Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Non solo euro: Juncker vuole un esercito europeo

 

È giunto il momento di creare un esercito europeo”, ha dichiarato il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, in un'intervista pubblicata ieri dal domenicale tedesco Welt am Sonntag.

Pubblicato

-

È giunto il momento di creare un esercito europeo”, ha dichiarato il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, in un’intervista pubblicata ieri dal domenicale tedesco Welt am Sonntag.

Un esercito di questo tipo – ha fatto notare l’ex premier lussemburghese – ci aiuterebbe a definire una politica estera e di difesa comune e ad assumerci insieme le responsabilità dell’Europa nel mondo”. Inoltre, con un tale esercito, l’Europa potrebbe reagire in maniera credibile a una minaccia alla pace in uno Stato membro o in un paese confinante, nota il presidente della Commissione.

Con la guerra in Ucraina che non accenna a fermarsi, Juncker ha voluto mandare un messaggio chiaro al presidente russo Vladimir Putin, affermando che, con un esercito comune, l’Europa darebbe alla Russia l’impressione che “facciamo sul serio quando si tratta di difesa dei valori dell’Unione europea.

Pubblicità
Pubblicità

La concorrenza con la Nato non centra nulla, “bisogna risollevare l’immagine dell’Unione europea nel mondo”, precisa Juncker. Il presidente della Commissione, da tempo acceso sostenitore della creazione di un esercito europeo, fa notare che unire le forze in campo militare permetterebbe anche di ridurre le spese e stimolerebbe l’integrazione europea.

Sono ormai passati settant’anni dalla fine della Seconda guerra mondiale. L’Europa ha un mercato unico, una moneta unica ma non un esercito comune. Sono decenni che in materia di politica di difesa Bruxelles accumula false partenze e bluff: l’Unione europea continua a essere “un gigante economico, un nano politico e un verme militare”.

La crescente perdita di influenza negli affari internazionali che caratterizza persino i paesi europei più importanti è sotto gli occhi di tutti. L’Ucraina brucia, I paesi baltici tremano di fronte al rinnovato espansionismo russo, la Libia e il Medio Oriente sono in preda alle scorribande dei tagliagole.

Pubblicità
Pubblicità

E gli stati membri non riescono a elaborare una risposta comune, intrappolati in battibecchi che rasentano il ridicolo. Per questo, oggi più che mai l’Unione europea ha bisogno di maggiore autorevolezza politica, di riuscire ad agire militarmente anche quando gli Stati Uniti non sono impegnati.

La proposta di Juncker è stata subito accolta con favore dalle autorità tedesche. Il ministro della difesa tedesco Ursula von der Layen ha dichiarato: “Nel nostro futuro di europei ci sarà un giorno l’esercito comune”, anche se ha aggiunto “non a breve termine”. Si è sbilanciato di più Norbert Röttgen, presidente della commissione Affari esteri del Parlamento tedesco, affermando che è giunto il momento di avere un esercito europeo.

Non è dello stesso avviso la Gran Bretagna. Un portavoce del governo britannico ha subito dichiarato: “La nostra posizione a riguardo è cristallina: la difesa è una responsabilità nazionale, non europea, e non c’è nessuna prospettiva che questa posizione cambi o, tanto più, che venga creato un esercito europeo”.

Già in passato il primo ministro britannico, David Cameron, era intervenuto su questo punto bloccando gli sforzi per creare una forza militare controllata dalla Ue. A detta di Cameron, nonostante la cooperazione tra gli stati membri in materia di difesa sia desiderabile, “non è opportuno che l’Unione europea abbia armi, forze aeree e tutto il resto”.

I britannici hanno fatto i loro calcoli: tra l’unione diplomatica e militare e quella politica il passo è breve. Dare all’Europa un esercito significherebbe avvicinarsi a grandi passi al sogno (per i britannici “incubo”) degli Stati Uniti d’Europa. Tuttavia, una tale soluzione si rende sempre più necessaria perché permetterebbe all’Unione di conseguire l’autorità internazionale a cui giustamente aspira e che manca agli stati membri.

Quella di Juncker è una proposta di medio termine che non può essere lasciata cadere. Lo scenario internazionale richiede un ripensamento del ruolo dell’Europa nel mondo che non lascia spazio ai protagonismi degli Stati membri. È giunto il momento di trasformarsi in qualcosa di più di un “verme militare”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]

Categorie

di tendenza