Connect with us
Pubblicità

Sport

Energy T.I. Diatec Trentino a testa alta: Modena vince la coppa Italia

Il sogno di tornare ad alzare la Del Monte Coppa Italia, come già accaduto tre volte nelle ultime cinque edizioni, svanisce proprio in finale per l’ENERGY T.I. Diatec Trentino. 

Pubblicato

-

Il sogno di tornare ad alzare la Del Monte Coppa Italia, come già accaduto tre volte nelle ultime cinque edizioni, svanisce proprio in finale per l’ENERGY T.I. Diatec Trentino. 

I gialloblù questa sera al PalaDozza di Bologna si sono infatti dovuti inchinare alla grande favorita Modena Volley nel match che assegnava il trofeo ma l’1-3 finale non suona come una bocciatura per la squadra di Stoytchev che dovrà rimandare ulteriormente l’appuntamento con la vittoria di un nuovo titolo (l’ultimo un anno e tre mesi fa con la vittoria della Supercoppa Italiana 2013), ma che esce dall’appuntamento in terra emiliana comunque rafforzata nella convinzione dei propri mezzi e delle proprie possibilità anche in ottica playoff scudetto e Coppa CEV (a cui inevitabilmente si tornerà a pensare già da domani mattina).

Pubblicità
Pubblicità

Aver conteso sino all’ultimo atto il massimo trofeo nazionale ad una squadra come Modena, considerata assieme a Treia, la grande favorita della vigilia ed aver eliminato dalla corsa formazioni come Piacenza e Perugia che ad inizio stagione godevano sicuramente di maggiore considerazione va quindi visto come un merito specifico per Birarelli e compagni, che anche stasera hanno provato a gettare il cuore oltre l’ostacolo venendo però fermati nel loro tentativo di rimonta da una Modena apparsa in serata di grazia sin dai primi scambi.

Con attacco e muro, gli emiliani sono riusciti subito a prendere in mano le redini del gioco e anche quando Trento, con un acuto di Kaziyski al servizio, ha riaperto la contesa vincendo il terzo set, hanno avuto la capacità di giocare di nuovo bene chiudendo in fretta il discorso nel quarto parziale. Mvp del match il francese Ngapeth  (17 punti col 74% in attacco, un muro e due ace), ben spalleggiato principalmente da Petric (best scorer con 20 punti)  e Bruno, a cui hanno provato a replicare in parte solo i posti 4 Lanza (12) e Kaziyski (11) e, nella parte finale di match, il giovane Nelli (9 punti con due muri e un ace).

{loadposition POS-TnVolley} {facebookpopup}

La cronaca della gara. Radostin Stoytchev ripropone capitan Birarelli nel sestetto di partenza dell’ENERGY T.I. Diatec Trentino: Burgsthaler, buon protagonista degli ultimi tre set di semifinale, parte dalla panchina mentre il resto dello schieramento è quello classico che prevede Zygadlo in regia con Nemec opposto, Kaziyski e Lanza in posto 4, Solé secondo centrale e Colaci libero. Angelo Lorenzetti, allenatore di Modena, risponde schierando Bruno alzatore, Vettori opposto, Ngapeth e Petric laterali, Verhees e Piano al centro, Rossini libero.

Pubblicità
Pubblicità

Il match inizia in maniera troppo contratta: fra errori al servizio ed in attacco di ambedue le squadre, il punteggio è spesso in equilibrio (4-4, 7-7) sino a quando Petric non mura Nemec per il 7-9. Trento replica con l’ace di Kaziyski che vale il 9-9. Dopo il time out tecnico Modena accelera ancora con Ngapeth e Vettori (11-14) costringendo Stoytchev ad interrompere nuovamente il gioco: alla ripresa Nemec firma un altro punto in battuta (15-16) riportando la contesa sul punto a punto. Gli emiliani sono più efficaci a muro ed in fase di break e con Ngapeth prima e Bruno poi (muro su Nemec) si riportano velocemente sul +3 (19-22). L’allenatore bulgaro chiama nuovamente time out ma è troppo tardi perché la squadra di Lorenzetti chiude con Casadei (ace, appena entrato proprio per il servizio) e con Petric (19-25).

Modena nel secondo set riprende da dove aveva finito il precedente: con muro e contrattacco vola prima sul 3-6 e poi sul 4-8. Stoytchev chiama time out e alla ripresa, sfruttando due errori diretti in attacco di Vettori e Piano, i gialloblù arrivano al meno uno (7-8). E’ solo un sussulto, perché poi lo stesso centrale azzurro mura Lanza e Pippo spedisce out il successivo attacco: 7-11. Nella parte centrale Modena non concede nulla in fase di break e viaggia sicura con Vettori e Ngapeth (10-15, 14-19) che realizzano punti in serie favorendo la corsa verso il secondo set degli emiliani, che chiudono di nuovo sul 19-25 con primo tempo di Verhees.

La musica non cambia nel terzo set: l’ENERGY T.I. Diatec Trentino fatica in attacco e gli emiliani prendono il sopravvento in fretta (3-5 e 6-9) con Ngapeth sugli scudi. Stoytchev allora inserisce prima Burgsthaler per Birarelli e poi Nelli per Nemec e con due ace consecutivi di Lanza pareggia i conti sul 9-9. Solé mura Vettori e spinge Trento al massimo vantaggio della serata (11-9); Ngapeth pareggia i conti (12-12) ma poi la squadra trentina ha un nuovo spunto con Lanza e grazie ad un cartellino rosso comminato a Ngapeth (20-17). Modena pareggia i conti già sul 20-20 con Piano; per sbloccare definitivamente la situazione servono allora due ace consecutivi di un redivivo Kaziyski sul 23-23: 25-23 e match riaperto sull’1-2.

Modena reagisce in avvio di quarto parziale e con Petric vola subito sullo 0-5 (time out di Stoytchev dopo che l’allenatore bulgaro ha preso anche un cartellino rosso). Trento, che in campo ha ancora Nelli e Burgsthaler, prova a reagire poggiandosi molto sul proprio opposto (5-10) ma gli avversari concedono pochissimo (6-12). Kaziyski e compagni si disuniscono anche in ricezione, concedendo il fianco anche all’ace di Piano che spinge al massimo vantaggio gli emiliani (7-16). Il 3-1 finale arriva in fretta nonostante Nelli provi a dire la sua e Stoytchev debba abbandonare il campo per espulsione: 12-25 con errore finale di Lanza in battuta.

Modena ha giocato decisamente meglio di noi per tutta la durata della gara e ha meritato di vincere questa Finale  – ha spiegato a fine gara l’allenatore della ENERGY T.I. Diatec Trentino Radostin Stoytchev . Il risultato è quindi frutto della diversa qualità del gioco espresso dalle due squadre: abbiamo faticato troppo in attacco anche con ricezione positiva perché i nostri avversari hanno difeso tantissimo. Non siamo poi riusciti ad essere efficaci nemmeno a muro, a maggior ragione quindi complimenti alla squadra di Lorenzetti che ha dimostrato di avere più determinazione di noi questa sera. E’ una sconfitta che deve farci ripartire coi piedi per terra: sapevamo quali erano i reali valori di questa Final Four e per noi non deve cambiare assolutamente nulla. Torneremo in palestra per lavorare e migliorare. Stasera ci rimane addosso ovviamente tanta delusione ma dobbiamo guardare avanti”.

L’ENERGY T.I. Diatec Trentino non rientrerà stasera a Trento ma resterà a Bologna, da dove domattina partirà alla volta di Bergamo per volare in Romania. Martedì 13 gennaio alle ore 16.30 italiane i gialloblù saranno infatti di scena a Craiova per l’andata dei quarti di finale di 2015 CEV Cup. Fra sette giorni, domenica 18 gennaio, il prossimo impegno in SuperLega UnipolSai, nuovamente contro Perugia – da sfidare al PalaTrento a partire dalle ore 17 (prevendita biglietti attiva presso il Trentino Volley Point).

Di seguito il tabellino della Finale di Del Monte® Coppa Italia 2015 giocata questa sera al PalaDozza di Bologna.

ENERGY T.I. Diatec Trentino-Modena Volley 1-3
(19-25, 19-25, 25-23, 12-25)
ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO: Solé 8,  Nemec 4, Kaziyski 11, Birarelli 2, Zygadlo 1, Lanza 12, Colaci (L); Nelli 9, Fedrizzi, Burgsthaler 4, Giannelli. N.e. Thei, Mazzone. All. Radostin Stoytchev.
MODENA VOLLEY: Ngapeth 17, Piano 9, Vettori 13, Petric 20, Verhees 8, Bruno 3, Rossini (L); Casadei 1. N.e. Sala, Boninfante, Ishikawa, Donadio. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Pasquali di Venarotta (Ascoli Piceno) e Rapisarda di Pagnacco (Udine).
DURATA SET: 25’, 24’, 28’, 19’; tot  1h e 36’.
NOTE:  5.900 spettatori per un incasso di 69.000 euro. ENERGY T.I. Diatec Trentino: 8 muri, 9 ace, 14 errori in battuta, 5 errore azione, 38% in attacco, 64% (31%) in ricezione. Modena Volley: 10 muri, 6 ace, 15 errori in battuta, 7 errore azione, 59% in attacco, 49% (25%) in ricezione. Cartellino rosso a Ngapeth sul 18-17 del terzo set e a Stoytchev sullo 0-0 del quarto set. Cartellino giallo e rosso a Stoytchev sul 7-16 del quarto set. Mvp Ngapeth.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza