Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Non una lacrima per re Abdullah dell’Arabia Saudita

 

È morto un tiranno. Abdullah Bin Abdulaziz, sesto re saudita, si è spento giovedì all'età di 91 anni. Salì al trono nel 2005 con la promessa di riformare l'ultraconservatrice società saudita. Nove anni dopo, poco o nulla è cambiato. Le donne sono prigioniere degli uomini, il numero delle decapitazioni fa invidia allo Stato islamico, la tolleranza verso le altre confessioni religiose è pressoché nulla, gay e blogger dissidenti sono condannati a mille frustate, quando gli va bene.

Pubblicato

-

È morto un tiranno. Abdullah Bin Abdulaziz, sesto re saudita, si è spento giovedì all’età di 91 anni. Salì al trono nel 2005 con la promessa di riformare l’ultraconservatrice società saudita. Nove anni dopo, poco o nulla è cambiato. Le donne sono prigioniere degli uomini, il numero delle decapitazioni fa invidia allo Stato islamico, la tolleranza verso le altre confessioni religiose è pressoché nulla, gay e blogger dissidenti sono condannati a mille frustate, quando gli va bene.

Piangono i leader internazionali, o almeno, fanno finta. Il presidente americano Barack Obama ricorda il re saudita con un tweet: “In patria la sua visione era dedicata a educare la popolazione”. Il suo segretario di Stato, John Kerry, riesce a fare di meglio: “Il re Abdullah era un uomo di saggezza e visione. Gli Stati Uniti hanno perso un amico”. Sì, un amico che disprezzava tutte le libertà di cui l’America si fa portabandiera e che finanziava, neanche poi tanto segretamente, gli estremisti islamici di tutto il mondo.

Non piangono, invece, le donne saudite. Durante il regno di Abdullah, i miglioramenti della loro condizione non sono andati oltre qualche mossa puramente propagandistica. Il sistema dominante della “guardiania” è, infatti, ancora intatto. Questo prevede che le donne debbano ottenere il permesso di un guardiano per sposarsi, viaggiare nella maggior parte dei paesi, sottoporsi a determinati interventi chirurgici, intraprendere un lavoro pagato o iscriversi all’università. Solitamente, sono il marito, il padre, il fratello o il figlio ad assumere il ruolo di guardiano.

Pubblicità
Pubblicità

Nel 2005 Abdullah dichiarò: “Sono convinto che arriverà il giorno in cui le donne potranno finalmente guidare”. Quel giorno sembra ancora lontano. L’Arabia Saudita rimane l’unico paese al mondo in cui le donne non possono guidare. Se provano a violare il divieto, vengono arrestate.

Non piangono la morte di Abdullah neppure tutte le vittime della giustizia saudita. In questo paese, i giudici hanno pressoché potere di vita o di morte, grazie all’estrema discrezionalità garantita da un sistema privo di un codice penale scritto. Quest’anno, sono già undici coloro che sono stati ammazzati dal boia. L’anno scorso erano stati 87. Particolare scalpore ha destato la recente esecuzione di una donna birmana, accusata di abusi sessuali e omicidio della propria figliastra. Questa è stata trascinata per strada da quattro agenti della polizia e decapitata con una spada.

Non piangono neppure i membri delle confessioni religiose diverse dall’Islam. Per loro, vige il divieto di praticare pubblicamente la propria religione. Anche i musulmani sciiti, minoranza in un paese dominato dai sunniti, soffrono varie discriminazioni. Nel 2011 e nel 2012, gli sciiti protestarono appunto contro questo trattamento, ma la polizia rispose con la forza, arrestando numerose persone.

Pubblicità
Pubblicità

Tra coloro che non si disperano per la morte di re Abdullah ci sono poi i membri della comunità omosessuale. In Arabia Saudita, l’omosessualità è punibile con la morte. Lo scorso luglio, un ventiquattrenne è stato condannato a 450 frustate e tre anni di prigione, dopo aver scritto un tweet in cui raccontava di aver incontrato altri uomini.

Non piange per il re scomparso neanche Raif Badawi, blogger arrestato nel 2012 per aver pubblicato degli articoli in cui criticava la leadership religiosa del paese. Questo gli è costato una condanna a dieci anni di prigione e mille frustate. La vicenda di Badawi ha catturato l’attenzione internazionale, scatenando proteste a Berlino, in Germania, e spingendo Zeid Ra’ad al-Hussein, alto funzionario delle Nazioni Unite in tema di diritti umani a definire la condanna di Badawi “una forma crudele e inumana di punizione”.

La sfida per il successore di Abdullah, Salman Bin Abulaziz al-Saud, è enorme. Non sarà facile convincere il complesso apparato politico-istituzionale saudita a cambiare rotta e muoversi a passo spedito verso il rispetto delle libertà fondamentali. A tal riguardo, anche l’Occidente dovrà fare la sua parte, abbandonando la tradizionale accondiscendenza e condannando gli orrori compiuti all’ombra della Mecca.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori
    Dal Governo si lavora a nuove regole per lo smart working post emergenza covid-19, tra queste la riduzione delle tasse in busta paga e sgravi per le imprese. Da luglio, Camera e Senato hanno presentato... The post Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori appeared first on Benessere […]
  • Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse
    Una delle novità anticipata dall’ex Ministro dell’università, Manfredi e concretizzata dall’attuale Cristina messa prevede ad allargare la no tax area per gli studenti universitari, comprendo i costi fino alla fascia reddituale di 22 mila euro.... The post Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse appeared […]
  • Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli
    Dall’Unione Europa arriva il via libera agli aiuti di Stato per le imprese italiane colpite economicamente dalla pandemia Covid-19. I gravi effetti economici causati dall’arrivo del Coronavirus stanno avendo ancora pesanti ripercussioni per le attività... The post Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli e le novità
    Anche quest’anno torna il bonus pubblicità per le aziende puntano su investimenti pubblicitari, con l’invio delle domande che partirà dal 1 fino al 31 ottobre 2021. Bonus pubblicità 2021 Per il 2021 -2022, il credito... The post Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli […]
  • Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri
    Da novembre 2021 i costi di revisione delle auto aumenteranno. Decisione concordata dai Ministeri dell’Economia e della Mobilità Sostenibile. Dal 1 novembre aumenti prezzi revisione auto L’aumento che inizialmente sarebbe dovuto partire il 30 gennaio,... The post Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri appeared first on Benessere Economico.
  • Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro
    Il Ministro dello Sviluppo economico, Giorgetti ha attivato un fondo pari a 140 milioni di euro a sostegno delle attività rimaste chiuse in conseguenza delle misure restrittive anti-Covid. In dettaglio Il fondo avvivato dal Ministero... The post Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro appeared first on Benessere Economico.
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]
  • L’Italia e i boschi incantati: alla scoperta di fate, gnomi e folletti
    Ogni stagione con i suoi profumi e i suoi colori, invita qualsiasi escursionista ad esplorare la natura che, tra vegetazione ed alberi si mostra in tutto il suo splendore. In particolare, l’Italia è nota per essere una miniera di patrimoni artistici e culturali inestimabili capaci di scatenare la curiosità di grandi e piccini, con la […]

Categorie

di tendenza