Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

«Ursa Major»: alle Viote fino al 15 marzo

La pittrice Annamaria Targher espone al rifugio Viote fino al 15 marzo. Ursa Major (Orsa Maggiore) è la costellazione tipica dell’emisfero settentrionale, dove è visibile per tutto l’anno.

Pubblicato

-

La pittrice Annamaria Targher espone al rifugio Viote fino al 15 marzo. Ursa Major (Orsa Maggiore) è la costellazione tipica dell’emisfero settentrionale, dove è visibile per tutto l’anno.
In Orsa, nella mitologia, viene tramutata colei che è nota per la sua inequivocabile bellezza, la ninfa Callisto; per aver tradito il proprio voto di castità congiungendosi a Zeus viene punita dalla compagna Artemide (secondo una versione del mito) o resa irriconoscibile dal dio stesso per tentare di sfuggire alla vendetta inevitabile di Era, la moglie tradita. 
 
Presa con l’inganno dal dio, ridotta a preda e bandita dalle proprie sodali (Artemide e le ninfe) verrà poi colpita da una freccia e finita da costoro su ordine di Era, una volta venuta a conoscenza del tradimento. L’Orsa è così il simbolo, quindi, di un destino crudele che si consuma malgrado la propria volontà e malgrado le proprie convinzioni. 
 
Se per una parte del mito, Zeus stesso mandò, però, Ermete a trarre in salvo dal seno di Callisto morente, il loro figlio Arcade, in un’altra versione, il destino per L’Orsa – Callisto è ancora più crudele, paradigmatico, nonché paradossale: non venire più riconosciuta dal figlio, il quale, fuggendo, viene raccolto da una famiglia di cacciatori.
 
Riconoscerà sua madre, lo sguardo amato, durante una battuta di caccia: il padre fermerà l’arco, prima che venga commesso un matricidio e, per tutelarli definitivamente, li condurrà in cielo.
L’Orsa Maggiore, ovvero la Grande Orsa si potrebbe definire anche l’Orsa Madre. Proprio così, perché di una madre si tratta.
 
Sulla scia dei recenti accadimenti e secondo quel filone che caratterizza la propria recente ricerca (per cui la rappresentazione di sé avviene sempre ed esclusivamente per il tramite dell’animale), Annamaria Targher pone un’Orsa in mezzo alla tela, ieraticamente, spesso isolata rispetto ad un contesto per nulla scontato e che diviene un banco di prova (una cartina di tornasole) della contemporaneità: sono, infatti, oggetti desunti e ritagliati specialmente dalla riviste “femminili” o dai sempre più diffusi e indispensabili abbecedari della buona e bella casa…
 
L’Orsa ne è avvolta come in un turbinio, ma ne rimane stranamente incolume: nulla, infatti, scuote il suo lasciarsi andare. L’Orsa, pare proprio non curarsene, concentrata com’è su di sé, sull’abbandono del proprio corpo prima del lungo riposo invernale: quello stato di sonno profondo e prolungato che viene erroneamente scambiato come stadio di letargo. (Durante questo periodo, infatti, anche se l'organismo non assume cibo e liquidi, la temperatura corporea non si abbassa di molto e le funzioni fisiologiche, anche se ridotte, si svolgono secondo la norma. Inoltre, il sonno viene interrotto da più risvegli e l’Orsa è anche in grado di partorire 1 o 2 cuccioli riuscendo pure ad allattarli, nonostante il freddo). 
 
L’Orsa assume pose non convenzionali, si sottrae al duro scadenziario dell’eterna lotta quotidiana per garantirsi la sopravvivenza per bastare, invece, a sé stessa e gustarsi inauditamente nella propria bellezza e auto contemplazione.
 
Nel linguaggio del tutto personale dell’artista, ritorna prepotentemente l’uso della tecnica artigianale dello stencil: sono soprattutto sagome di stelle che sostengono il volume del corpo, illuminandolo, e divenendo, di fatto e nella loro proliferazione, l’unico elemento di possibile raccordo con lo sfondo. Un concreto sostegno semantico così alla convinzione della divina e sempiterna unione tra l’animale e la sua corrispondente costellazione.
 
La mostra rimane aperta fino al 15 marzo 2015 presso il Rifugio Viote, Monte Bondone – Strada delle Viote, 6 -Tutti i giorni: 8.00 – 18.00 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]
  • Uno sguardo a Kazan, un microcosmo di stili e culture che vivono in armonia
    A circa 820 kilometri da Mosca, dove i fiumi Volga e Kazanka si uniscono, si erge da oltre 1000 anni la splendida capitale della repubblica del Tatarstan: Kazan. Il suo splendore e le sue innumerevoli caratteristiche l’hanno portata ad essere nominata, nel 2005, la Terza Capitale della Russia (appellativo a cui può essere ufficialmente associata […]

Categorie

di tendenza