Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Strage Tunisi: salgono a 22 le vittime, 4 sono italiani

A 24 ore dalla carneficina che ha sconvolto la Tunisia, il bilancio resta ancora avvolto nel mistero.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

A 24 ore dalla carneficina che ha sconvolto la Tunisia, il bilancio resta ancora avvolto nel mistero.
 
I morti sarebbero almeno 22, di cui 4 italiani. La notizia è stata confermata in tarda serata da fonti qualificate dell’ambasciata italiana. Ma i conti non tornano. Il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, parla invece di due italiani morti e due dispersi. 
 
Accertato invece che sono stati cinque uomini armati travestiti da militari che hanno assaltato ieri il celebre museo del Bardo, nel cuore di Tunisi, accanto al Parlamento, che forse era il loro obiettivo originario, dal quale sarebbero stati respinti. C’è stata una sparatoria, un assedio con decine di turisti presi in ostaggio – drammatiche le immagini di ragazzi e bambini seduti a terra nel museo twittate dagli stessi ostaggi – e poi si è consumata la strage: 22 morti, secondo l’ultimo bilancio diffuso dal governo, e almeno una cinquantina di feriti. 
 
La situazione è comunque ancora in evoluzione. Tra le vittime accertate ci sono Francesco Caldara, un pensionato 64enne di Novara che era in crociera con la compagna Sonia Reddi (55), anche lei ferita gravemente. E un torinese, Orazio Conte, 54 anni, in viaggio con gli amici impiegati del Comune di Torino. Erano sbarcati in mattinata a La Goulette dalla nave Costa Fascinosa per un giro della città da concludere con la full immersion nei mosaici dell’ex residenza dei Bey Husseiniti: a tarda notte, all’appello a bordo mancavano ancora 17 italiani, 6 feriti e 8 irrintracciabili.
 
Un blitz delle forze antiterrorismo tunisine ha messo fine dopo un paio d’ore all’assedio, con le immagini rimandate da tutte le tv degli ostaggi che fuggivano terrorizzati e protetti dalle unità speciali. L’Isis ha espresso il suo plauso per l’attacco, ma non una piena rivendicazione.
 
Due degli attentatori, entrambi di nazionalità tunisina, sono morti, mentre tre membri del commando sarebbero riusciti a fuggire. In serata due sospetti sono stati arrestati. I killer erano giovani, giovanissimi e venivano «dalle montagne». Le indagini portano dritto alla Katiba Uqba ibn Nafi. Un gruppo che conduce da due anni una guerriglia sanguinosa nella zona attorno al passo di Kasserine. Ufficialmente la colonna tunisina dell’Al Qaeda nel Maghreb islamico (Aqmi) che però dall’estate scorsa strizza l’occhio all’Isis. 
 
Al momento dell’attacco, nel luogo della sparatoria erano in circolazione tre bus turistici con i partecipanti alla crociera sulle navi Costa Fascinosa e Msc Splendida. Tra loro, un gruppo di dipendenti del Comune di Torino.
 
Gran parte degli italiani coinvolti facevano parte del gruppo appena sbarcato dalla nave Costa. «L’Italia non si farà intimorire», ha assicurato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha parlato di «inaudita violenza». Mentre il premier Matteo Renzi ha espresso vicinanza al governo ed alle autorità tunisine. «In queste ore di dolore, con il cuore e con la mente siamo vicini alle famiglie dei nostri connazionali coinvolti nella tragedia di Tunisi», ha poi twittato in serata.
 
 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento14 minuti fa

Presentato il nuovo assetto della psichiatria trentina

Trento48 minuti fa

Safer Internet Day 2023: l’impegno per rafforzare l’alleanza scuola, famiglia, esperti e comunità

Trento1 ora fa

Materne aperte a luglio, polemica sui dati. Maestri (PD): «Sono apparentemente gonfiati»

Politica12 ore fa

Fedriga presenta la sua lista personale: Salvini e la Lega spariscono dai simboli

Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

Nuovi orari per il Crm di Fai della Paganella

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

“Per chi splende questo lume”: a Fondo la storia di Virginia Gattegno

Vita & Famiglia13 ore fa

Sanremo. Pro Vita & Famiglia: «Amadeus e Rai lascino in pace i bambini»

Piana Rotaliana13 ore fa

Mezzolombardo, da giovedì via ai lavori agli uffici postali (che potrebbero durare meno del previsto)

Alto Garda e Ledro15 ore fa

Rolex finisce negli oggetti smarriti del comune, la polizia Locale però scopre che è un falso

Trento15 ore fa

Vigili del fuoco volontari, la nuova sede a Ravina nei pressi dell’uscita A22

Trento16 ore fa

Corte dei Conti, nominato l’ex Commissario del Governo, Gianfranco Bernabei

Italia ed estero16 ore fa

Piccolo miracolo in Siria, neonata trovata viva tra le macerie

Val di Non – Sole – Paganella16 ore fa

Alla Csen Arena di Cavareno arrivano i campi da padel

Le ultime dal Web16 ore fa

Il web si scatena: chi è e perché nelle ultime ore viene nominato Frank Hoogerbeets?

Val di Non – Sole – Paganella16 ore fa

“Predaia Arte & Natura”: aperte le iscrizioni alla quinta edizione del simposio di scultura

Trento2 settimane fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento3 giorni fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro2 settimane fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Trento21 ore fa

Occupazione abusiva Cognola: dopo il danno arriva anche la beffa

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento3 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento4 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena7 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza