Connect with us
Pubblicità

Trento

Ugo Rossi ed il rilancio dell’Autonomia Speciale.

Ieri sera nella sala della Circoscrizione Oltrefersina, Ugo Rossi Presidente della Provincia Autonoma di Trento ha incontrato la cittadinanza, per approfondire il tema: “Il Futuro dell’autonomia del Trentino”.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Ieri sera nella sala della Circoscrizione Oltrefersina, Ugo Rossi Presidente della Provincia Autonoma di Trento ha incontrato la cittadinanza, per approfondire il tema: “Il Futuro dell’autonomia del Trentino”.

Nell’incontro promosso dalla sezione cittadina del PATT (Partito Autonomista Trentino Tirolese), il Presidente ha descritto la fase particolare, mai vissuta in precedenza, in cui si trova oggi la nostra autonomia speciale.

Pubblicità
Pubblicità

Rossi ha parlato delle problematiche legate al contesto di forte crisi economica nazionale e globale, che impongono alla nostra autonomia un ripensamento nel proprio modo d’essere e nelle proprie funzioni, sottolineando la necessità per l’autonomia di riscrivere le proprie linee d’indirizzo per potersi dare un futuro concreto ed equilibrato.

In un momento storico nel quale la politica nazionale è contraria a qualunque tipo di autonomia ed è a favore, invece, di un’idea centralista dello Stato, credendo che accentramento significhi necessariamente risparmio nella gestione delle risorse, la sfida dell’autonomia speciale per il futuro è quella ad assumere maggiori responsabilità.

L’autonomia corre il rischio di vedersi svuotata di competenze ma anche di fondi, ecco perché Trento e Bolzano sono corse ai ripari mostrandosi responsabili nei confronti del Governo nazionale e concordando con esso il contributo da versare alla finanza pubblica per il risanamento dei conti dello Stato.

Pubblicità
Pubblicità

La specialità della nostra autonomia è stata ancora una volta preservata attraverso il dialogo col Governo centrale concordando, in un quadro pluriennale, gli importi che la Provincia dovrà versare allo Stato ma lasciando a noi la facoltà di scegliere in che modo e su quali capitoli operare il risparmio, senza dover subire così i tagli lineari che normalmente lo Stato applica sulle voci di spesa da esso individuate.

Dopo aver descritto la fase attuale e rimarcati gli aspetti di forza del tessuto socio-economico trentino, dai quali ripartire, quali la coesione sociale, i bassi indici di povertà e di abbandono scolastico, l’alta longevità della popolazione ed il volontariato, il Presidente Rossi ha esposto alla platea le iniziative future che la Provincia sta già attuando per il rilancio dell’autonomia speciale.

La ricetta di Rossi per il rilancio dell’autonomia e del Trentino prevede di investire:

–  nel sistema produttivo, con meno contributi diretti ma mettendo a disposizione più risorse per politiche di contesto (richiamare ad esempio più investitori con una politica fiscale più conveniente);

–   nel capitale umano, fornendo ai giovani una preparazione scolastica migliore, più approfondita e professionalizzante,  mirata all’inserimento lavorativo (sono già attivi negli istituti professionali trentini, e man mano toccherà agli altri indirizzi, i percorsi scuola/lavoro già adottati da anni nelle realtà mitteleuropee) e supportata dalla conoscenza di almeno tre lingue (italiano, tedesco, inglese);

–   nel riordino degli Enti Locali, rendendo più veloce, più snella, più economica e più rispondente alle esigenze di cittadini e imprenditori la Pubblica Amministrazione, anche ricorrendo all’accorpamento degli Enti, ai prepensionamenti delle risorse anziane e alla riforma della Dirigenza Pubblica affinché la P.A. sia sempre proattiva e lavori col massimo impegno, risultato e disponibilità per risolvere i problemi della comunità.

Rossi ha concluso con un invito alla popolazione ad essere positiva e propositiva, perché il futuro della nostra autonomia speciale non potrà che essere roseo continuando a perseguire, tutti assieme, gli obiettivi fissati.

  • Pubblicità
    Pubblicità
Io la penso così…4 settimane fa

«Il Trentino Alto Adige, un luogo da sogno con persone (spesso turisti) da incubo»

Trento3 settimane fa

Dramma a Trento: ricercatrice muore a 42 anni per un malore improvviso

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragedia di Capodanno: è morta la 25 enne roveretana Valentina Vallenari Benedetti, troppo gravi le ferite riportate nell’incidente lo scorso 31 dicembre

Vista su Rovereto2 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Trento1 settimana fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

economia e finanza3 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina2 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Valsugana e Primiero3 giorni fa

Dopo il caos attorno al video, arriva la risposta dell’APT Valsugana

Trento2 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento6 giorni fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Offerte lavoro1 giorno fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Valsugana e Primiero4 giorni fa

San Valentino col bacio Gay, bufera sull’Apt della Valsugana

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza