chiamata di soccorso partita da una colonnina SOS verso la centrale dei Vigili del Fuoco del Corpo permanente. E poi si è trattato di attendere alcuni minuti per l'arrivo dei soccorritori che per prima cosa si sono occupati di spegnere l'incendio (simulato grazie all'aiuto di apparecchiature che producevano fumo artificiale), allontanare le persone in grado di muoversi e prestare soccorso a quelle rimaste nei mezzi coinvolti, liberandole anche con le pinze idrauliche prima di affidarle alle cure dei sanitari.

Molte professionalità sono state chiamate ad operare contemporaneamente e in modo il più possibile coordinato e veloce in uno spazio contenuto. Assistere all'esercitazione rendeva efficacemente l'idea di quanto possa essere complessa un'operazione di soccorso e quanto organizzazione, preparazione tecnica e padronanza di sé siano fattori fondamentali. La galleria di Martignano ha consentito quindi di testare la procedura prevista in casi simili, che prevede di spostare le persone coinvolte dalla canna “calda” a quella “fredda”. L’occasione è servita anche per rinnovare la collaborazione tra enti e corpi coinvolti nella complessa macchina del soccorso. "L'esercitazione – ha aggiunto l'ingegner De Vigili – ci ha fornito indicazioni molto interessanti sui problemi che si incontrano in queste operazioni e sulle modalità di risposta. Valuteremo ogni dettaglio nella riunione di analisi, in gergo Debriefing, che si fa dopo ogni esercitazione".

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Il mega – yacht a forma di cigno: la straordinaria opera futurista dell’industria navale italiana
    La sintesi tra i confini della tecnologia e i massimi livelli di design applicati alla nautica è stata svelata e prende il nome decisamente caratteristico di “Avanguardia”, il nuovo yacht che nei prossimi mesi si farà sicuramente notare nei mari di tutto il mondo. Quest’opera avveniristica dell’industria navale salta agli occhi per la sua inconfondibile forma […]
  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]

Categorie

di tendenza