Connect with us
Pubblicità

Trento

La Lega Nord si attiva in Europa in difesa della docenti precarie Trentine

La Lega Nord ha deciso di intervenire in favore delle docenti precarie della scuola dell'infanzia, e lo fa chiedendo l'aiuto dell'Europa.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

La Lega Nord ha deciso di intervenire in favore delle docenti precarie della scuola dell'infanzia, e lo fa chiedendo l'aiuto dell'Europa.

In seguito alle polemiche relative all’indizione del «concorso pubblico, per titoli ed esami per la copertura di complessivi 60 posti a tempo indeterminato della figura di insegnante della scuola infanzia, categoria unica, della Provincia autonoma di Trento, di cui 30 posti di sezione e 30 posti di sezione con competenza in lingua straniera tedesca o inglese», la Lega Nord ha deciso di presentare un atto ispettivo non soltanto in Provincia, attraverso il Cons.Fugatti, ma anche in Commissione europea grazie all’interessamento dell’On. Lorenzo Fontana.

Quest’ultimo, viste le disposizioni contenute all’interno della sentenza della Corte di giustizia europea, la condanna all’Italia per la violazione della Direttiva 1999/70/CE e l’illegittimità della reiterazione dei contratti a tempo determinato oltre i 36 mesi, chiede all’organo europeo competente di pronunciarsi esaminando il concorso in materia e darne riscontro sui modi e tempi d’intervento; il tutto auspicando ad un annullamento in autotutela del documento poc’anzi citato.

Pubblicità
Pubblicità

«Il concorso, come è purtroppo risaputo, andrebbe a tutto svantaggio di chi, pur prestando da anni servizio con dedizione e passione, possedendo le conoscenze necessarie visti anche i numerosi corsi di formazione frequentati e l’esperienza sul campo, sarebbe rimasto un docente precario»ha affermato Maurizio Fugatti segretario della Lega Nord.

E poi ancora: «Auspichiamo che la Provincia sospenda il concorso e si mobiliti immediatamente per stabilizzare i docenti ad oggi precari, dando loro la dignità e il riconoscimento che meritano».

L'iniziativa della Lega Nord arriva dopo la convulsa serata di ieri sera a Borgo dove Ugo Rossi e Manuela Bottamedi sono stati contestati nell'incontro dove si è parlato del futuro della scuola. Per la Bottamedi l'accoglienza è stata al veleno, infatti è stata attesa dai suoi ex militanti grillini con striscioni, fischi, insulti e una bara di cartone (leggi qui).

Pubblicità
Pubblicità

Ma non è andata meglio al governatore che durante tutta la serata è stata «attaccato» dalle numerose docenti precarie presenti in sala alle quali non è riuscito a dare delle risposte chiari ed esaurienti. 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 settimane fa

Caro bollette, supermercati Eurospin: «Abbiamo perso ogni speranza»

Trento2 settimane fa

Caro energia: dalla provincia arrivano 180 euro per ogni famiglia

Trento3 settimane fa

Autovelox e semafori intelligenti in funzione dal 19 settembre. Ecco dove sono installati

Arte e Cultura3 settimane fa

A Riva del Garda Serena Dalla Torre si riconferma campionessa italiana di Body Painting

Trento2 settimane fa

Dopo 20 anni di amore Tony Menegatti sposa la sua Laura

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Rovereto: protesta per le urla alle Fucine, 72 enne massacrato dalla «Baby Gang»

Trento2 giorni fa

Relazione della D.I.A.: in Trentino presenti le Mafie Calabresi, nigeriane e albanesi

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Impiccato in garage, i Carabinieri di Borgo compiono il miracolo

Trento2 settimane fa

Il comune fa cassa: 104 multe in sole 3 ore grazie ai nuovi semafori «intelligenti»

Trento6 giorni fa

Ritrovata la 18 enne scomparsa sabato dopo la scuola

Politica7 giorni fa

Elezioni 2022, ecco i primi trombati eccellenti

Io la penso così…4 giorni fa

Giulia Torelli: Le turbe psichiche di questo soggetto sono particolarmente evidenti

Trento3 settimane fa

Morto a soli 61 anni Luca Mazzalai, partecipò ad oltre 20 edizioni della Trento Bondone

Val di Non – Sole – Paganella3 giorni fa

Dramma in Val di Non: il corpo di una donna recuperato nella forra del torrente Pongaiola

Trento4 settimane fa

Trento, lavorare per le cooperative sociali a 4 euro l’ora: «Non ce la facciamo a vivere»

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza