Connect with us
Pubblicità

Trento

Orsi in Trentino: la popolazione è stabile, sono 41

Nel 2014, per il secondo anno consecutivo, la popolazione di orso presente in Trentino è rimasta sostanzialmente stabile. 

Pubblicato

-

Nel 2014, per il secondo anno consecutivo, la popolazione di orso presente in Trentino è rimasta sostanzialmente stabile. 

Il numero di animali considerato presente a fine 2014 è pari a 41 unità, dei quali 22 maschi, 17 femmine e 2 indeterminati. Di questi 20 adulti (9 maschi e 11 femmine), 14 giovani (10 maschi, 4 femmine) e 7 cuccioli (3 maschi, 2 femmine e 2 indeterminati). La popolazione stimata nel 2014 va da 41 a 51 esemplari, mentre sono 5 la cucciolate accertate. Sono i dati che emergono dal “Rapporto orso 2014”, giunto alla sua ottava edizione e redatto dall'Ufficio Faunistico del Servizio Foreste e Fauna della Provincia, con la collaborazione del Museo delle Scienze. Nel documento si fa il punto anche sulla presenza del lupo e della lince.

Il monitoraggio dell’orso è eseguito dalla Provincia autonoma di Trento in maniera continuativa da 40 anni. Alle tradizionali tecniche di rilevamento su campo si sono affiancate nel tempo la radiotelemetria, il videocontrollo automatico da stazioni remote, il fototrappolaggio e infine, a partire dal 2002, il monitoraggio genetico, tecnica che si basa sulla raccolta di campioni organici.

Pubblicità
Pubblicità

È stato condotto con il coordinamento del Servizio Foreste e fauna della PAT e la collaborazione dell’ISPRA, del PNAB, del MUSE e di volontari. In provincia di Trento nel 2014 sono stati raccolti complessivamente 688 campioni organici riferibili a predatori selvatici, 531 sono stati inviati per analisi genetiche.

Il fatto che il monitoraggio genetico sia stato condotto ormai per tredici anni consecutivi lo rende estremamente interessante, in quanto la durata nel medio lungo termine di tali attività (generalmente difficile da sostenere e quindi rara, forse addirittura senza precedenti), garantisce possibilità di analisi impensabili con sforzi di monitoraggio più frammentati.

Resta inteso che tutte le tecniche di monitoraggio citate non garantiscono di rilevare la totalità degli orsi presenti sul territorio, pertanto i dati del rapporto devono essere letti avendo presente tale limite intrinseco. Il monitoraggio genetico, che verrà effettuato anche nel 2015, si occuperà naturalmente anche dei due giovani orsi figli di Daniza.

Pubblicità
Pubblicità

I NUMERI DEL 2014 – Il numero minimo di animali considerati presenti a fine 2014 è pari a 41, dei quali 22 maschi, 17 femmine e 2 indeterminati, di questi 20 sono adulti (9 maschi e 11 femmine), 14 giovani (10 maschi, 4 femmine) e 7 cuccioli (3 maschi, 2 femmine e 2 indeterminati). Con ogni probabilità, anche nel 2014, il monitoraggio genetico effettuato sul territorio provinciale non ha rilevato la totalità degli esemplari costituenti la popolazione. Considerando come possibile/probabile la presenza anche degli individui non rilevati nel solo ultimo anno (10), ed escludendo quelli mancanti da due o più anni (19), la popolazione stimata nel 2014 va dunque da 41 a 51 esemplari.

La popolazione stimata nel 2014 evidenzia dunque una sostanziale stabilità della stessa nell’ultimo biennio a fronte invece di una crescita pressoché costante dal 2002 al 2012 (tasso medio di crescita del 17,3% sulla popolazione minima certa). Nel 2014 è stata accertata geneticamente la presenza di 5 cucciolate dell’anno, per un totale di 11 cuccioli nati, composte da tre cuccioli in due casi, da due cuccioli in altri due casi da un cucciolo nel quinto. Due sono state osservate nell’area del Brenta meridionale, una in val Rendena, una in val di Sole e l’ultima nell’area dello Sporeggio.
 

UTILIZZO DEL TERRITORIO – 39 dei 41 orsi rilevati e ritenuti presenti a fine 2014 sono stati presenti sul territorio trentino (33 solo in Trentino, 6 anche in province/regioni limitrofe). Dunque sono 2 gli esemplari che hanno stazionato solo fuori provincia: M29 rilevato in provincia di Brescia e M28 in quella di Bolzano. Tutti e 8 gli orsi individuati anche o solo fuori provincia nel 2014 sono maschi: 3 adulti e 5 giovani. Gli orsi che hanno frequentato anche la provincia di Bolzano sono stati 5, tutti sui versanti che vanno dalla destra orografica della val d’Ultimo alla destra Adige fino al confine con Trento (MJ4, MJ2G1, M22, M25, M28 ); il Veneto 2 (M4 e M19) e la Lombardia 3 (MJ2G1, M29 e M25).

Le localizzazioni riferite alla presenza di orsi complessivamente raccolte in provincia di Trento nel corso del 2014 sono state 1.006 Considerando anche gli spostamenti più lunghi effettuati dai giovani maschi nel corso
del 2014, la popolazione di orso bruno presente nelle Alpi centrali, che gravita prevalentemente nel Trentino occidentale, si è distribuita nel 2014 su un’area teorica di 13.567 km2 

I DANNI CAUSATI DALL'ORSO – Nel 2014 sono state inoltrate al Servizio Foreste e fauna 241 (194 nel 2013) denunce di danno da predatori selvatici. In 223 casi la chiamata era indirizzata alla denuncia di un possibile danno da orso bruno (216 nel Trentino occidentale e 7 in quello orientale), in 10 casi a un possibile danno da lupo (Lessinia e alta val Rendena) e in altri 4 casi a un possibile danno da altro predatore selvatico (volpe/martora). In altri 4 casi le richieste degli utenti erano indirizzate all’accertamento dei danni per i quali è stata esclusa, o non è stato possibile accertare, la responsabilità di un predatore selvatico. Sono pervenute al Servizio Foreste e Fauna della Provincia 197 istanze di indennizzo (11% in più rispetto al 2013), delle quali 175 sono state accolte (164 orso, 8 lupo, 2 volpe, 1 mustelidi), 4 sono in corso di definizione e 18 respinte. Sono stati complessivamente liquidati 99.900,00 € di indennizzi.

IL LUPO – Il monitoraggio nei confronti della specie ha avuto inizio in coincidenza con la ricomparsa della stessa sul territorio provinciale, vale a dire dal 2010. Anche per questa specie ci si è avvalsi, sin dall’inizio, dei tradizionali rilievi su campo, del fototrappolaggio e del monitoraggio genetico. Nel corso del 2014 sono stati registrati in provincia 46 dati riferibili alla presenza del lupo: 9 provengono dall’alta val di Non, 14 dalla val Rendena-Brenta meridionale, 23 dai monti Lessini. Per il quinto anno consecutivo è stato dunque possibile documentare la presenza del lupo sul territorio provinciale. In particolare sono stati almeno tredici i lupi che hanno gravitato in Trentino e in territori immediatamente limitrofi durante lo scorso anno.

LA LINCE – Il monitoraggio nei confronti della specie ha avuto inizio in coincidenza con il ritorno della stessa sul territorio provinciale, vale a dire dalla seconda metà degli anni ’80 del secolo scorso in relazione alla comparsa di alcuni esemplari nel Trentino orientale (presenza durata circa un decennio). Anche per questa specie ci si è avvalsi sin dall’inizio dei tradizionali rilievi su campo, del fototrappolaggio, del radio-tracking e del monitoraggio genetico. Come è noto, l’unico esemplare di lince certamente presente in provincia di Trento a partire dal 2008 è il maschio denominato B132, proveniente dalla piccola popolazione svizzera, reintrodotta, del Canton S. Gallo. L’ultima cattura di B132 (la terza) per sostituire il radiocollare ormai scarico è stata realizzata il 14 febbraio 2012

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa
    Come noto, nell’Unione Europea alcuni Paesi attuano politiche fiscali aggressive a scapito di altri. Di conseguenza, questa mossa consente loro di attirare molti investitori con una tassazione favorevole. In questo sistema si inserisce l’Osservatorio fiscale... The post Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa appeared first on Benessere Economico.
  • Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze
    Dopo anni di pressione dell’Unione Europea, Whasington cede e apre la possibilità di una tassa digitale globale per le multinazionali del web. Di cosa si tratta e come funziona L’accordo parla di un’imposta minima del... The post Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze appeared first on Benessere Economico.
  • Nuovo Portale di Reclutamento per la P.A.: l’unico spazio dove domanda e offerta si incontrano
    Con il nuovo Decreto varato dal Governo, esce anche il nuovo Portale del Reclutamento per la Pubblica Amministrazione, un luogo rivoluzionario dove si incontrerà domanda e offerta di lavoro pubblico. Di cosa si tratta All’interno... The post Nuovo Portale di Reclutamento per la P.A.: l’unico spazio dove domanda e offerta si incontrano appeared first on […]
  • Cresce la fiducia dei consumatori e delle imprese: Italia verso un trend positivo
    L’Italia rincorre la strada per la ripresa e cresce la fiducia dei consumatori che si riavvicina ai livelli pre-pandemia. I dati vengono confermati dall’Istituto nazionale di statistica, Istat che racconta di un’Italia più fiduciosa e... The post Cresce la fiducia dei consumatori e delle imprese: Italia verso un trend positivo appeared first on Benessere Economico.
  • Addio ai “furbetti” del Cashback, in arrivo avvisi per i pagamenti sospetti
    In previsione della chiusura del primo semestre del Cashback fissata per il 30 giugno 2021, gli utenti che hanno dato vita a movimento sospetti riceveranno un avviso. Cashback, il rimborso In quella data gli utilizzatori... The post Addio ai “furbetti” del Cashback, in arrivo avvisi per i pagamenti sospetti appeared first on Benessere Economico.
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]
  • Tempo di vacanze: conoscete già l’Hotel Alpen Tesitin a Tesido?
    A Monguelfo si trova un eccezionale luogo di benessere e relax, dove ci si dedica ai piaceri della bella vita. Gli spazi inondati di luce e la piacevole sensazione di essere a proprio agio sono frutto dell’arte dell’accoglienza che si respira dal primo momento durante le vacanze in Val Pusteria all’Hotel Alpen Tesitin. La posizione […]

Categorie

di tendenza