Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

A Trento si parla del ruolo dello sport nel sistema universitario italiano

Lo sport è fonte di ispirazione e scuola di vita, favorisce il processo di formazione dei più giovani, aiuta a realizzare se stessi e a intessere delle migliori relazioni con gli altri, può diventare motore di innovazione e di sviluppo. 

Pubblicato

-

Lo sport è fonte di ispirazione e scuola di vita, favorisce il processo di formazione dei più giovani, aiuta a realizzare se stessi e a intessere delle migliori relazioni con gli altri, può diventare motore di innovazione e di sviluppo. 

Sul valore dello sport c’è sempre maggiore condivisione e una conferma sta arrivando dal primo workshop delle università italiane in materia di sport e università, dal titolo “Il ruolo dello sport nel sistema universitario italiano”, che ha preso il via questa mattina nell’aula Kessler del Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale e che proseguirà nel pomeriggio e nella giornata di domani, venerdì 13 marzo.

Una ventina le università italiane presenti a Trento in questi giorni per riflettere e discutere del binomio sport – università.

Pubblicità
Pubblicità

Tra i partecipanti anche la presidente dell’EAS (European Athlete as Student network), Laura Capranica.

Obiettivo di questo primo appuntamento trentino, quello di costituire, al termine delle due giornate di lavori un documento programmatico di “visione” che contenga un elenco degli obiettivi da raggiungere nei prossimi anni nel rapporto tra università e sport e che possa essere presentato nelle sedi nazionali e internazionali per promuovere un nuovo e più profondo rapporto tra Università e Sport.

Pubblicità
Pubblicità

Il workshop, che è organizzato dall’Università di Trento in collaborazione con la Conferenza dei rettori delle università italiane (CRUI) si è aperto questa mattina con l’intervento “Il valore dello sport per lo sviluppo del sistema universitario italiano” del presidente CRUI, Stefano Paleari: «Lo sport per le università può essere fonte di ispirazione e veicolo di educazione.

Permette di allargare i propri orizzonti, fa emergere il talento personale, aiuta ad agire in condizioni estreme e a trasformare i limiti in opportunità, come ben testimoniano le esperienze di alcuni famosi atleti, come Alex Zanardi, Erik Weihenmayer e Bethany Hamilton, che hanno saputo affermarsi nonostante gli ostacoli fisici.

Lo sport sostiene lo sviluppo della leadership ed è terreno fertile per allenare la capacità di fare gioco di squadra. Gli accademici hanno molto in comune con gli sportivi: sono abituati a viaggiare, a confrontarsi tra loro e fanno parte di comunità pacifiche e tolleranti, che condividono valori sociali affini e si basano su principi di convivenza e corresponsabilità.

Nello sport si gioca sulla base di regole condivise che premiano il merito e il risultato e la competizione stimola i partecipanti a dare il meglio di sé. Insegna ad accettare le regole e anche il risultato, superando le sconfitte».

«Ma lo sport può essere anche un prezioso motore di ricerca e di miglioramento, di innovazione e di sviluppo anche industriale ed economico perché propone spunti che possono portare alla realizzazione di nuovi materiali, strumenti e apparecchiature».

In questo senso, Paleari ha poi citato il recente avvio del progetto “Camminare insieme” in collaborazione tra la CRUI e il Centro Universitario Sportivo Italiano (CUSI) che comprende l’impegno allo sviluppo dello sport universitario come strumento di salute e benessere, inclusione e integrazione, educazione e cultura, innovazione e ricerca.

Pilastri del progetto sono l’assegnazione premi per gli studenti impegnati nello sport con buoni risultati; l’inclusione del fattore “stile di vita” nei rankings delle università; la possibilità di trarre dallo sport e dalle attività di ricerca parametri industriali “new” e “green”.

«Lo sport è strumento potentissimo di identità e inclusione – ha commentato il delegato allo sport Paolo Bouquet (nella foto) – può fornire ispirazione per progetti di ricerca molto ambiziosi in tutti i settori accademici, apre le porte alla creazione di partnership con il mercato e allo sviluppo di aziende innovative.

Senza dimenticare il potenziale delle relazioni con il mondo dello sport di alto livello, che attraverso i programmi di doppia carriera può diventare volano di ricerca e sviluppo e può fornire nuovi temi di comunicazione e promozione verso l'interno e verso l'esterno.

È arrivato il momento per l'università italiana di smettere di considerare lo sport come una specie di ospite (più o meno gradito) e di comprendere che, se visto in un'ottica complessiva, esso può costituire un'enorme risorsa per lo sviluppo di aspetti fondamentali della vocazione universitaria.

Oggi siamo qui per accelerare questo percorso di consapevolezza che può avvicinare l'Italia alle policy europee in materia e ai sistemi accademici di eccellenza internazionali, dove da tempo lo sport in Università è visto come fondamentale risorsa e non come puro svago o passatempo.

Organizzare questo primo workshop nazionale sullo sport universitario a Trento è una grande risultato per la nostra Università».

«Il percorso sperimentale che abbiamo avviato dal 2009 all’Università di Trento – ha aggiunto Bouquet – è stato accolto con molto interesse nel mondo sportivo e può costituire un’esperienza virtuosa e un punto di partenza per la discussione.

I progetti avviati in questo senso hanno dimostrato di avere un effetto positivo e misurabile su molti parametri di valutazione dell’Ateneo e creare nuove interessanti opportunità anche sul versante della ricerca trans-disciplinare e nel trasferimento della conoscenza con, ad esempio, spin off, progetti industriali, e accordi con federazioni sportive».

I lavori sono proseguiti con l’intervento del vicepresidente CUSI, Giovanni Ippolito, che ha anticipato la prima sessione di lavori con gli interventi dei delegati allo sport delle varie università.

Le relazioni proseguiranno anche domani, venerdì 13 marzo, dalle 8.30, sempre nell’aula Kessler del Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale (Trento – Via Verdi, 26).

Domani pomeriggio, poi, visita alle strutture sportive del sistema UNI.Sport Trento: Centro SanbàPolis (multisport), Centro Mattarello (multisport) e Centro volo a vela.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Spotify crea playlist personalizzate per i propri animali domestici: l’obiettivo è alleviare stress e ansia
    A casa durante le pulizie o sotto la doccia, in palestra mentre ci si allena e si fatica, ed in macchina alla radio con i brani preferiti: la musica sembra accompagnare e addolcire da sempre le giornate, diventando spesso colonna sonora di momenti importanti ed indimenticabili della nostra vita. In molti casi, le canzoni a […]
  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]

Categorie

di tendenza