Connect with us
Pubblicità

Trento

Nasce Cantiere Civico Democratico: operai cercansi per Lorenzo Dellai

Il dado è tratto, la nuova creatura di Lorenzo Dellai si chiama Cantiere civico democratico (CCD) e farà il suo esordio alle elezioni comunali di Trento.

Pubblicato

-

Il dado è tratto, la nuova creatura di Lorenzo Dellai si chiama Cantiere civico democratico (CCD) e farà il suo esordio alle elezioni comunali di Trento.

La scelta di una lista aperta al di fuori del mondo dei partiti è stata decisa dal coordinamento cittadino dell'Unione per il Trentino e potrebbe essere riproposta anche in altri comuni alle amministrative di maggio. La portata dell'esperimento non si limita alla scala locale, ma interessa l'assetto dei partiti in Trentino e non solo.

Da tempo Dellai cerca un approdo verso il partito democratico, attanagliato da una grave crisi interna in Trentino, e lavora a questo obiettivo anche a Roma. La legge elettorale che Renzi vuole approvare nelle prossime settimane non è adatta a sistemi basati sulle coalizioni, ma premia il partito che vince. Per questa ragione l'ex presidente della Provincia non può permettersi di restare confinato in una delle tante frazioni del blocco guidato da Mario Monti nel 2013.

Pubblicità
Pubblicità

Formalmente, però, Dellai si muove ancora dentro il suo partito. Ma dentro l'Upt la segretaria Donatella Conzatti, che pure ha una provenienza dal mondo delle liste civiche, non è intenzionata a lasciare il partito al processo di superamento e trasformazione impresso da Dellai.

L'esperimento del capoluogo, dove l'ex governatore si è messo personalmente a curare l'iniziativa politica, determinerà, in caso di successo, una accelerazione verso un nuovo soggetto politico. Viceversa, Dellai potrebbe trovarsi costretto a un passo che finora ha evitato, ovvero l'approdo diretto nel Pd.

Cosa propone in concreto il cantiere dellaiano? Di non limitarsi a una semplice confluenza di membri storici dell'UPT, ma di coinvolgere anche la società civile.

Uno dei nomi che sarà della partita è quello dell'ingegnere Claudio Bortolotti, ex dirigente provinciale, che alle primarie di sei anni fa sfidò senza riuscirci la candidatura di Alessandro Andreatta a sindaco di Trento.

Ora i due potrebbero ritrovarsi all'interno della stessa giunta. Ci sarà anche Alessandro Dalla Torre, un altro fedelissimo di Dellai. Ma la vera scommessa sarà trovare facce completamente nuove, di mondi poco coinvolti o addirittura dimenticati dalla politica, a partire dai giovani, dai talenti della ricerca e dell'impresa, da chi in questi anni ha subito di più la severa contrazione del mercato del lavoro.

Se saprà offrire davvero qualcosa di nuovo, allora il cantiere dellaiano potrebbe trovare parecchi operai anche nel Pd.

a cura di Eleonora Angelini {facebookpopup}

scarica nel pdf la versione integrale del documento politico di Cantiere civico democratico

Pubblicità
Pubblicità

Trento

La sinistra disperata strappa e copre i manifesti elettorali di Casapound e Lega

Pubblicato

-

La sinistra ha una congenita incapacità a restare nell’ambito di un confronto politico democratico, controbattendo le idee diverse con dei contenuti.

Quando non usa la violenza come è successo in queste settimane a Napoli, Firenze, Bologna e Genova opta per la “democratica” scelta di coprire i manifesti elettorali ed il altri casi li straccia proprio.

CasaPound denuncia come in Piana Rotaliana i manifesti di Matteo Segatta de “La Sinistra” siano andati a coprire millimetricamente quelli del movimento di destra.

PubblicitàPubblicità

Non si tratta di un errore, perché il proprio spazio contrassegnato da un numero identificativo, “ La Sinistra” lo aveva regolarmente occupato.

Poi chissà sarà avanzata un po di colla o i compagni temevano che i manifesti rimasti fossero in numero superiore ai voti che la sinistra andrà a prendere ed ecco d’incanto materializzarsi la democratica idea di coprire tra tutti quelli disponibili, unicamente quelli di CasaPound.

Tutto questo gran lavoro sicuramente notturno ed in ore nelle quali era impossibile incontrare qualcuno, è stato documentato con un video da Filippo Castaldini referente di CasaPound Trentino.

Ma non finisce qui.

In Via Maccani i manifesti della Lega del candidato Gazzini sono stati strappati e quelli di CasaPound coperti con un manifesto demode che come sfondo ha falce e martello e la scritta “ vota comunista”.

Consideriamo che i manifesti elettorali non spostano un voto e quindi strapparli o coprirli è unicamente un gratuito quanto inutile atto vandalico.

Ma la sinistra è fatta così: teme il confronto a tutti i livelli e preferisce agire nell’ombra. Questo modo di fare è la loro logica democratica.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Tragedia sul Lagorai, scivola per 30 metri e muore

Pubblicato

-

Non c’è stato nulla da fare per Franco Fumaneri, sessantaquattro anni di Verona, l’escursionista veronese che era uscito da solo per un’escursione a piedi verso il Lago Lagorai e che aveva chiesto aiuto al Numero Unico per le Emergenze 112 verso le 14.30 di ieri, dopo essere scivolato per circa trenta metri in un dirupo in una zona dove è ancora presente la neve.

L’operazione di soccorso si è rivelata particolarmente complicata per la difficoltà riscontrata nel localizzare il punto dove si trovava l’uomo, a causa delle scarse informazioni a disposizione e per la mancanza di copertura telefonica.

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino Orientale del Soccorso Alpino ha fatto intervenire l’elicottero per effettuare un sorvolo di ricognizione che ha dato esito negativo.

PubblicitàPubblicità

Grazie alle informazioni reperite dai famigliari per i soccorritori è stato possibile restringere la ricerca alla zona del Lago Lagorai, dove, all’imbocco di Val Lagorai, è stata trovata la macchina parcheggiata.

L’elicottero della Guardia di Finanza ha trasportato in quota una squadra di soccorritori e di finanzieri per un totale di 8 persone.

La squadra, notando le tracce della scivolata sulla neve appena a valle del Lago Lagorai a una quota di circa 1700 metri, si è calata con le corde fino a trovare l’uomo trenta metri più sotto ancora in vita, verso le 19.

Purtroppo le ferite riportate dall’uomo sono però risultate fatali nonostante il tempestivo intervento dell’elicottero che ha verricellato sul posto il Tecnico di Elisoccorso e l’equipe medica. Dopo il nullaosta dei Carabinieri, la salma è stata elitrasportata alla camera mortuaria dell’ospedale di Cavalese.

Alle operazioni di ricerca hanno partecipato anche i Vigili del Fuoco, la Guardia di Finanza, la Polizia e i cani da ricerca della Scuola Provinciale Cani da ricerca e catastrofe.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Scuole Pigarelli Gardolo: molestate due bambine da uno sconosciuto

Pubblicato

-

Il bruttissimo e inquietante episodio è avvenuto presso le scuole elementari Pigarelli di Gardolo martedì mattina 21 maggio 2019.

Un uomo proveniente dal confinante parco Neufahrn si è avvicinato alla recinzione del giardino della scuola chiamando due bambine a se.

Quando le bambine di 6 anni si sono avvicinate, l’uomo si è calato i pantaloni mostrando le sue parti intime. 

PubblicitàPubblicità

Lo sconosciuto avrebbe anche chiesto alle due bimbe di essere toccato.

Le due bambine però si sarebbero subito allontanate.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri e dopo aver sentito le testimonianze hanno raccolto anche la denuncia contro ignoti da parte di un genitore.

I militari hanno subito iniziato le indagini.

L’episodio ha creato paura all’interno della scuola a tal punto che oggi alle 16.30 tutti i genitori sono stati convocati dal dirigente per decidere il da farsi.

Sull’identità del molestatore ci sono due versioni diverse.

La prima versione che circola nelle chat di whatsApp dei genitori e nei social è che si tratti di una persona dalla pelle olivastra che potrebbe condurre ad un cittadino nord africano.

Un’altra versione parla invece di un uomo di carnagione bianca che è stato visto allontanarsi nei giardini ma che però non necessariamente avrebbe preso parte al triste evento.

Il parco Neufahrn, frequentato da spacciatori, disperati e stranieri, è diviso dal giardino della scuola da una staccionata molto bassa e superabile solo con un piccolo salto.

La paura dei genitori è quella che possa succedere qualcosa di ancora più grave come per esempio un rapimento.

Il problema esiste ormai da molti anni, e l’amministrazione comunale era a conoscenza dei rischi.

Molti genitori e maestri negli anni addietro avevano fatto presente al comune i rischi.

Al mattino peraltro non è raro trovare sulle panchine del giardino della scuola, rifiuti, avanzi di cibo e lattine di birra vuote.

Molti frequentatori del parco la notte bivaccano all’interno del giardino della scuola o si divertono a buttare i rifiuti dal parco dentro il prato che usano i bambini per giocare.

Una situazione che ormai negli ultimi anni è degenerata e che è diventata fuori controllo.

Ora questo episodio che aggrava ancora di più la situazione 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza