Connect with us
Pubblicità

Trento

Protonterapia di Trento: quali i tumori trattati

In primavera inizierà ad operare il nuovo Centro di protonterapia oncologica, che rappresenterà una speranza concreta per molti malati di tumore.

Pubblicato

-


In primavera inizierà ad operare il nuovo Centro di protonterapia oncologica, che rappresenterà una speranza concreta per molti malati di tumore.

La peculiarità di questa terapia consiste principalmente nello sfruttamento delle proprietà fisiche dei protoni in campo medico, reso possibile grazie alla realizzazione di grandi acceleratori capaci di produrre i protoni, dosarli e orientarli in modo selettivo verso i bersagli neoplastici. La protonterapia, in sostanza, è in grado di colpire la massa tumorale senza incidere sui tessuti sani circostanti.

Attualmente questo tipo di terapia è particolarmente adatta nelle situazioni in cui la radioterapia convenzionale presenta un rischio di tossicità inaccettabile per il paziente o come trattamento di elezione nelle neoplasie localizzate in vicinanza di tessuti critici ed in generale dove si richiede un trattamento di alta precisione.

Pubblicità
Pubblicità

La procedura è praticamente inedita in Italia. E rara anche in Europa. Il centro, sorto nella zona sud di Trento, riqualificando l'area delle ex Caserme Bresciani, sarà infatti il quinto della Ue dopo quelli di Parigi, Monaco, Essen e Praga, che sono però istituti privati, mentre quello trentino è l'unico appartenente al servizio pubblico. A regime potrà curare fino a 700 pazienti ogni anno, lavorando 16 ore al giorno per 5 giorni a settimana e 8 ore il sabato. 

L'Unità operativa di protonterapia di via al Desert entrerà nei Lea – Livelli essenziali di assistenza garantiti dal Servizio sanitario nazionale. Nella giornata di martedì infatti Donata Borgonovo Re, assessora alla salute e solidarietà sociale, ha partecipato a Roma ad un incontro fra gli assessori regionali e Beatrice Lorenzin, ministro della salute, durante il quale è stato presentato il lavoro di aggiornamento dei Lea condotto dal Governo.

COS'È LA PRONTOTERAPIA? – La protonterapia è un trattamento radiante di precisione che utilizza particelle pesanti, protoni, per irradiare pazienti affetti da patologie tumorali.
Per la erogazione della terapia è necessaria una apparecchiatura di produzione delle particelle, il ciclotrone, ed un sistema di trasporto del fascio e di rilascio sul paziente che è posizionato su un lettino di trattamento all’interno del gantry (una struttura che ruota attorno al paziente e da cui partono le radiazioni).

Pubblicità
Pubblicità

Le caratteristiche fisiche dei fasci di protoni che li rendono così attrattivi per l’uso clinico sono quelle che permettono di rilasciare la dose con estrema precisione sul bersaglio tumorale risparmiando i tessuti sani circostanti cosa che permette di somministrare dosi più elevate al tumore o a parità di dose di ridurre l’esposizione ai tessuti normali. In sostanza il risultato che ci si attende è o di incrementare il controllo di malattia o di ridurre la tossicità.

I TUMORI CHE VENGONO TRATTATI – In linea di principio qualsiasi tumore nel quale viene utilizzata a scopo terapeutico la radioterapia è trattabile con protoni. Vista però la scarsa disponibilità di strutture di protonterapia ed il loro alto costo si preferisce orientarsi su neoplasie di forma complessa e di difficile irradiazione, poco rispondenti con le tecniche tradizionali, o dove il risparmio dei tessuti sani circostanti sia di vitale importanza come ad esempio nei pazienti in età pediatrica.

Ad oggi sono stati trattati nel mondo circa 120.000 pazienti a partire dagli anni ’50 quando l’ipotesi terapeutica si è fatta strada. Solo dagli anni ’90 il trattamento è risultato disponibile in strutture ospedaliere dedicate a dal 2000 in poi ha cominciato ad espandersi allargando la platea dei possibili pazienti a varie sedi e diagnosi e non solo ai primi tumori trattati quali il melanoma oculare e i cordomi della base cranica. 

LO SVILUPPO DELLA PROTONTERAPIA – I dati disponibili più recenti a metà del 2014 (dati PTCOG – Proton Therapy Cooperative Oncology Group) evidenziano l’operatività di 46 centri al mondo che utilizzano adroni, la maggior parte protoni e alcuni ioni Carbonio, con 10 centri in fase di commissionamento clinico ed altri 46 in fase di costruzione o progettazione. Tali centri sono diffusi principalmente negli Usa ed in Asia (Giappone) anche se in Europa sono attivi sei centri, alcuni “storici” quali Orsay (Francia), Heidelberg (Germania), Villigen (Svizzera) e altri più recentemente attivati quali Essen (Germania), Monaco (Germania) e Praga (Republica Ceca), con alcuni dei quali sono attive da tempo collaborazioni.

In Italia è funzionante il centro CNAO a Pavia, centro nazionale con attività dedicata soprattutto all’uso degli ioni carbonio e Catania dove il fascio, posto in un centro di fisica nucleare, è disponibile solo per piccoli periodi all’anno per trattare tumori oculari. 

IL CENTRO DI TRENTO – Il centro è dotato di sofisticati mezzi tecnologici e con caratteri innovativi anche nell’uso delle particelle tipo trattamenti ad intensità modulata non ancora applicate in altre strutture analoghe. Esso è dotato di due gantry, camere di trattamento rotanti con fascio orientabile a 360°, e di un fascio fisso a possibile uso sperimentale e di ricerca. 

Il centro è stato consegnato da parte della ditta costruttrice (che ne cura manutenzione e operatività) a fine 2013. ATreP, l’agenzia provinciale che ne ha curato lo sviluppo, ha consegnato il centro all'Apss l'1 gennaio 2014. Si è svolto da quel momento un lungo e delicato periodo che ha portato alla definitiva accettazione della struttura ed al suo commissionamento clinico (periodo di rodaggio delle attrezzature con prove sperimentali meccaniche e su fantocci) e, ottenuta l’autorizzazione sanitaria all’uso clinico ad inizio settembre 2014, il 23 ottobre è stata effettuata la prima seduta di terapia su paziente.

La capacità di trattamento è prevista, a regime, di 700/750 pazienti circa l’anno con un costo medio per paziente e per trattamento completo standard di circa 20.000 Euro. Attualmente sono state valutate le documentazioni clinico-radiologiche di circa 150 casi ed effettuato il trattamento completo (30 sedute di media) su 6 pazienti, mentre ulteriori 5 sono in terapia e altri 5 in fase di pianificazione per l’inizio trattamento. Per ora i percorsi clinici avviati riguardano principalmente la sfera neuro-oncologica ed i pazienti adulti.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]

Categorie

di tendenza