Connect with us
Pubblicità

Trento

Esercitazione in galleria a Martignano, simulato incidente

Notte, una galleria, un incidente con un incendio, il fumo che invade tutto lo spazio, macchine in colonna, un ulteriore tamponamento, persone incastrate nei mezzi: un incubo se fosse vero e per i soccorritori una sfida tra le più impegnative, perché l'incendio in una galleria, ce lo insegna la cronaca, è quanto di peggio possa capitare.

Pubblicato

-

Notte, una galleria, un incidente con un incendio, il fumo che invade tutto lo spazio, macchine in colonna, un ulteriore tamponamento, persone incastrate nei mezzi: un incubo se fosse vero e per i soccorritori una sfida tra le più impegnative, perché l'incendio in una galleria, ce lo insegna la cronaca, è quanto di peggio possa capitare.

Per fortuna si è trattato di un'esercitazione, una simulazione, organizzata però in modo da sembrare realtà. Si è svolta ieri sera nelle gallerie di Martignano, chiuse e con il traffico deviato, ed ha coinvolto circa sessanta figuranti e una cinquantina di macchine oltre al personale e ai mezzi di soccorso.

Pubblicità
Pubblicità

E' stato simulato un incidente stradale tra due autovetture con conseguente incendio all’interno della canna discendente (in direzione Trento). La manovra ha restituito importanti indicazioni agli operatori: vigili del Fuoco del Corpo permanente, pompieri volontari di Trento, Cognola, Pergine, Civezzano e Gardolo, oltre a CRI Pergine, Croce Bianca Trento, Trentino Emergenza 118, Polizia Locale Trento – Monte Bondone, personale provinciale addetto al settore strade e alcuni osservatori.

"E' molto importante – ha detto il comandante del Corpo permanente dei Vigili del Fuoco di Trento ingegner Stefano De Vigili – testare le proprie capacità tecniche e il coordinamento tra attori diversi in un contesto difficile e, nella realtà, pericoloso sia per le vittime che per i soccorritori come una galleria".

Per l'esercitazione, iniziata con le prime riunioni e gli allestimenti verso le 20.30 di ieri e conclusa, almeno per la parte strettamente operativa, dopo la mezzanotte, è stata scelta un’arteria di grande comunicazione, quale la SS 47 della Valsugana, che a causa dei grandi volumi di traffico risulta più esposta e più sensibile ad incidenti stradali, intesi sia come collisione di veicoli, sia come emergenze che coinvolgono sostanze pericolose, in particolare carburanti. Si è scelto in particolare un evento caratterizzato da un impatto tra autovetture, con conseguente principio d’incendio.

Lo sviluppo di prodotti di combustione, tossici e ad alta temperatura, combinato alla riduzione della visibilità, all’interno d’un ambiente confinato qual è la galleria, determina un alto livello di pericolo, sia per le persone coinvolte direttamente dall’evento o bloccate in coda, sia per le squadre di soccorso. La cronaca degli ultimi anni ci conferma quanto possa essere letale uno scenario come questo.

Alle 20.30 è stata quindi chiusa la canna discendente (in direzione Trento) ed è stato allestito lo scenario. Alle 22. 00 è stata chiusa la canna ascendente (in direzione Pergine) e subito dopo è iniziata la manovra, con una chiamata di soccorso partita da una colonnina SOS verso la centrale dei Vigili del Fuoco del Corpo permanente. E poi si è trattato di attendere alcuni minuti per l'arrivo dei soccorritori che per prima cosa si sono occupati di spegnere l'incendio (simulato grazie all'aiuto di apparecchiature che producevano fumo artificiale), allontanare le persone in grado di muoversi e prestare soccorso a quelle rimaste nei mezzi coinvolti, liberandole anche con le pinze idrauliche prima di affidarle alle cure dei sanitari.

Molte professionalità sono state chiamate ad operare contemporaneamente e in modo il più possibile coordinato e veloce in uno spazio contenuto. Assistere all'esercitazione rendeva efficacemente l'idea di quanto possa essere complessa un'operazione di soccorso e quanto organizzazione, preparazione tecnica e padronanza di sé siano fattori fondamentali. La galleria di Martignano ha consentito quindi di testare la procedura prevista in casi simili, che prevede di spostare le persone coinvolte dalla canna “calda” a quella “fredda”. L’occasione è servita anche per rinnovare la collaborazione tra enti e corpi coinvolti nella complessa macchina del soccorso. "L'esercitazione – ha aggiunto l'ingegner De Vigili – ci ha fornito indicazioni molto interessanti sui problemi che si incontrano in queste operazioni e sulle modalità di risposta. Valuteremo ogni dettaglio nella riunione di analisi, in gergo Debriefing, che si fa dopo ogni esercitazione".

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza