Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Morto il re degli amplificatori Athos Davoli

La vita a volte ci riserva delle coincidenze sorprendenti. Una di questa riguarda la morte del re degli amplificatori Athos Davoli che ci ha lasciato proprio durante lo svolgimento del Festival di Sanremo.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

La vita a volte ci riserva delle coincidenze sorprendenti. Una di questa riguarda la morte del re degli amplificatori Athos Davoli che ci ha lasciato proprio durante lo svolgimento del Festival di Sanremo.

Nella sua Parma è infatti morto ad 88 anni  colui che, negli anni 60,  ha permesso lo svolgimento in Italia dei concerti dei Beatles, dei Rollig Stones, Jimi Hendrix e Caterina Caselli.  Sotto il suo marchio infatti hanno suonato i più importanti musicisti nazionali e internazionali i quali  si sono resi protagonisti di concerti memorabili in tutto il mondo.

Pubblicità
Pubblicità

Athos Davoli è stato un inventore geniale ed un lavoratore infaticabile. La sua carriera inizia  come riparatore di radio e a 17 anni è apprendista di sistemi di comunicazione radio su un aereo da guerra. Nel dopoguerra prosegue da solo la sua attività progettando e costruendo innovative apparecchiature valvolari.

Nel  1957 fonda l’azienda Krundaal Davoli e negli anni 60 comincia a produrre amplificatori per strumenti musicali e per voce, diventando ben presto un nome noto e apprezzato nel settore. Infatti i sui amplificatori  sono utilizzati dalla maggior parte delle band musicali italiane e da quelle straniere che arrivano in tournée in Italia in quel periodo. Siamo nei magici anni 60 nell'epoca dei grandi concerti live.

In seguito Davoli si dedica alla  produzione di chitarre elettriche, che oggi sono molto rare e ricercate fra i collezionisti, tanto da essere diventate oggetti di culto in  tutto il mondo. Grande spazio è stato dato anche ai concorsi musicali come  ItaliaBeat e EuroDavoli, che promuovono i sui prodotti premiando le migliori band emergenti e contribuendo a rendere famosi numerosi di quelli che, in seguito, faranno la storia della musica italiana.

Pubblicità
Pubblicità

Ben presto il brand Davoli fa il giro dell’Italia e del mondo, tanto che  negli anni 70  l’azienda conta circa 220 dipendenti.

I suoi amplificatori sono richiesti in tutto il mondo e fra le sue creature ci piace ricordare il Davolisint, un mini sintetizzatore a due oscillatori, i mixer  e i tanto apprezzati e diffusi  impianti voce.

L’azienda Davoli  continua a progettare e brevettare altri prodotti: pianoforti elettrici, organi elettronici, impianti per radio, per discoteche, impianti luce elettronici, sistemi di controllo dell’inquinamento acustico, chitarre e bassi.  

Il 14 luglio 2002 l’Università americana del Rhode Island gli conferisce  la laurea ad honorem in Ingegneria elettronica.

Dagli anni 80 l’attività di Athos Davoli inizia ad essere gestita dal  figlio Willy e successivamente anche dalla figlia Simona. Insieme cercano di rappresentare al meglio la passione ed il grande lavoro svolto dal padre.

Stefano Leto

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento3 settimane fa

Mauro Ottobre perde anche in appello con La Voce del Trentino. Dovrà pagare altri 22 mila euro

Trento2 settimane fa

Coronavirus: un decesso e 326 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: contagi e ricoveri in calo nelle ultime 24 ore

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 426 contagi nelle ultime 24 ore. In salita i ricoveri

Politica4 settimane fa

Anche una delegazione Trentina alla conferenza di Fratelli d’Italia, Meloni: «E’ arrivato il nostro tempo»

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 66 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Vasco diffonde la prime foto del grande palco del Concerto di Trento. Saranno 11 i musicisti impegnati nel live

Politica3 settimane fa

Consiglio straordinario il 16 maggio per la comunicazione sull’A22

Politica3 settimane fa

Fratelli d’Italia chiede un incontro col governatore, Urzì: «Ecco le nostre priorità per il Trentino»

Telescopio Universitario4 settimane fa

Università di Trento: ecco il piano strategico fino al 2027

Telescopio Universitario4 settimane fa

Covid-19, ecco gli ostacoli più ricorrenti nella comunicazione

Aziende3 settimane fa

Quando Arte e Luce si incontrano nasce ‘illuminando Arte’

Trento3 settimane fa

Vasco Live: venticinquemila posti auto, oltre a quelli riservati a camper e pullman, online la piattaforma per prenotare il parcheggio

Italia ed estero4 settimane fa

Papa Francesco: per l’Ucraina, contro “l’abbaiare della Nato alla porta della Russia”

Politica3 settimane fa

Laboratorio Paritario Trentino: sabato a Cognola la presentazione

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza