Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Se Charlie Hebdo non riesce più ad essere irresponsabile

 

Charlie Hebdo, il “giornale irresponsabile”, ha scelto di trincerarsi in un responsabile silenzio. Nei giorni scorsi, i redattori del settimanale satirico francese hanno annunciato che il prossimo numero è stato rimandato a data da destinarsi. “È un problema di stress e stanchezza”, ha dichiarato Anne Hommel, addetta alla comunicazione. “Sarà difficile tornare ad essere irresponsabili”, ha ammesso Luz, il vignettista sopravvissuto.

Pubblicato

-

Charlie Hebdo, il “giornale irresponsabile”, ha scelto di trincerarsi in un responsabile silenzio. Nei giorni scorsi, i redattori del settimanale satirico francese hanno annunciato che il prossimo numero è stato rimandato a data da destinarsi. “È un problema di stress e stanchezza”, ha dichiarato Anne Hommel, addetta alla comunicazione. “Sarà difficile tornare ad essere irresponsabili”, ha ammesso Luz, il vignettista sopravvissuto.

Luz è l’uomo simbolo di quel che resta della redazione di Charlie Hebdo dopo la strage del 7 gennaio. Quel giorno, il vignettista scampò alla morte “per miracolo”. Arrivò al lavoro in ritardo, abbastanza tardi per essere avvisato dell’incursione di due uomini armati nell’edificio del settimanale satirico. Luz è anche l’autore della copertina del numero successivo alla strage, quello che ha venduto ben 7 milioni di copie.

Ora Luz vive trincerato in casa, protetto dal personale di sicurezza. Nei giorni scorsi, Milène Larsson di Vice è riuscita ad avere accesso alla sua dimora-bunker, per un’intervista di dodici minuti. Si tratta di un’intervista fiume, nella quale il vignettista, ripartendo da quel 7 gennaio maledetto, ridisegna la strage che ha inferto un colpo mortale non solo alla redazione di Charlie Hebdo, ma anche alla libertà di espressione, intesa come libertà assoluta e sconfinata.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo il 7 gennaio, infatti, niente è più come prima. Come osserva Luz, alcuni vignettisti in Francia lamentano: “Non possiamo più disegnare niente perché potrebbe offendere qualcun altro nel mondo”. Questa situazione è anche frutto delle reazioni che hanno seguito l’attentato a Charlie Hebdo. In tal senso, non si è creato un fronte compatto a difesa della libertà di espressione, come era lecito attendersi. La risposta è stata, piuttosto, velleitaria, confusa e piena di ipocrisie.

I fatti di Parigi hanno infatti innescato una sterile diatriba sui confini della libertà di espressione. Persino papa Francesco, solitamente pacifico e pacifista, si è lasciato andare a pericolose dichiarazioni (“Se uno mi offende la madre, gli do un pugno”, dove per madre si intende chiaramente la religione). Possibile che si faccia così fatica a distinguere tra la libertà di espressione che non fa male a nessuno e quella che invece incita alla morte?

L’umorismo non uccide nessuno, non possiamo essere prigionieri dell’umorismo degli altri”, sbotta Luz. E continua: “Non ho mai tentato di offendere la comunità musulmana. Credo che i musulmani se ne freghino di Charlie Hebdo. Quelli che dicono che i musulmani sono offesi considerano i musulmani degli imbecilli”. Luz ricorda così che lo scopo delle sue vignette non è mai stato scagliarsi contro la fede altrui, ma piuttosto colpire rabbini, vescovi, imam e tutti coloro che violentano la religione per perseguire oscuri scopi politici.

Di fronte agli appelli bipartisan al rispetto delle religioni, Luz ha fatto stampare una proposta di “giornale responsabile”. Il risultato? Tante pagine bianche, con qualche titolo innocente qua e là. “I disegnatori hanno il diritto di essere irresponsabili”, ribadisce il vignettista sopravvissuto, con la voce rotta dalla commozione.

Luz conclude poi l’intervista con la giornalista di Vice spiegando perché ha scelto di disegnare Maometto sulla copertina del numero successivo alla strage. “È stata una forma di perdono reciproco. Io ho perdonato il mio personaggio per tutti i guai che ci ha fatto passare e lui mi ha risposto dicendomi: Non è grave, sei ancora vivo, potrai continuare a disegnarmi”.

Luz vuole disperatamente tornare a disegnare Maometto e ricominciare così a prendersi gioco di ogni forma di fanatismo. Vuole che le sue vignette tornino ad essere irresponsabili. Tuttavia, riconosce che “sarà molto difficile”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]
  • Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt
    22 febbraio 1997: presso la Galleria Ricci Oddi di Piacenza scompare il “Ritratto di Signora”, una delle opere dell’artista austriaco Gustav Klimt risalente al 1916/17. La cornice abbandonata sul tetto dopo il furto era tutto ciò che restava di una delle splendide e più discusse opere di Gustav Klimt. La tela originale, si suppone infatti […]
  • Regno Unito: dal 2035 vietata la vendita di auto diesel e benzina
    Il settore delle auto elettriche è nella sua piena espansione, sebbene le quote di mercato rimangono ancora a livelli inconsistenti. Infatti, i principali costruttori stanno investendo cifre immense per crescere ulteriormente ed accompagnare la produzione verso uno sviluppo ed un acquisto di massa. Il problema delle emissioni derivanti dalle automobili, è stato preso di petto […]

Categorie

di tendenza