Connect with us
Pubblicità

Trento

Presentati i parametri per l’assegnazione del reddito di garanzia sociale

Stato di salute, autosufficienza, lavoro, casa, condizione del minore, dell'adulto e dell'anziano nel contesto familiare; sono le problematiche complesse che saranno prese in esame per assegnare il reddito di garanzia sociale. 

Pubblicato

-

Stato di salute, autosufficienza, lavoro, casa, condizione del minore, dell'adulto e dell'anziano nel contesto familiare; sono le problematiche complesse che saranno prese in esame per assegnare il reddito di garanzia sociale. 

Oggi la Giunta provinciale ha approvato la scheda per l'analisi omogenea di queste criticità, elaborata da un gruppo di lavoro nel corso di una serie di confronti con le Comunità e con il Territorio Val d'Adige: "Si sono intraviste nel reddito di garanzia sociale alcune disparità fra una Comunità e l'altra e ci si è posti quindi il tema dell'equità, ovvero di una modalità di accesso uniforme fra tutti i territori – commenta l'assessora alla salute e solidarietà sociale Donata Borgonovo Re.

La scheda, individuando gli ambiti di criticità, diventa un elemento determinante per la costruzione del progetto sociale, nel quale saranno concordate le attività da effettuare per affrontare e superare queste criticità. Il reddito di garanzia è legato al rispetto di questo progetto sociale è, in sostanza, una sorta di patto con l'utente".

Pubblicità
Pubblicità

Si avvierà ora una fase di sperimentazione della scheda nelle Comunità, alle quali compete l'assegnazione del reddito di garanzia sociale, che durerà sei mesi, al termine della quale lo strumento, sulla base delle valutazioni dei professionisti, sarà approvato definitivamente oppure modificato.

Per impostare la 'scheda per l'analisi omogenea delle problematiche complesse il gruppo di lavoro ha prima di tutto analizzato il contesto di partenza, cercando di capire quali sono i beneficiari del reddito di garanzia sociale. Tale reddito è erogato dalle Comunità, i beneficiari sono persone che oltre a problemi economici, presentano una situazione di problematicità complessa. 

Per aiutare queste persone le Comunità hanno accolto, nel 2013, 718 domande, di cui 471 domande di italiani, 28 di cittadini provenienti dall'Unione Europea, 162 al di fuori dei confini europei e 57 di nuclei formati da coppie miste.

Pubblicità
Pubblicità

Se si analizza la distribuzione per nazionalità dei beneficiari nel cui nucleo ci sono minori, si evidenzia che gli italiani raggiungono la percentuale maggiore (43%); per la categoria degli over 65 anni gli italiani sono addirittura il 97%: si tratta di nuclei di soli anziani che percepiscono una pensione bassa e quindi non sufficiente a garantire una vita dignitosa e che, vista la loro situazione lavorativa, non avranno l'opportunità di modificare la loro condizione.

Infine si segnala che i beneficiari del reddito di garanzia sociale che fanno parte di un nucleo di soli adulti sono per la maggior parte di nazionalità italiana (82%), come pure quelli appartenenti a nuclei in cui tutti lavorano (64%). 

Per valutare quindi se sussiste diversità nei comportamenti delle singole Comunità rispetto all'erogazione del reddito di garanzia sociale, il gruppo di lavoro ha analizzato il numero dei beneficiari dell'intervento economico e gli importi erogati, un dato sostanzialmente omogeneo fra i diversi territori, con piccole discrepanze dovute alle condizioni strutturali dei territori.

Infine sono stati rapportati i dati dei beneficiari con gli iscritti ai centri per l'impiego: in questo caso si è evidenziato un tasso di iscrizione ai centri per l'impiego molto elevato nelle Comunità di Primiero, Valsugana e Tesino, Comun General de Fascia e Paganella, a fronte del quale c'è invece un basso tasso di erogazione di reddito di garanzia. Probabilmente, essendo Comunità a vocazione turistica, il dato è conseguente all'iscrizione di lavoratori stagionali provenienti da fuori regioni oppure stranieri.

La scheda elaborata dal gruppo di lavoro individua quattro aree e tre scenari, che possono presentare particolari elementi di fragilità.

Le aree analizzate sono:

  • lo stato di salute, ovvero la dipendenza da droghe, alcool, gioco, o altri disturbi;
  • l'autosufficienza, legata alla difficoltà o impossibilità di gestione della vita quotidiana;
  • il lavoro, ovvero lo stato occupazionale e anche l'attivazione nella ricerca del lavoro;
  • la casa, ovvero l'adeguatezza degli spazi abitativi in relazione alle proprie esigenze.

Sotto il profilo degli scenari si distingue:

  • la condizione del minore sia a livello di rispetto delle regole, comportamenti più o meno aggressivi, integrazione sociale, ecc., sia a livello di percorso scolastico;
  • la condizione dell'adulto / anziano nel contesto familiare, ovvero la qualità delle relazione e l'organizzazione familiare, eventuali maltrattamenti e violenza;
  • le condizioni relazionali dell'adulto / anziano in un nucleo monoparentale.

Sulla base di queste criticità partirà la valutazione sui richiedenti che presentano la complessità sociale necessaria per l'erogazione del beneficio, quindi verrà elaborato un progetto sociale, differente da persona a persona, per superare, se possibile, queste criticità. 

La scheda verrà sperimentata nelle Comunità per un periodo di tempo di sei mesi, al termine del quale lo strumento sarà inviato al Consiglio delle autonomie locali per condividerne la conferma dei contenuti o la loro modifica

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa
    Come noto, nell’Unione Europea alcuni Paesi attuano politiche fiscali aggressive a scapito di altri. Di conseguenza, questa mossa consente loro di attirare molti investitori con una tassazione favorevole. In questo sistema si inserisce l’Osservatorio fiscale... The post Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa appeared first on Benessere Economico.
  • Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze
    Dopo anni di pressione dell’Unione Europea, Whasington cede e apre la possibilità di una tassa digitale globale per le multinazionali del web. Di cosa si tratta e come funziona L’accordo parla di un’imposta minima del... The post Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze appeared first on Benessere Economico.
  • Nuovo Portale di Reclutamento per la P.A.: l’unico spazio dove domanda e offerta si incontrano
    Con il nuovo Decreto varato dal Governo, esce anche il nuovo Portale del Reclutamento per la Pubblica Amministrazione, un luogo rivoluzionario dove si incontrerà domanda e offerta di lavoro pubblico. Di cosa si tratta All’interno... The post Nuovo Portale di Reclutamento per la P.A.: l’unico spazio dove domanda e offerta si incontrano appeared first on […]
  • Cresce la fiducia dei consumatori e delle imprese: Italia verso un trend positivo
    L’Italia rincorre la strada per la ripresa e cresce la fiducia dei consumatori che si riavvicina ai livelli pre-pandemia. I dati vengono confermati dall’Istituto nazionale di statistica, Istat che racconta di un’Italia più fiduciosa e... The post Cresce la fiducia dei consumatori e delle imprese: Italia verso un trend positivo appeared first on Benessere Economico.
  • Addio ai “furbetti” del Cashback, in arrivo avvisi per i pagamenti sospetti
    In previsione della chiusura del primo semestre del Cashback fissata per il 30 giugno 2021, gli utenti che hanno dato vita a movimento sospetti riceveranno un avviso. Cashback, il rimborso In quella data gli utilizzatori... The post Addio ai “furbetti” del Cashback, in arrivo avvisi per i pagamenti sospetti appeared first on Benessere Economico.
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]
  • Tempo di vacanze: conoscete già l’Hotel Alpen Tesitin a Tesido?
    A Monguelfo si trova un eccezionale luogo di benessere e relax, dove ci si dedica ai piaceri della bella vita. Gli spazi inondati di luce e la piacevole sensazione di essere a proprio agio sono frutto dell’arte dell’accoglienza che si respira dal primo momento durante le vacanze in Val Pusteria all’Hotel Alpen Tesitin. La posizione […]

Categorie

di tendenza