Connect with us
Pubblicità

Trento

La sconcertante attualità de “I Buddenbrook” ovvero riflessioni sul futuro del ceto medio europeo.

Ieri sera ho visto nuovamente in DVD "I Buddenbrook: decadenza di una famiglia" di Thomas Mann (Buddenbrooks – Verfall einer Familie, in tedesco) nella versione cinematografica del 2008 di Heinrich Breloer, è un film che vi consiglio vivamente.

Pubblicato

-

Ieri sera ho visto nuovamente in DVD "I Buddenbrook: decadenza di una famiglia" di Thomas Mann (Buddenbrooks – Verfall einer Familie, in tedesco) nella versione cinematografica del 2008 di Heinrich Breloer, è un film che vi consiglio vivamente.

La versione TV andata in onda in Italia su Sky nel 2011, diretta sempre dallo stesso regista e pluripremiata nel mondo germanico ma anche al Roma Fiction Fest del 2009, è una miniserie in due puntate con un’aggiunta di quaranta minuti rispetto alla versione cinematografica, che l’avvicina ulteriormente al modello letterario.

Pubblicità
Pubblicità

Mi permetto suggerirvi la visione del film, oppure ancor meglio, la lettura del romanzo perché l’eccezionalità di questo capolavoro della letteratura del novecento europeo edito nel 1901 e che fruttò il premio Nobel per la letteratura al suo autore nel 1929, è di un’attualità sconcertante e quindi potrebbe esserci di aiuto, o almeno di conforto, quale spunto di riflessione in questi tempi di totale incertezza sul futuro.

I Buddenbrook narra la storia e le vicissitudini di una ricca famiglia di mercanti tedeschi di Lubecca che, nel XIX secolo, attraverso quattro generazioni passa da una grande prosperità economica al declino, rispecchiando così l’incapacità dei protagonisti ad adeguarsi ed a reagire alla trasformazione della società tedesca dell’epoca ed al cambiamento dei valori da essa sottesi.

L’intento del regista è quello di scavare in profondità nei protagonisti e di raccontarne i rispettivi stati d’animo ed i conflitti interni che essi vivono scontrandosi con una quotidianità che, giorno dopo giorno, gli appartiene sempre meno e dalla quale vengono irrimediabilmente schiacciati.

Il regista dimostra che i temi del romanzo: i valori della famiglia, la casa, il valore personale dell’individuo, il ruolo dell’imprenditore, la crescita economica della ditta ai tempi della globalizzazione (l’attuale mercato globale versus il mercato unificato della Germania dal 1871 in poi) ora come allora, restituiscono la cronaca di un declino che sembra inarrestabile.

Pubblicità
Pubblicità

La rappresentazione di Breloer, scorre agevolmente, per lo sforzo del regista di voler raccontare una storia attuale anche se in veste antica, lo spettatore è coinvolto in una storia familiare e sociale che potrebbe benissimo appartenere ai giorni nostri e ancor più, potrebbe esser proprio la sua.

Lo spettatore vive assieme ai personaggi del romanzo le incertezze per il futuro, l’insostenibilità e la crisi dei modelli sociali e soffre per la perdita dei valori che lo rassicurano, a mano a mano che sacrifica i propri sentimenti e snatura il proprio essere per offrire un’immagine patinata di sé stesso al resto della società civile, con la conseguenza di piombare in una crisi identitaria e di non riconoscersi più nel mondo dal quale proviene; sensazione che quotidianamente i più sensibili tra noi sicuramente provano, almeno da qualche anno a questa parte.

H. Breloer e prima di lui T. Mann ci raccontano in maniera avvincente il destino, la storia, le passioni, la politica, la rivoluzione, l’ascesa e la decadenza di una famiglia e di un’intera società.

Con i debiti parallelismi, riscontriamo analogie inquietanti: allora la primavera dei popoli, oggi la primavera araba, in passato la caduta della grande borghesia commerciale tedesca, ai giorni nostri lo sgretolamento progressivo ed inarrestabile del ceto medio europeo.

Questa saga familiare, e in fin dei conti sociale, è ancora interessante a più di un secolo di distanza proprio per l’attualità dei temi trattati.

Nella rappresentazione di Breloer è evidente la marcata analogia fra gli eventi storici della Germania del XIX secolo e, mutatis mutandis, l’attuale momento storico di crisi di ideali e di valori vissuto dalla società occidentale e legato principalmente alla crisi della finanza e dell’economia, con le relative ripercussioni sul tessuto sociale, sulle famiglie e sui singoli.

La società umana dell’epoca al pari di quella odierna è la vittima sacrificale ed inerme del cambio dei paradigmi che regolano i mercati e che determinano la caduta delle certezze e dei valori di un tempo.

La mancata sostituzione dei vecchi valori con altri più nuovi e più solidi, l’indecisione e la debolezza della politica nei confronti della forza dei gruppi finanziari, conducono alla polverizzazione della società civile, all’annientamento dell’individuo in quanto persona ed all’annichilimento dello spirito umano.

Oggi la globalizzazione dilagante, il decentramento della produzione, lo sfruttamento dei Paesi emergenti, lo spostamento di masse di migranti non solo più dal terzo mondo ma anche da una regione d’Europa all’altra, alla ricerca di un lavoro, di condizioni di vita migliori, di un welfare sempre più soggetto a tagli e restrizioni e che sempre meno gli Stati nazionali dell’occidente decadente riescono ad assicurare, ci stanno conducendo inevitabilmente ad un nuovo olocausto sociale.

L’epopea generazionale dei Buddenbrook si conclude con la morte per tifo del giovane Hanno, estinguendo definitivamente in quella metafora le speranze di riscatto della propria famiglia e dell’intera società borghese tedesca da essa rappresentata, mentre il nuovo avanza inesorabilmente.

Nel romanzo, la debolezza è la cifra costante, irreversibile, e in un certo senso consapevole e autodistruttiva, che favorirà l’affermazione delle classi popolari e la fine della classe borghese dei Mann-Buddenbrook, sempre più raffinata e sensibile, ma sempre più incapace di far fronte ai cambiamenti e di difendersi.

La condizione odierna del ceto medio europeo è oggi analoga a quella della borghesia del XIX secolo, ma quest’ultima, a chi cederà il posto? A favore di chi, o per cosa verrà immolata?

L’analogia di quel momento con questo momento, dell’allora con l’adesso, l’ascesa della nuova classe che sorpassa quella dominante e immobile, può essere paragonata all’attacco delle nuove economie del mondo che mettono in crisi i giganti statici dell’occidente.

Il mondo in rapida evoluzione sembra schiacciare oggi l’essenza del ceto medio europeo, come nel XIX secolo ha schiacciato i Buddenbrook, i Mann e la classe borghese tedesca senza dargli il tempo di elaborare e di comprendere i propri drammi interiori, adeguarsi e reagire per sopravvivere.

Il capolavoro di T. Mann in questo momento di crisi economica, o a dir meglio, di grande recessione, di declino del potere economico e di caduta delle grandi dinastie industriali occidentali è sempre attuale.

Oggi come allora gli stati dell’Europa centrale vivono l’angoscia della propria decadenza mentre all’orizzonte nuovi ricchi e nuove civiltà si affacciano inesorabilmente sulla scena della storia lottando per conquistare un posto di primo piano, pensiamo all’affermazione dei neocapitalisti russi, cinesi e del medio ed estremo oriente sul mercato globale.

I Buddenbrook, è un vero codice della letteratura, non solo tedesca ma europea, un romanzo che restituisce ancora oggi l’analisi e la chiave di lettura di una intera civiltà.

L’invito è alla lettura dei classici europei, per il recupero della nostra storia, delle nostre tradizioni, dei nostri valori e delle nostre certezze, che se crollano cade tutto; solo ritrovando le nostre radici riusciremo infatti ad affrontare, in maniera più solida e consapevolmente, le tempeste future.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Una mozione per intitolare il Centro di Protonterapia di Trento al suo ideatore, il Prof. Renzo Leonardi

Pubblicato

-

Renzo Leonardi, scienziato, docente e fondatore del Centro europeo di fisica nucleare teorica a Trento è scomparso a luglio 2019 all’età di 79 anni.

Il professor Renzo Leonardi nato a Tuenno è stato colui che ha progettato il centro di protonterapia a Trento.

Il Centro, nato – primo in Italia – nell’ottobre 2014, ha già curato centinaia di pazienti e rappresenta una vera e propria eccellenza nel panorama della sanità italiana ed europea.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre, grazie ad una linea fissa di protoni che si aggiunge alle due linee dedicate ai trattamenti clinici, il Centro è stato pensato ed opera anche come infrastruttura di ricerca nazionale e internazionale, sostenuta da diversi enti, tra i quali l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

Il Prof. Renzo Leonardi, che questa struttura ha ideato, progettato e realizzato, e che ad essa ha dedicato parte della sua vita, è stato giustamente appellato come “Padre” della Protonterapia di Trento

Oltre che un grande scienziato, il professore emerito dell’Ateneo trentino conosciuto in tutta Europa, era uno dei massimi esperti di arte fiamminga e negli ultimi tempi si stava dedicando alla scrittura di un volume su Leonardo Da Vinci.

Membro del Laboratorio culturale noneso nato nel 2003 su iniziativa dell’allora Comune di Tuenno in collaborazione con alcune personalità del mondo accademico trentino, Renzo Leonardi era intervenuto in qualità di relatore in occasione di cinque edizioni della tradizionale settimana di studio autunnale.

Pubblicità
Pubblicità

Scienziato di riconosciuto livello mondiale, si è dedicato con caparbietà e intelligenza a questo disegno di reale crescita del Territorio, con il coinvolgimento di grandi capacità, di altri scienziati e premi Nobel.

Il suo è stato un impegno straordinario, giocato sul più elevato livello teorico, poi calato sulla concreta attuazione dei suoi grandi sogni, a beneficio di una Comunità che egli ha sempre voluto immaginare priva di confini.

Il professor Renzo Leonardi ha lasciato la moglie Anna Maria e i figli Antonio e Alessandra

Proprio perché il suo ricordo sia sempre vivo e non solo nel cuore delle persone che gli hanno voluto bene e come segno di riconoscenza nei sui confronti i consiglieri comunali della Lega hanno presentato un mozione al Sindaco Andreatta dove chiedono che si attivi la Provincia autonoma di Trento, l’Azienda Sanitaria e l’Università affinché, «come primo segnale di stima, riconoscenza e doverosa memoria, il Centro di Protonterapia di Trento sia intitolato al nostro illustre concittadino, il Prof. Renzo Leonardi».

La mozione è stata redatta con il consenso della famiglia dello scienziato e pare che il governatore Fugatti, già preventivamente avvisato, abbia dato parere favorevole in caso di risposta positiva della giunta Andreatta

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Urla e minacce, straniero dà in escandescenza in Cristo Re

Pubblicato

-

Episodio concitato verso le 19.00 nei pressi del parco Braille nel quartiere di Cristo Re. 

Un giovane dall’apparente età di 30 anni indonesiano ha dato completamente in escandescenza cominciando ad urlare frasi sconnesse alzando le mani verso il cielo.

Il giovane, il cui passo appariva molto incerto, si è aggirato per alcuni minuti nelle via Pancheri e Moggioli. 

Pubblicità
Pubblicità

Molte le persone che incrociandolo si sono spaventate e sono fuggite a gambe levate.

Io straniero ha fermato anche due macchine minacciando e inveendo contro i conducenti che sono fuggiti evitando il contatto. 

Numerosi residenti hanno assistito alla scena sui poggioli delle proprie case attirati dalle grida dell’uomo. Poi qualcuno ha allertato il 112 e i Carabinieri si sono messi sulle tracce del giovane.

 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

La sezione di Trento dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato festeggia il 40° anniversario di fondazione

Pubblicato

-

Compleanno da ricordare per la Sezione A.N.P.S. di Trento che, in occasione della celebrazione del 40° anniversario della sua fondazione, ha organizzato nella mattinata di ieri, giovedì 19 settembre, nella propria sede di Via F.lli Perini, il 5° Raduno dei componenti della 4° Compagnia del 2° Reparto celere di Padova, che nella metà degli anni 70 era distaccata a Trento. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza