Connect with us
Pubblicità

Trento

Rapporto Istat lavoro, Claudio Cia: «situazione drammatica per il Trentino»

Dopo la pubblicazione, nella giornata di ieri, dei dati Istat sull'occupazione della provincia di Trento l'assessore Alessandro Olivi era stato piuttosto cauto nei commenti.

Pubblicato

-

Dopo la pubblicazione, nella giornata di ieri, dei dati Istat sull'occupazione della provincia di Trento l'assessore Alessandro Olivi era stato piuttosto cauto nei commenti.
 
«Il rapporto Istat però è importante perché evidenzia una crescita delle forze lavoro e degli occupati rispetto al 2013, non straordinaria, ma comunque  rimarcabile»aveva sottolineato. E poi ancora «è vero che anche il tasso di disoccupazione cresce leggermente.Come lo si spiega? Con la crescita delle persone alla ricerca di un lavoro – pensiamo alle donne, o a chi prima era scoraggiato e non lo cercava –  mentre il sistema mostra ancora delle difficoltà nell'assorbire questa crescita della domanda. Ciò significa che non siamo fuori dalla crisi. Ma significa soprattutto che dobbiamo concentrarci, oltre che sulle azioni che frenano l'uscita dei lavoratori dal mercato del lavoro, anche sulla capacità del mercato di assorbire la domanda».
 
Meno cauto invece è Claudio Cia candidato sindaco del centro destra per le elezioni comunali di maggio, «la pubblicazione, da parte dell’ISTAT, dei dati relativi all’occupazione nel quarto trimestre del 2014, dipinge un quadro impietoso per la provincia di Trento. Il tasso di disoccupazione – afferma Cia – ha raggiunto la quota record dell’8% e i timidi segnali di ripresa occupazionale, sui cui numeri si esercita acrobaticamente il Vicepresidente Olivi, non possono nascondere come il gap con il vicino Alto Adige si allarghi, con riferimento a tutti gli indicatori propri del mercato del lavoro (tasso di attività, tasso di occupazione e tasso di disoccupazione). La provincia di Bolzano fa registrare un tasso di disoccupazione pari al 4,5%, in Trentino siamo quasi al doppio».
 
L'esponente di Civica Trentina traccia anche un quadro particolarmente drammatico della situazione lavoro in provincia, «questi dati certificano, anche sul piano delle statistiche condotte con metodo scientifico, ciò che ciascuno di noi verifica quotidianamente: giovani che lasciano il Trentino per cercare lavoro altrove, molto spesso all’estero; piccoli imprenditori che gettano la spugna, piegati da un’insostenibile pressione fiscale e da una burocrazia che qui nella nostra terra, se possibile, è ancora più opprimente che nel resto d’Italia; disoccupati di 45-50 anni che trovano sbarrate le porte di una dignitosa ricollocazione professionale».
 
Cia ritiene che le risorse della nostra Autonomia speciale sono ormai da anni gestite in modo inappropriato e che segnino il  fallimento politico del centro-sinistra autonomista e punta il dito sulla campagna acquisti che la coalizione sta attuando fra i partiti della sua stessa alleanza, «Assistiamo attoniti al vergognoso spettacolo offerto dai partiti che governano il Trentino, intenti a rubarsi a vicenda i candidati per le prossime elezioni comunali e a portare all’ordine del giorno del Consiglio provinciale e del Consiglio regionale argomenti che nulla, e sottolineo nulla, hanno a che fare con i nostri concittadini che realmente soffrono, perché violati in un diritto – quello al lavoro – un po’ più importante di quello – sostenuto a spada tratta da una sinistra borghese e radical-chic – di far vedere a bambini di tre anni che qualche loro coetaneo potrebbe tra qualche tempo trovarsi con due papà o con due mamme. Il Presidente della Provincia e la maggioranza che lo sostiene – termina Cia – mettano fine a questa sconcezza politica e traccino un percorso di priorità che facciano i conti con la realtà e con le sofferenze reali di tanti nostri concittadini»!

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob
    Il fenomeno criptovalute è così attuale e crescente, tanto da spingere il numero uno della Consob, Paolo Savona a lanciare un’allarme sulla situazione. La similitudine tra criptovalute e mutui subprime Savona infatti, ha dedicato un... The post Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]

Categorie

di tendenza