Connect with us
Pubblicità

Trento

Tra letteratura e droni. In nome del figlio

Con un salto siamo nel Duemila, alle porte dell’universo, importante è non arrivarci in fila, ma tutti quanti con i suoi mezzi, magari arrivando a pezzi”. Così cantavano Paolo, Betta, Sandro e Claudio, liceali spensierati in un’estate dei primi anni Ottanta, sulle note di Telefonami tra vent’anni di Lucio Dalla

Pubblicato

-

Con un salto siamo nel Duemila, alle porte dell’universo, importante è non arrivarci in fila, ma tutti quanti con i suoi mezzi, magari arrivando a pezzi”. Così cantavano Paolo, Betta, Sandro e Claudio, liceali spensierati in un’estate dei primi anni Ottanta, sulle note di Telefonami tra vent’anni di Lucio Dalla

E vent’anni, anzi trenta, sono passati da allora e sembrano così lontani da una sera di un Duemila avanzato in cui Paolo (Alessandro Gassman) si trova a festeggiare l’imminente paternità a casa della sorella Betta (Valeria Golino) e del cognato Sandro (Luigi Lo Cascio) in compagnia dell’amico di sempre Claudio (Rocco Papaleo).

Paolo che si è gettato alle spalle un passato da primogenito di famiglia radical chic, ha sposato la bella e (apparentemente) inconsistente Simona (Micaela Ramazzotti) fa l’agente immobiliare e guida un ingombrante SUV, oltre che una smodata sbruffoneria.

Pubblicità
Pubblicità

Sua sorella Betta, invece, è rimasta imbrigliata nella rete della precarietà dell’insegnamento e dell’opaca vita famigliare, divisa tra il suo matrimonio con Sandro, docente universitario, e l’amicizia con Claudio, musicista e probabile omosessuale nonché depositario di ogni suo segreto.

Tra loro Simona, l’ultima arrivata e ad arrivare. Fuori tempo e fuori contesto ma centrata nel ruolo della svampita che le azzecca tutte. Ha persino scritto un libro, tanto trash che nessuno dei commensali è intenzionato al leggerlo, tanto attuale da scalare le classifiche di vendita, tanto centrato che della sua protagonista basta l’iniziale. Il nome si può omettere.

Sarà Il nome del figlio, o meglio uno scherzo ad esso legato, ad infuocare una serata tiepida e una commedia dal ritmo soave ma dall’anima potente. Perché Francesca Archibugi dimostra grande abilità nel direzionare un film lungo le vie di una sceneggiatura educata e intelligente, ma allo stesso tempo spietata e sincera.

Pubblicità
Pubblicità

E di saper accompagnare la macchina da presa tra i cieli romani e poi giù, per 90 minuti tra la terrazza e i vani di una casa invasa dai libri, tra le pieghe e le piaghe della famiglia, in un confronto serrato con il passato che non dà tregua a chi non sa uscirne.

Il nome del figlio, o nel suo nome è un viaggio nel passato, andata e ritorno, biglietto unico. Con qualche salto nella gioventù, per scoprire come eravamo e come siamo anche se, come dice Betta “non siamo più come prima. Il prima non c’è più”.

E così tutto si anima e tutti si animano in nome di qualcosa e nel proprio nome, mentre “i bambini ci guardano” (come titolava il bellissimo film di Vittorio De Sica del 1943) e non riescono a dormire perché gli adulti gridano. Quei bambini di oggi che ci guardano attraverso droni che telecomandano con il tablet, quando i bambini di ieri si accontentavano di accovacciarsi e spiare i grandi da dietro una siepe.

Il risultato, ad ogni buon conto, non cambia. Perché i piccoli sono sempre, e loro malgrado, chiamati a fare i conti con il presente e con il passato. Magari attraverso nomi pesanti e carichi di significati che oggi si perdono tra le beffe dei compagni di scuola, tra il cinismo politicamente scorretto e il sarcasmo qualunquista di genitori troppo o troppo poco adulti. 

Da vedere perché: vale la pena di capire che “di tempo per cambiare ce n’è”. Come sosteneva Lucio Dalla.

Emanuela Macrì

artecultura@lavocedeltrentino.it

{loadposition Pos-cineworld}  

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza