Connect with us
Pubblicità

Trento

Il Muse taglia il 30 % del personale precario. Al Mart lavoro prorogato solo fino a giugno

Il personale dei due più importanti musei provinciali, il Mart e il Muse, è composto per gran parte da lavoratori precari. 

Pubblicato

-

Il personale dei due più importanti musei provinciali, il Mart e il Muse, è composto per gran parte da lavoratori precari. 

Mentre per il Mart non è ancora dato di conoscere il destino di diversi di questi impiegati, per quanto riguarda il Muse giungono notizie di drastiche riduzioni del personale con contratto di collaborazione, quantificate nel 30% dei lavoratori.

Per il Mart, il segretario della Funzione pubblica Giampaolo Mastrogiuseppe e il segretario generale del Nidil (Nuove identità di lavoro) Gabriele Silvestrin si rivolgono all'assessore alla cultura Tiziano Mellarini e al dirigente generale del dipartimento cultura, turismo, promozione e sport Sergio Bettotti. «È ormai quasi un anno che si succedono incontri sul futuro del Mart e del suo personale. In particolare, negli ultimi mesi uno dei temi caldi è stato quello dei precari, i soggetti più deboli in questa fase di trasformazione istituzionale. Nell’impossibilità di procedere ad assunzioni stabili, il museo ha fatto ricorso a forme di collaborazione atipiche, impropriamente definite “a progetto”.

Pubblicità
Pubblicità

A fronte di 14 posizioni vacanti in pianta organica, i precari del Mart occupano, di fatto, posti strutturali. La maggior parte di loro collabora continuativamente e a tempo pieno, si tratta quindi di una forza lavoro altamente qualificata per la cui formazione e aggiornamento molto si è, giustamente, investito e con fondamentali competenze strategiche acquisite. Nonostante la continuità, le collaborazioni sono state gestite in maniera disomogenea senza alcuna valutazione di merito o parametro: ci risulta che siano addirittura 8 le tipologie di trattamento salariale esistenti».

Quanto al prossimo futuro: «È positivo aver prorogato fino a giugno i contratti in essere, ma giugno è vicino. Per alcuni precari, poi, la scadenza va a pochi giorni e sembra essere definitiva: da marzo, infatti, alcuni lavoratori raggiungeranno i limiti temporali previsti per le collaborazioni a progetto. A tal proposito, non risulta finora recepito l’ordine del giorno presentato in dicembre dai consiglieri Bottamedi, Baratter, Maestri, Passamani e approvato dal consiglio che prevede anche la possibilità di proroga, in deroga, dei contratti del personale museale. In un momento di profondi cambiamenti istituzionali e processi di riorganizzazione che riguardano il Mart, l’intero comparto museale trentino e le amministrazioni dei due comuni coinvolti (Trento e Rovereto), la questione dei precari rischia di passare in secondo piano. C’è il timore che si finisca per restare in una lunga ed estenuante fase di stallo o che si proceda ad inique operazioni di “sostituzione” dei collaboratori».

Quanto al Muse si prevede, a breve, una riduzione del 30 % del personale impiegato con contratti cococo. «Paradossale chiudere la benzina a una Ferrari in accelerazione. In concomitanza con l’Expo, poi, sul quale giustamente il Muse dovrà acquisire nuove competenze o formare parte dei collaboratori attuali, ci sembra una strategia suicida. Così come non comprendiamo la logica che impone al Muse, da parte della Provincia, un balzello annuale di 750.000 euro per l’affitto della struttura. Ripensare questa partita di giro risolverebbe parecchi problemi al museo».

Pubblicità
Pubblicità

Al momento ci sono circa 200 persone con contratto di un anno e una trentina sono le "spot", per un totale di 150 tempo pieno equivalente (le spot sono quelle che vengono chiamate in occasione di eventi o di giornate in cui si prevede un afflusso massiccio di visitatori).

Il piano di riorganizzazione del personale nelle sale prevede un drastico taglio dei "pilot" e dei "coach". La riduzione di fatto è già cominciata, visto che sono stati introdotti accorgimenti per non sforare il monte ore dei lavoratori. «La cosa peggiore in tutto questo – commenta amareggiato Silvestrin – è la scarsa trasparenza con cui si sta operando: né i lavoratori né tantomeno i sindacati sono coinvolti in queste scelte e in questi piani. Nulla si sa nemmeno a proposito del fantomatico Centro servizi condiviso, deux ex machina della ri-organizzazione del sistema museale. A lavoratori che già scontano la preoccupazione di un lavoro precario, si impone anche l'ulteriore aggravio di non poter conoscere con chiarezza il proprio destino».

Le organizzazioni sindacali chiedono dunque un confronto urgente con gli uffici provinciali preposti: «A maggior ragione nel momento in cui la giunta licenzia misure importanti per “offrire opportunità di lavoro” e per “superare il precariato”. Serve tutelare i precari e gli enti in cui lavorano, è doveroso stabilire, come già chiesto a più riprese, indicazioni vincolanti per i vertici museali al fine di garantire equità e dignità: questi lavoratori attendono da ormai troppo tempo l’applicazione delle normative provinciali esistenti e dei modelli di accordo sindacale recentemente entrati in vigore in altre strutture museali provinciali.

Urgono, adesso, decisioni meditate, condivise: la politica non può giocare con le vite di decine e decine di lavoratrici e lavoratori, compromettendo anche il futuro del Mart e del Muse, realtà culturali e produttive su cui tanto si è investito, fondamentali per lo sviluppo del nostro territorio».

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]
  • Arredare green: la scelta di vivere sostenibile
    La connessione fondamentale tra essere umano e natura trova forte legame e accordo con un incredibile risultato in molti settori: dall’abbigliamento, alla arte culinaria fino all’arredamento di spazi interni ed esterni. Per gli appassionati di aree verdi e naturali, la nuova tendenza che guarda al futuro del design è uno sguardo verso Madre Natura, composto […]
  • “ Sentiero dei Parchi”: presto anche l’Italia avrà il suo Cammino di Santiago italiano
    Dai Tg flash, ai treni velocissimi ai fast food fino ai pranzi al volo: viviamo in un mondo in cui la velocità è diventata una dote essenziale e molto ricercata, ma esiste un’alternativa che cerca di promuovere il valore della lentezza e della scoperta. Esistono infatti, diversi modi di viaggiare e dopo lo slow food […]
  • “Regalati il Molise”:case vacanze gratis per rilanciare turismo e piccoli borghi
    Nell’anno in cui l’emergenza sanitaria ha rotto tutti gli schemi del classico turismo legato alle grandi mete e alle vacanze tradizionali, una delle regioni più piccole d’Italia ha deciso di riaprire i confini del turismo con una particolare iniziativa aperta al mondo: “ Regalati il Molise perché il Molise è un regalo speciale”. L’annuncio arriva […]
  • Cortina d’Ampezzo plastic- free: da luglio stop a plastica in ristoranti, bar ed eventi
    Preservare la salute del pianeta e del nostro futuro è diventato una delle urgenze più importanti del momento, tanto da impegnare associazioni governative internazionali e Governi di tutto il mondo per trovare una soluzione efficacie alle problematiche ambientali. Dallo sfruttamento delle energie rinnovabili, alla raccolta differenziata, molte sono le soluzioni fino ad ora utilizzate per […]
  • Riceve 100 euro dalla nonna e li usa per comprare mascherine da donare all’ospedale
    “Grazie Dottoressa, vi vogliamo bene, buon lavoro” è la frase che ha reso Christian di soli 8 anni protagonista di un piccolo ed inaspettato gesto che ha commosso tutto il personale sanitario dell’ospedale San Pio di Vasto, Chieti. La frase arriva accompagnata da un gesto che ha emozionato chi, in questi mesi è stato impegnato […]

Categorie

di tendenza