Connect with us
Pubblicità

Trento

Dialogo sopra i Massimi Progetti: Intervista ai candidati al rettorato.

Il 24 febbraio si aprirà il seggio elettorale per ricoprire il ruolo vacante di Rettore dell’Università degli Studi di Trento, per il mandato 2015/2021. 

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Il 24 febbraio si aprirà il seggio elettorale per ricoprire il ruolo vacante di Rettore dell’Università degli Studi di Trento, per il mandato 2015/2021. 

Il confronto è fra Paolo Collini, Prorettore alla didattica, e Stefano Zambelli, professore ordinario di Economia politica.

 

Pubblicità
Pubblicità

Collochiamoci nel Suo programma elettorale, indicandone i punti essenziali attraverso un’immagine o una parola chiave.

Prof. P. Collini: “In senso figurato una parola chiave potrebbe essere “mondo”, per l’estensione a cui l’Università dovrebbe aspirare. La ricerca non ha casa. Il mondo non ha più confini e perciò non dovrebbe averne nemmeno l’Università. Trento è la sede di un’ottima Università italiana, dobbiamo però essere consapevoli anche della dimensione europea e internazionale ”.

Prof. S. Zambelli: “La trasparenza per me è fondamentale: significa documentazione accessibile a tutti, ma anche rendiconto altrettanto agibile delle decisioni prese. Un’altra parola chiave è la Condivisione. L’Università deve avere la vocazione del servizio pubblico e in quanto tale deve essere aperta al mondo esterno. L’apertura quindi è la terza parola chiave. Trasparenza, condivisione e apertura contribuiscono all’efficienza che quindi indicherei come ultimo punto cardine.

Pubblicità
Pubblicità

Ulteriore operazione di sintesi: qualora vincesse le elezioni, quali sarebbero le priorità per cui mettersi immediatamente in moto?

 
Prof. S. Zambelli: “Una priorità è senz’altro il coinvolgimento e la motivazione del personale tecnico-amministrativo e degli studenti nei processi decisionali. Subito attuerei una prassi che porti a dare più peso al Consiglio degli studenti e al personale d’amministrazione. Al fine di raggiungere una maggiore efficienza attuerei un immediato processo di riforma dello statuto”.
 

 

Prof. P. Collini : “ Cercherei immediatamente di capire come uno studente di Copenaghen possa essere invogliato a studiare da noi, dando più visibilità possibile all’Università. Penserei al modo di impiegare la voglia d’innovazione e il patrimonio di idee e intraprendenza che possediamo, che rappresenta un patrimonio straordinario di ricchezza, in un epoca in cui la ricchezza finanziaria tende ad essere più scarsa. In ultimo semplificherei l’amministrazione interna, cercando di migliorarne l’efficienza”.
 
Biblioteche e sale studio: dove, perché e in che modo?
 

Prof. P. Collini: “ Il problema della biblioteca si trascina da dieci anni. Considerandone l’urgenza, la biblioteca alle Albere è una soluzione fattibile e immediata, mentre la biblioteca a San Severino impiegherebbe risorse economiche di gran lunga maggiori e tempi troppo lunghi, non compatibili con un paese moderno. Il risparmio che ne deriverebbe potrebbe essere utilizzato per rinnovare sedi inadeguate e vecchie, Povo e Mesiano, completare il progetto CIMEC, dotare l’edificio di economia di un’impiantistica moderna, concentrare la vita studentesca in sale studio realizzabili in tempi rapidissimi”.
 

Prof S. Zambelli: “Ho considerato molto grave che sia stata presa la decisione di trasferire la biblioteca alle Albere senza che ci fosse trasparenza e condivisione, appunto, della documentazione. Preso atto di questo, ci tengo a sottolineare che non è obbligatoriamente necessario ritornare sui propri passi, piuttosto bisognerebbe fare uno sforzo ulteriore per rendere le sale studio dei luoghi di ritrovo e incontro per gli studenti, accentrando possibilità e potenzialità nel campus cittadino. Il rischio della biblioteca alle Albere è quello che rimanga una sede periferica”.
 
Il Consiglio degli studenti ha proposto di introdurre un doppio libretto per gli studenti transessuali. Opinioni in merito?
 

 
Prof S. Zambelli: “Credo che i diritti delle persone debbano essere salvaguardati. Il doppio libretto tuttavia mi sembra una complicazione e una burocratizzazione della questione, che al contrario potrebbe essere potenzialmente discriminante. Personalmente faccio fatica a capire la ratio della proposta, ma sono aperto a una discussione specialmente con gli eventuali diretti interessati. Bisognerebbe assolutamente rivolgersi alla figura della Consigliera di fiducia e al Comitato etico”.

 
Prof P. Collini: “In verità vorrei abolire del tutto il libretto, perché non mi piace che i voti precedenti debbano essere mostrati all’esame. È chiaro che un tesserino di riconoscimento deve esserci. Il tema del doppio libretto è rilevante perché tocca la sensibilità di chi ha compiuto una scelta assolutamente legittima. I problemi giuridici sono complessi, ma se è possibile trovare il modo per rispettare e tutelare le scelte individuali e la privacy, questa possibilità dovrebbe essere attuata”.
 
Quale sarebbe il ruolo dello studente nella Sua amministrazione? Ci riferiamo ad un’organizzazione verticistica o orizzontale?
 

 
Prof. P. Collini: “Gli studenti sono degli interlocutori preziosi per la loro capacità propositiva e critica. Vorrei che fossero più coinvolti anche in Senato Accademico, valorizzando la loro presenza. Vedrei bene la presenza studentesca e del personale d’amministrazione nel Consiglio Accademico. Credo che attraverso una revisione degli organi accademici si possa rendere il corpo studentesco ancora più partecipe e attivo. Il rapporto studenti-Università dovrebbe realizzarsi su una linea orizzontale.”

 
Prof. S. Zambelli: Quello che ho notato è che gli Studenti sentono di avere un ruolo passivo. Per questo ho proposto l’introduzione del concetto delle Scuole, un organo di governo costruito con i vari direttori dei dipartimenti e i rappresentanti degli studenti, i quali avrebbero potere di voto. Le critiche degli studenti dovrebbero essere messe per iscritto e i responsabili dovrebbero obbligatoriamente rispondere. L’organizzazione sarebbe di tipo assolutamente orizzontale”.
 
Si parla spesso del rapporto tra Università e Territorio: in che modo dovrebbe articolarsi?
 

Prof S. Zambelli: Un rapporto franco, diretto. Per me il territorio è centrale, con un’apertura verso il Sistema Trentino della Ricerca. Tuttavia deve essere rispettata l’autonomia dell’Università come l’articolo 33 Cost. precisa. Il territorio non è solo quello locale, ma anche nazionale e internazionale. Deve essere un rapporto di cooperazione e non subalternità”.

 

 
Prof. P. Collini: “L’Universitas è nel mondo. Quindi ha due tipi di rapporto con lo spazio fisico, uno universale, dato che la conoscenza e la ricerca sono universali. L’altro rapporto è locale, perché l’Università deve molto al territorio che la ospita, e a sua volta restituisce molto. Diamo molto al territorio perché formiamo persone, trasferiamo conoscenza, attraiamo ricchezza economica e culturale, talenti, diversità culturale”.
 
 
Appello agli elettori…
 

 
Prof. P. Collini:Ognuno deve scegliere ciò che ritiene giusto. I due candidati esprimono due visioni diverse dell’Università, è un’occasione straordinaria per eleggere un Rettore che sia veramente il Rettore di tutti”.

 

 

Prof. S. Zambelli: “Il Professor Collini rappresenta la continuità rispetto al programma De Pretis. Il mio programma rappresenta forse un’alternativa che può permettere di vivere a pieno l’Università, di cui sottolineo ulteriormente la vocazione al servizio pubblico”.

 

A cura di Ludovica Tomasini 

 

 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
Valsugana e Primiero1 ora fa

Marmolada, riconosciuta la quarta vittima, si tratta di Liliana Bertoldi di Levico

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

Ville d’Anaunia, nel 2021 oltre 1,5 milioni di euro di investimenti

Alto Garda e Ledro3 ore fa

Consegnata la croce al merito di servizio a Graziano Boroni

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

A Castel San Michele è tempo di “Gusto al Castello”

Trento4 ore fa

A giugno temperature molto superiori alla media del periodo

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Soccorso Alpino e Speleologico: cala il numero dei dispersi, chiusi gli accessi alla Marmolada

lavaggio tappeti
Aziende4 ore fa

Lavaggio dei tappeti persiani, da Zanella Arredamenti un’attenta lavorazione artigianale

Trento5 ore fa

Coronavirus in Trentino: boom di contagi e ricoveri nelle ultime 24 ore

Fiemme, Fassa e Cembra5 ore fa

Marmolada, ultima ora: scendono a 5 i dispersi

Bolzano5 ore fa

Bolzano, evade dagli arresti domiciliari per andare a Nizza: arrestato un 28enne tunisino

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Raid dell’orso a Spormaggiore, i vigili del fuoco lo mettono in fuga

Trento6 ore fa

Acque minerali, pubblicata la prima procedura a evidenza pubblica per la concessione “Fonte Alpina” nel comune di Peio

Musica6 ore fa

Venerdì 8 luglio al parco delle Terme di Levico la grande pianista trentina Isabella Turso

Valsugana e Primiero6 ore fa

Piscina Levico Terme: inaugurato il nuovo Spray Park

Fiemme, Fassa e Cembra7 ore fa

Marmolada: ritrovato vivo il 30 enne di Fornace, Davide Carnielli

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

eventi4 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Telescopio Universitario4 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Politica3 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Trento4 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Italia ed estero4 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

Politica3 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento – Ucraina, accolte le prime due studiose

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Rovereto, continuano gli atti vandalici: prese di mira le auto parcheggiate

Politica3 settimane fa

Claudio Cia: «Patt è solo l’ombra del suo passato e pronto a mettersi con tutti per il potere»

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Fausto Iob è stato ucciso, arrestato il presunto colpevole

Trento2 settimane fa

Chico Forti, lo zio Gianni: «Perchè chi ha promesso non ha mantenuto la parola?»

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza