Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Nitsana Darshan-Leitner: è donna l’avvocato che lotta contro l’Isis

 

È l'incubo di stati canaglia e terroristi: l'avvocato israeliano Nitsana Darshan-Leitner non si ferma davanti a nessuno. Supportata dallo staff del suo studio legale, lo Shurat HaDin, Leitner ha rappresentato centinaia di vittime del terrorismo in casi contro al Qaeda, Hezbollah e l'Autorità nazionale palestinese, ma anche contro Iran, Siria e Corea del nord. Quest'autunno, poi, ha cominciato a dare la caccia allo Stato Islamico.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

È l’incubo di stati canaglia e terroristi: l’avvocato israeliano Nitsana Darshan-Leitner non si ferma davanti a nessuno. Supportata dallo staff del suo studio legale, lo Shurat HaDin, Leitner ha rappresentato centinaia di vittime del terrorismo in casi contro al Qaeda, Hezbollah e l’Autorità nazionale palestinese, ma anche contro Iran, Siria e Corea del nord. Quest’autunno, poi, ha cominciato a dare la caccia allo Stato Islamico.

L’avvocato israeliano intende, infatti, fare causa a chi fa affari con gli uomini del califfo Abu Bakr al Baghdadi. Più in particolare, Leitner vuole scovare le banche che ricevono il denaro proveniente dalle vendite del petrolio. “La questione è: da dove provengono i soldi dell’Isis?”, commenta l’avvocato israeliano dal suo studio di Tel Aviv. E continua: “Tecnicamente, non possiamo dare la caccia all’Isis. Ma possiamo inseguire le banche arabe che lo finanziano. Non si tratta di noccioline. Stiamo parlando di svariati milioni di dollari che l’Isis ottiene ogni giorni grazie al controllo dei giacimenti di petrolio. Ci devono essere delle banche che aiutano l’Isis a ricevere quei soldi. È lì che dobbiamo cercare”.

La strategia di Leitner è, quindi, colpire i terroristi mettendo mano al loro portafoglio. Il primo passo in questa direzione consiste nell’individuare le banche utilizzate dai gruppi criminali. Spesso, si tratta di istituti di credito con una o più filiali negli Stati Uniti o in Canada. In questi casi, lo studio legale dell’avvocato israeliano ha il via libera per perseguirli in giudizio, grazie al Patriot Act o al Canadian Anti-terrorism Act.

Con l’Isis, però, è tutto più difficile. Come ammette Leitner, dare la caccia allo Stato Islamico è “arduo”. Infatti, l’organizzazione presenta una struttura di comando torbida e, quel che è peggio, opera in Siria e in Iraq. In questi paesi, il sistema bancario è particolarmente oscuro. Perfino con Al Qaeda si riusciva a rintracciare il conto in banca dei suoi esponenti. “Con l’Isis, invece, perdi le tracce”, ammette sconsolata Leitner.

L’avvocato israeliano però non molla. Dal 2003, il suo studio legale ha intentato una lunga serie di azioni civili contro numerose banche e istituzioni finanziarie accusate di sostenere e aiutare i gruppi terroristici musulmani e arabi. Diversamente da quello che si potrebbe credere, i clienti di Leitner non sono solo ebrei, ma anche arabi, cristiani, musulmani e drusi.

Le vittime del terrorismo rappresentate da Leitner sono più di cento. Di volta in volta, l’avvocato israeliano ha citato in giudizio l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina, Hezbollah, Hamas, la Repubblica dell’Iran, la Corea del nord e la Bank of China. Recentemente, poi, ha avviato una causa presso la Corte internazionale di giustizia contro Khaled Meshaal, il leader di Hamas.

Pubblicità
Pubblicità

Nel corso degli anni, il suo studio legale ha ottenuto: un miliardo di dollari in risarcimenti dai finanziatori del terrorismo islamico, il congelamento di 600 milioni di dollari di fondi appartenenti ai terroristi e un risarcimento di 120 milioni di dollari alle vittime del terrorismo e alle loro famiglie.

La svolta per la carriera di Leitner è arrivata nel febbraio del 2002. L’avvocato israeliano era impegnato nel caso “Ira Weinstein”. Ira Weinstein era l’autista dell’autobus che nel febbraio del 1996 fu oggetto dell’attacco di un attentatore suicida a Gerusalemme. In quell’occasione, morirono venticinque israeliani. Il team di Leitner presentò denuncia contro il governo iraniano per conto della famiglia Weinstein, nel Distretto di Columbia. Le autorità iraniane erano accusate di aver sostenuto i terroristi di Hamas, responsabili di aver effettuato l’attacco. Nel febbraio 2002, il giudice federale ordinò a Teheran di pagare 183 milioni di dollari di risarcimento.

Per quanto riguarda il caso contro l’Isis, l’avvocato israeliano si dice intenzionato ad andare avanti per il bene dell’intera comunità internazionale. “È ovvio che sarà arduo, non solo per la natura del caso ma anche per il pericolo che pone per il resto del mondo. Non si tratta di terrorismo locale, come nei casi di Hamas o Hezbollah”, riconosce Leitner.

E ribadisce: “Il blocco dei finanziamenti avrà un ruolo chiave nella lotta contro il terrorismo”.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Rovereto e Vallagarina30 minuti fa

Lavarone: per Gabriele Kipewa missione compiuta, nuota sotto il ghiaccio per 18 metri in apnea

Sport41 minuti fa

Marcialonga: Vince Emil Persson, dominano gli scandinavi

Trento8 ore fa

Plastic Free 2023: premiati anche 6 comuni del Trentino

Trento8 ore fa

RSA, le famiglie scrivono all’azienda sanitaria: aprire alle visite e alla riforma

Telescopio Universitario8 ore fa

UniTrento – “Al museo mi diverto anch’io!” Aprire i musei alle persone con autismo: ecco come fare

Trento8 ore fa

Trasporto sanitario in urgenza-emergenza: approvate le modalità per la rendicontazione delle spese

Trento8 ore fa

A marzo terminato il Depuratore Trento 3, servirà 150 mila cittadini

Trento9 ore fa

Francesca Gerosa nominata nel direttivo nazionale di Federcasa

Trento9 ore fa

Anno giudiziario 2023: in Trentino Alto Adige aumentano tutti i reati

Italia ed estero11 ore fa

In Antartide rilevata l’emissione di notevoli quantità di gas serra dal suolo perennemente ghiacciato

Spettacolo11 ore fa

Due giorni a passo di tango con la Compagnia Naturalis Labor

Vita & Famiglia12 ore fa

Aborto. Pro Vita & Famiglia: «Il Parlamento è libero di modificare la Legge 194»

Val di Non – Sole – Paganella23 ore fa

Buoni legna a Cavareno, aperte le richieste

Trento23 ore fa

Giovanni Coletti a Tgcom24: «Crescita ragazzi autistici dramma mondiale»

Val di Non – Sole – Paganella23 ore fa

Denno: ecco come effettuare la pulizia (obbligatoria) dei camini e delle canne fumarie

Trento2 giorni fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento4 settimane fa

Dramma a Trento: ricercatrice muore a 42 anni per un malore improvviso

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragedia di Capodanno: è morta la 25 enne roveretana Valentina Vallenari Benedetti, troppo gravi le ferite riportate nell’incidente lo scorso 31 dicembre

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto2 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Offerte lavoro3 giorni fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

economia e finanza3 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina3 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento1 settimana fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento2 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento3 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento1 settimana fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Trento4 settimane fa

Arrivano i saldi invernali: ecco quando inizieranno

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza