Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Obama, Israele e il terzo incomodo: gli alleati divisi dal nucleare iraniano

La visita del Premier israeliano Benjamin Netanyahu negli Stati Uniti, iniziata ieri e che continua nella giornata di oggi davanti al Congresso, è stata e sarà molto diversa da quanto pianificato mesi orsono.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

La visita del Premier israeliano Benjamin Netanyahu negli Stati Uniti, iniziata ieri e che continua nella giornata di oggi davanti al Congresso, è stata e sarà molto diversa da quanto pianificato mesi orsono.

Il premier israeliano infatti non incontrerà il presidente Obama, i senatori e i deputati democratici non ascolteranno il suo discorso al Congresso americano e il Consigliere per la sicurezza nazionale, Susan Rice ha addirittura definito la sua visita “distruttiva”.

I rapporti tra Stati Uniti e Israele si sono pericolosamente incrinati a causa della posizione assunta dal Premier Netanyahu nei confronti del programma nucleare iraniano, la cui realizzazione dovrebbe essere portata a termine il prossimo mese di giugno.

Netanyahu è particolarmente scontento della possibilità che venga raggiunto un accordo tra Teheran e il gruppo dei 5+1 (i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite più la Germania). Il premier israeliano infatti non ritiene tale accordo adeguato a prevenire lo sviluppo nucleare iraniano, anzi incoraggerebbe l’Iran a mettere in piedi un vero e proprio arsenale di armi nucleari potenzialmente pericoloso per i vicini.

E tale posizione Netanyahu è pronto ad esprimerla oggi di fronte al Congresso americano che però sembra non apprezzare quanto il partner israeliano ha da dire circa il programma nucleare iraniano. Dura è stata la reazione della Casa Bianca tanto che il presidente Obama ha deciso di non ricevere Netanyahu dopo il suo discorso di fronte ai deputati.

Il presidente statunitense ha infatti interpretato la decisione del premier israeliano di esprimere proprio in Congresso queste sue opinioni circa l’accordo che si sta discutendo a Ginevra con l’Iran, come una vera e propria intrusione in un settore di grande interesse e considerato prioritario dall’alleato americano.

Pubblicità
Pubblicità

Il Primo Ministro israeliano ha subito precisato che “Non è vero che le relazioni tra Israele e Stati Uniti sono finite”, ma che anzi l’alleanza tra i due Paesi è più forte che mai nonostante questa divergenza di opinioni sull’Iran.

La realtà però appare oggi ben diversa. Criticato aspramente anche in patria per la mossa molto  azzardata di scagliarsi contro, non solo il vicino Iran, ma anche contro le grandi potenze che con questo Paese sono pronti a stringere accordi sul nucleare, Netanyahu ha sicuramente messo un piede in fallo.

L’accordo che il gruppo dei 5+1 vuole concludere con l’Iran, stando a quanto dichiarato del premier israeliano, minaccerebbe direttamente il suo Paese e rafforzerebbe la rete del terrorismo internazionale. Dure e pesanti le parole di Netanyahu che non ha fatto altro che incrinare i rapporti, già così fragili negli ultimi tempi, tra Israele e Stati Uniti.

Per di più in Israele questo è il periodo pieno della campagna elettorale in vista delle elezioni anticipate del 17 Marzo che vedono il partito del premier, il Likud, in seria difficoltà e a rischio di riportare una pesante sconfitta a vantaggio dell’Unione Sionista guidata da Isaac Herzog.

Il gelo di questi giorni nei rapporti tra Obama e il premier israeliano di certo non aiuteranno quest'ultimo durante le elezioni dato che in patria molti sono dell’avviso che la special relation con gli Stati Uniti non vada messa in alcun modo e per nessun motivo, a rischio.

A prescindere dalle ragioni che possano sostenere e in parte giustificare la preoccupazione di Israele nei confronti di un potenziale rafforzamento dell’Iran con armamenti nucleari, si sa che in scontri come questo, seppure soltanto diplomatici, a farsi male non saranno di certo gli Stati Uniti.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 minuti fa

Al via “Road to Trento 2023”: gli appuntamenti internazionali del Festival dell’Economia

Italia ed estero15 minuti fa

Devastante terremoto nella notte fra Turchia e Siria, allerta Tsunami sulle coste italiane

Meteo26 minuti fa

In arrivo in Trentino la settimana più fredda dell’inverno

Trento12 ore fa

Claudio Buriani «quasi» d’accordo con Claudio Cia: «Strutture ospedaliere obsolete, privato meglio che il pubblico»

Italia ed estero13 ore fa

Agenzia cyber: «Massiccio attacco hacker in tutto il mondo, decine di sistemi compromessi»

Bolzano15 ore fa

Valanghe: fine settimana tragico, sale a 8 il bilancio delle vittime

Bolzano15 ore fa

Marlengo: 200 Vigili del Fuoco lottano per domare l’incendio – IL VIDEO

Bolzano15 ore fa

Drammatico scontro tra due sciatori in Val D’Ultimo, muore un 37enne

Trento15 ore fa

Tim down anche in Trentino, disservizi su mobili e fissi

Trento19 ore fa

Forte vento, ieri 30 interventi dei Vigili del fuoco sul territorio

Trento21 ore fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Trento21 ore fa

A Palazzo Geremia il sindaco incontra il console generale americano Robert Needham

Val di Non – Sole – Paganella22 ore fa

Successo, grande partecipazione e importanti testimonianze a Castelfondo per l’evento «Respect»

Trento23 ore fa

A Trento costituito il Nucleo interforze per il controllo dei fondi del Pnrr

Trento23 ore fa

Sentieristica a misura di famiglia: ecco l’accordo tra Provincia, parchi naturali e Apt trentine

Trento1 settimana fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro2 settimane fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Trento21 ore fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento4 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena5 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza