Connect with us
Pubblicità

Trento

Nomine partecipate provincia: Rossi cede al Pd

Ugo Rossi aveva depositato un ddl a sua firma che prevedeva l'eliminazione del parere preventivo della prima commissione sui candidati da nominare nelle partecipate e fondazioni pubbliche.

Pubblicato

-

Ugo Rossi aveva depositato un ddl a sua firma che prevedeva l'eliminazione del parere preventivo della prima commissione sui candidati da nominare nelle partecipate e fondazioni pubbliche.
 
In poche parole il governatore intendeva avere mano libera sulla possibile nomina dei cosi detti «trombati» alle elezioni. (ne avevamo parlato ampiamente qui). Ma il Pd si è messo subito di traverso e ha fatto fare retromarcia al governatore grazie a Luca Zeni che ha presentato un ddl che invece al contrario vedeva protagonista la prima commissione provinciale nella scelta dei dirigenti della aziende provinciali. 
 
Un accordo raggiunto dopo una lunga e a tratti animata discussione con il presidente della Giunta Ugo Rossi, ha permesso alla prima Commissione di emendare e approvare con quattro voti favorevoli e tre di astensione il ddl 69 proposto da Luca Zeni (Pd) che modifica la legge 10 del 2010 da cui sono disciplinate le nomine nei consigli di amministrazione e nei collegi dei revisori degli enti strumentali e delle società controllate dalla Provincia. 
 
L'esame finale di questo disegno di legge e di quello proposto da Filippo Degasperi (M5s) per garantire maggiore indipendenza agli organi di controllo degli enti strumentali della Provincia, che è invece stato respinto, è previsto nella sessione di aprile del Consiglio provinciale. 
 
RUOLO COMMISSIONE RAFFORZATO – Soddisfatto al termine dei lavori Zeni, secondo cui i sei emendamenti elaborati in un'apposita pausa dei lavori e poi votati dalla maggioranza – per la quale oltre a lui erano presenti anche Passamani dell'Upt, Civico del Pd e Kaswalder del Patt, mentre si sono astenuti Borga (Civica trentina), Fugatti (Lega nord) e Simoni (Progetto trentino) – da un lato rafforzano il parere che la commissione consiliare competente è chiamata ad esprimere sulle candidature con un taglio, ecco la novità, meno tecnico (valutazione di titoli, requisiti e incompatibilità) e più politico perché riferito alla mission dell'ente interessato, dall'altro prevedono maggiore trasparenza e pubblicità da parte della Giunta nel motivare in modo più articolato le nomine. 
 
Nelle dichiarazioni di voto finali, Mattia Civico (Pd) ha sottolineato la necessità che la Giunta non anticipi la preferenza per determinati nominativi mentre è ancora in corso la procedura di selezione dei candidati che lo stesso esecutivo è tenuto a scegliere, perché questo inficia la correttezza del processo. Occorre totale riservatezza prima e durante i lavori della Commissione. 
 
All'intesa si è arrivati dopo che Zeni ha rinunciato alle parti del proprio ddl che affidavano alla commissione consiliare competente il compito di selezionare tra tutti i candidati una rosa di persone dotate di adeguati requisiti e competenze professionali, pari al triplo più uno delle nomine da effettuare, lasciando poi alla Giunta discrezionalità nella scelta del soggetto da preferire.
 
I nuovi commi 2 e 3 del ddl stabiliscono invece che l'elenco delle candidature formato dalla Giunta sia inviato alla commissione consiliare competente in materia di nomine e designazioni, commissione che si esprimerà entro 30 giorni trascorsi i quali si prescinde dal parere. "Il parere espresso dalla commissione su una o più candidature – prosegue il testo dell'emendamento firmato da Rossi e Zeni – deve essere motivato con riferimento ai requisiti previsti dalla legge o dall'ordinamento dell'ente. Ancora, "con riferimento a una nomina o designazione, la commissione può segnalare l'opportunità che per queste siano richieste specifiche competenze professionali".
 
La Giunta nominerà o designerà solo persone comprese nell'elenco inviato alla commissione "dando specifiche motivazioni rispetto alla scelta". L'esecutivo dovrà anche motivare la scelta di un candidato sul quale l'organismo consiliare competente aveva espresso parere negativo. 
 
Sulle motivazioni insiste in particolare l'emendamento  proposto dal presidente Rossi e approvato con tre voti di astensione che modifica la legge 10 del 2010 prevedendo che la Provincia garantisca "la pubblicità delle nomine e designazioni da essa effettuate secondo le modalità previste dalla normativa in materia di trasparenza nella pubblica amministrazione" (del 2014), "anche ai fini dell'informazione al Consiglio provinciale". Ancora con la modifica approvata la Giunta dovrà individuare il candidato alla carica motivando le ragioni della preferenza dello stesso rispetto ad altri candidati, in particolare in ragione dei seguenti criteri: competenza e attinenza del curriculum vitae rispetto alla carica, indipendenza ed assenza di conflitti di interesse, rotazione delle cariche e degli incarichi"
 
REVISORI SCELTI DA GIUNTA E COMMISSIONE  – Un altro emendamento recepito nel ddl di Zeni ma originariamente concepito dal presidente Rossi per modificare la normativa proposta da Filippo Degasperi del M5s, è riferito alla nomina dei componenti degli organi di controllo. Degasperi ha rifiutato l'emendamento di Rossi che avrebbe a suo giudizio snaturato il ddl togliendo dal testo il riferimento al meccanismo del sorteggio da utilizzare per la scelta dei revisori dei conti negli enti strumentali e in altre strutture della Provincia, in modo da "favorire l'indipendenza" degli organi di controllo.
 
Il disegno di legge di Degasperi è stato quindi respinto dalla prima Commissione con cinque voti contrari, compreso quello di Simoni di Progetto trentino, e due a favore (Borga e Fugatti). La modifica accolta a questo punto da Zeni stabilisce che presso la Provincia sia istituito un elenco per le nomine e le designazioni dei revisori dei conti e dei componenti dei collegi sindacali. Prosegue l'emendamento: "Possono chiedere di essere iscritti all'elenco presentando apposita domanda corredata da curriculum vitae, i soggetti iscritti al registro dei revisori dei conti o i funzionari dell'amministrazione provinciale che abbiano maturato un'esperienza in materia finanziario-contabile di almeno 3 anni…"
 
La Giunta provvede alla nomina o alla designazione dei revisori dei conti o dei componenti del collegio sindacale tra gli iscritti nell'elenco. Nei collegi sindacali delle società controllate dalla Provincia, nel caso in cui spetti a quest'ultima la nomina o la designazione di almeno due componenti e non sia già riservata al consiglio provinciale una nomina o designazione, la commissione provinciale competente in materia ne indicherà uno.
 
Accolto infine anche un altro emendamento di Zeni che vieta per due anni la nomina o la designazione in una carica compresa fra quelle disciplinate dalla legge se l'interessato ha ricoperto una o più cariche per dieci anni consecutivi.
 
Molte critiche invece sono arrivare dal consigliere del Patt Baratter che ha definito questa norma, «un rigurgito demagogico e l'ennesima posizione ideologica del Pd, che si accanisce sui candidati non eletti come fosse un onta aver partecipato ad una competizione elettorale – aggiungendo – che questo comportamente del Pd pare l'antitesi mentale di ciò di chi ci si aspetterebbe da chi si definisce democratico»
 
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]

Categorie

di tendenza