Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

“Mi impegno per raggiungere il massimo”. La determinazione di Katerina Pucnik, all’esordio in A2

Tosta. Determinata. Un fiume in piena che si sta facendo strada.

Pubblicato

-

Tosta. Determinata. Un fiume in piena che si sta facendo strada.

Katerina dà l'idea di non temere nulla, anche se esordire in A2 a 20 anni sostituendo la capitana non succede tutti i giorni e l'emozione si fa sentire. Domenica scorsa la triestina Katerina Pucnik, vice opposta della Delta informatica Trentino Rosa, è scesa in campo per la prima volta in questa stagione al posto di Giada Marchioron, assaporando il clima agonistico della serie cadetta contro Lardini Filottrano.

La squadra di Luca Paniconi ha impensierito le ragazze di Gazzotti solo nel terzo set ma le gialloblù non si sono lasciate sfuggire l'opportunità di chiudere la partita vincendo3-0 (25-19, 25-18, 25-23), portandosi così al secondo posto in classifica con 16 punti insieme a Monza e Vicenza, a quattro lunghezze dalla capolista Neruda Volksbank.

PubblicitàPubblicità

Un bell'esordio per Pucnik che ha contribuito al sesto successo della Delta nelle prime sette gare di serie A2 (con il turno di riposo già scontato).

Quella che scopriamo per prima però non è la pallavolista, dovevamo infatti incontrarci nell'appartamento in cui la pallavolista abita insieme ad altri 4 studenti universitari (uno di loro è il fidanzato Niccolò Bleggi, centrale dell'AVS Bolzano di Andrea Burattini, attualmente ottavo in classifica nel campionato di B1, ndr), ma Katerina spiega che ci sarebbe stata troppa confusione.

«Sì, i miei compagni stanno lavorando a dei plastici, meglio non stargli tra i piedi. Io sono al primo anno di Giurisprudenza a Verona, per ora l'inizio è promettente, poi si vedrà, a gennaio ho gli appelli dei primi esami.

Pubblicità
Pubblicità

Non è semplice conciliare l'impegno sportivo che mi assorbe tutti i giorni e lo studio, devo cercare di approfittare di ogni momento libero e studiare anche quando non ne ho voglia o magari quando andiamo a giocare in trasferta, sul pullman.

Però a settembre, quando non erano ancora iniziate le lezioni e mi dedicavo solo agli allenamenti, era come se mancasse qualcosa».

Una laurea in ambito giuridico può aprire tante porte e Pucnik ha già le idee chiare su cosa vorrebbe fare da grande. «Al giorno d'oggi è difficile trovare lavoro ma voglio costruire il mio futuro indipendentemente da quella che sarà la mia carriera pallavolistica.

Mi piacerebbe diventare avvocato, no, il penale non mi attira, trovarsi magari a difendere un criminale non sarebbe per niente facile. In generale mi ha sempre affascinato il fatto che, di fronte ad un problema, la legge ti dà gli strumenti per trovare la soluzione».

L'opposta gialloblù, alla seconda stagione con la Trentino Rosa, mette subito le carte in tavola, anticipando le domande della giornalista. 

«Ho un carattere forte: se c'è da discutere, non mi tiro indietro. Piuttosto che fingere di andare d'accordo con tutti, preferisco essere chiara e onesta e dire la mia opinione, così gli altri sanno con chi hanno a che fare. Poi, se mi faccio un'idea, è difficile che poi la cambi. Certo tra il bianco e il nero ci sono molte sfumature, ma non sopporto chi invece cambia idea rapidamente».

E in campo come si traduce un carattere determinato e battagliero come quello di Katerina?. Domenica contro Filottrano i tifosi l'hanno vista nel primo set per un breve momento quando la Delta Informatica era avanti 20-13 e Gazzotti l'ha inserita (insieme a Morolli) per alzare il muro e poi nel terzo set, quando le avversarie erano in vantaggio 16-13 e Pucnik ha sostituito Marchioron, lievemente dolorante alla caviglia.

«Giada è un esempio per tutte, non molla mai e poi è un punto di riferimento che dà sicurezza in ogni momento della partita. Certo per me è difficile ritagliarmi spazio in campo avendo davanti lei, ma posso imparare molto anche solo guardando come gioca

Non sbaglia una partita, non va mai in difficoltà, è difficile trovare un'altra giocatrice così nel nostro campionato, ma quello che stupisce di più, al di là delle prestazioni nelle singole partite, è la continuità di rendimento».

Ascoltando l'opposta sembra di sentir parlare una giocatrice molto più esperta di quanto non sia, ma a colpire sono l'umiltà e la determinazione, insieme al desiderio di sfruttare ogni occasione per imparare qualcosa di nuovo.

«Sono felice di giocare nella Delta, siamo un gruppo che si è consolidato e da tutte le compagne posso "rubare" qualcosa. Per chi gioca nel mio ruolo ciò che conta è avere nel proprio bagaglio tecnico una varietà di colpi tale da farti diventare una giocatrice imprevedibile: ogni squadra studia le altre guardando le partite in video e quindi tutti sanno qual è il tuo colpo migliore e come giochi.

A maggior ragione, non basta tirare forte, non si passa solo di forza scardinando il muro o cercando traiettorie che lo evitino, occorre avere più frecce al proprio arco. Spesso è la tecnica che ti permette di uscire da situazioni critiche in partita e la differenza tra una giocatrice di serie B e una di serie A è proprio quella di saper gestire più colpi senza affidarsi solo alla potenza».

Attaccare in diagonale, ma anche in parallela, spiazzare le avversarie con un pallonetto e poi continuare a lavorare per fare meglio la prossima volta, sono questi gli obiettivi di Katerina.

«Voglio migliorare in battuta e in difesa: ho la fortuna di allenarmi con compagne molto forti in questo fondamentale e sembrerà strano, ma questa "vicinanza" aiuta davvero a crescere tecnicamente e a tenere alta la motivazione così, anche se poi la domenica non giochi, vuoi sempre dare il massimo e ti alleni come se dovessi prepararti ogni volta ad affrontare la squadra più forte».

In ogni caso, come conferma la numero 12 gialloblù, allenarsi nel 6 contro 6 avendo dall'altra parte della rete Marchioron, Lamprinidou, Candi, Demichelis, Bezarevic e Cardani significa giocare contro uno dei sestetti più forti della A2.

«All'inizio il salto di categoria un po' mi spaventava, non sapevo cosa aspettarmi soprattutto pensando al fatto che ci sono molte giocatrici straniere, il livello di gioco è più alto e il risultato non è mai scontato anche perché le squadre difendono tanto, ma stiamo reggendo bene».

Merito anche del nuovo allenatore della Trentino Rosa: «Gestire un gruppo di donne non è facile oltre al fatto che, a parte il Club Italia, siamo la squadra più giovane del campionato, ma con Marco Gazzotti ci troviamo bene, è un tecnico molto competente e arriviamo alle partite sapendo esattamente cosa dobbiamo fare in campo.

Durante gli allenamenti è molto disponibile con tutte, se hai delle lacune in qualche fondamentale ti segue con ancora maggior attenzione e sono contenta di questo. 

Anche Serena (Avi, seconda allenatrice, ndr) e Paolo (Santorum, preparatore atletico, ndr) mettono tutta la loro passione al servizio della squadra, le vittorie sono frutto anche dell'ottima preparazione fisica».

Ma tornando all'esordio contro Filottrano, come lo ha vissuto Pucnik e quali sensazioni si provano guardando la partita dalla panchina sapendo che in ogni momento potresti entrare?.

«Ero emozionata, anche perché quando Gazzotti ha chiamato Elisa (Morolli, ndr) non pensavo che avrebbe mandato in campo anche me. Quando sono entrata ero talmente concentrata su quello che dovevo fare che non ho pensato al punteggio, la cosa più importante era non fare errori. Contro squadre che non hanno nulla da perdere bisogna stare attenti perché se si gasano e iniziano a fare punti poi non si fermano più».

Nel terzo set la Delta ha recuperato lo svantaggio anche grazie all'ingresso di Silvia Fondriest e Ariana Pirv (in campo anche nel secondo) e dal 18-22 si è portata sul 20-23 per poi chiudere set e partita 25-23.  

Per Katerina il segreto della squadra è evidente: «Chiunque va in campo, ci sa stare, abbiamo ottimi cambi in tutti i ruoli, siamo 13 giocatrici tutte interscambiabili e ognuna di noi è pronta a dare il meglio e a sacrificarsi per la squadra.

Assomigliamo alla Nazionale femminile di Bonitta: durante i Mondiali sono andata a Trieste a vedere Brasile-Serbia, uno spettacolo. Tra le nostre giocatrici apprezzo Francesca Piccinini, mi piacerebbe misurarmi con lei.      

Certo vorrei giocare di più, ma essere arrivata in A2 a soli 20 è un bel traguardo e penso solo a lavorare e migliorare. Poi l'opposto è il giocatore che rappresenta il punto di riferimento della squadra e io non ho ancora esperienza sufficiente per trascinarla come sa fare Giada.

Lei gioca molto bene sia in prima che in seconda linea, sostituirla è come avere un attaccante in meno e per me domenica è stata una bella responsabilità.

La prima volta che l'ho vista è stata quattro anni fa quando la Trentino Rosa stava disputando il campionato di B1 come affiliata di Trentino Volley (stagione 2010-11, ndr) e venivo ad allenarmi qui un paio di volte al mese con Maurizio Moretti».

L'allenatore marchigiano, all'epoca tecnico della Nazionale italiana pre-juniores, aveva notato l'allora diciassettenne Pucnik nella Rappresentativa del Friuli-Venezia Giulia nel corso di un Regional Day, e da selezionatore aveva subito intuito il talento della giocatrice cambiandole ruolo, da centrale ad alzatrice.

«Poi mi ha chiamata a Roma per uno stage e ci siamo rivisti anche ad un camp estivo a Gabicce dove erano previsti allenamenti individuali. Io mi ero iscritta come alzatrice, ma di nuovo Maurizio mi ha cambiata di ruolo: saltavo tanto e così ho iniziato a fare l'attaccante. Maurizio non allenava più la Nazionale, ma mi ha lasciato il suo numero promettendo che, se avesse trovato una squadra, mi avrebbe chiamata».

Promessa mantenuta: nella stagione 2011-12 Pucnik indossa la maglia del Marzola, squadra trentina con la quale disputa il campionato in serie C nell'ambito del Progetto VolLei. «Cercavano giocatrici forti da fuori regione per costruire una squadra competitiva di Under 18 e trattandosi di un progetto appena nato era molto stimolante per me.

Anche a Trieste giocavo in serie C, ma se vuoi migliorare essere una giocatrice intoccabile che va in campo sempre anche se gioca male non è un vantaggio. Qui avevo la possibilità di imparare tanto e ho scelto di venire perché sapevo che allenandomi con Moretti avrei fatto il salto di qualità a cui aspiravo dal punto di vista tecnico».

Quell'anno Katerina lo ricorda bene: «Abbiamo raggiunto le finali nazionali e su 18 squadre provenienti da tutta Italia ci siamo classificate al dodicesimo posto, una bella soddisfazione sia per me, visto che era l'ultima possibilità di giocarle essendo il mio ultimo anno in Under 18, sia per la squadra perché altre giocatrici forti potevano essere invogliate a venire a giocare da noi».

L'anno dopo il Progetto VolLei si trasferisce a Cognola e Pucnik indossa la maglia dell'Argentario B-Com che disputa il campionato di B2 per poi approdare nel 2013 alla Delta Informatica in B1.

Ma la passione per la pallavolo come è nata?. «Il primo sport che ho praticato è stato il basket, la pallavolo non mi piaceva, poi la mia migliore amica mi ha convinto a provare e così ho iniziato con il minivolley a 8-9 anni».

Dall'Under 13 all'Under 16 Katerina ha sempre giocato con l'Associazione Pallavolistica Bor di Trieste vincendo tutti i campionati provinciali. «Si può dire che ho iniziato per scherzo, poi ci ho preso gusto.

Da piccola non ero brava ma ho avuto la fortuna di avere il preparatore atletico in casa, mio padre Gorazd. Il rapporto non era sempre idilliaco, ma se ora salto tanto lo devo anche a lui.

Quando me ne sono andata di casa per venire a Trento, mia mamma Martina non pensava che mi sarei fermata così tanto, io non vedevo l'ora di iniziare anche se, più si avvicinava il giorno della partenza, più cresceva la tensione».

Trasferirsi a soli 17 anni in un'altra città non è semplice e l'impatto non è dei migliori, ma Pucnik lo racconta con il sorriso sulle labbra. «Appena arrivata in squadra, abbiamo iniziato con un ritiro in val di Ledro, mi domandavo dove ero finita. Abituata alla sensazione di libertà e infinito del mare, le montagne mi facevano sentire in gabbia, è stato uno shock.

Era la prima volta che ero fuori casa e avevo nostalgia, ma ora, guardando indietro, posso dire che è stata un'esperienza formativa sotto vari punti di vista, ho imparato a cucinare, a fare le lavatrici, a cavarmela da sola».

Prima di scegliere la pallavolo, Katerina si era cimentata anche con l'atletica e il beach-volley essendo stata convocata tra il 2010 e il 2011 per alcuni stage della Nazionale Italiana juniores di Beach Volley a Roma.

«Mi piaceva giocare sulla sabbia ma era anche molto impegnativo e poi devi avere la fortuna di trovare una compagna con cui essere in perfetta sintonia. Sono stata contenta di provare: più cose si sperimentano, meglio è, e poi è utile per capire per cosa sei veramente portato».

Tra le sue passioni anche lo sci, ma il richiamo della pallavolo è stato più forte. «Mi piace la neve, mio padre mi ha insegnato a sciare e andavamo a Forni di Sopra e Piancavallo, poi ho deciso di dedicarmi al volley.

Se faccio qualcosa, mi piace farlo bene impegnandomi per raggiungere il massimo obiettivo, non mi accontento, e sarebbe stato difficile praticare entrambi gli sport ad un certo livello.

Come ci si sente a giocare in serie A?. Da piccola pensavo "ce la farò", ci speravo. Non tutti ci arrivano: nel mio caso è il premio per i sacrifici fatti, mentre i nostri coetanei vanno alle feste e a divertirsi noi siamo in palestra a sudare, anche a Natale, e occorre molta volontà e voglia di fare. Comunque non voglio pormi limiti: essendo così giovane ho davanti a me tante porte aperte», afferma con convinzione la gialloblù.

A sostenerla c'è la sua numerosa famiglia, Katerina infatti è la primogenita, poi ci sono Veronica che ha 17 anni, Mattia 11, Sofia 7, Martin 4 ed Erik 2. A loro si aggiungono i tanti tifosi che in queste settimane hanno affollato il Sanbàpolis.

«È bello vedere il palazzetto pieno, anche la presenza di tante persone è merito delle nostre vittorie. Nella pallavolo femminile la palla è meno veloce, ma le azioni sono più lunghe e spettacolari ed è sempre piacevole vedere partite combattute».

Forte, determinata, la pallavolista sa quello che vuole. «Non ci immaginavamo un inizio così positivo, invece guardi la classifica e dici "siamo seconde" e quasi non ci credi.

Anche il Neruda (primo a quota 20 punti, ndr) sta facendo molto bene e giocare un derby di alta classifica sarebbe una grande soddisfazione per la Società, per tutto il lavoro che stanno facendo. Non facciamo calcoli, ma daremo il massimo».

Lo spirito da combattente non manca di certo a Katerina, capace di muoversi con equilibrio nei due campi che contano di più per lei.

«Nella pallavolo i risultati li costruisci insieme alla tua squadra, nello studio dipende da me essere protagonista e voglio impegnarmi al massimo, ci tengo a costruirmi un futuro e fare un lavoro che mi piace e mi appassiona.

Sì, tra studio, allenamenti e partite io e Niccolò abbiamo una vita molto impegnativa, ma sono serena: quando fai quello che ti piace, sei felice».

Questo è l'atteggiamento con cui Katerina Pucnik vive i suoi 20 anni, un modo di essere che si riassume nel detto triestino "xe più giorni che luganighe". «Ognuno lo può adattare alla sua esperienza, per me significa vivere ogni giorno pronta a cogliere l'attimo e sfruttare le occasioni che si presentano. Non sai se poi ne avrai altre, ma nella vita è importante non avere rimpianti, se c'è qualcosa che ti piace fare, prova a farla».

L'augurio migliore per il Natale che sta arrivando.

p.niccolini@lavocedeltrentino.it

{loadposition POS-TnVolley} {facebookpopup}

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: Paziente Virtuale evita i test sugli animali
    Grazie alle diverse ricerche ed ai numerosi studi dell’Università di Catania, si rafforza il filo della comunicazione tra il clinico e il laboratorio, dando vita al progetto del Paziente Virtuale. Un progetto completamente italiano che potrebbe finalmente evitare la sperimentazione animale, necessaria per testare farmaci e vaccini anche contro il più recente Coronavirus. Infatti, per […]
  • Sconti e voli gratis ai viaggiatori se bambini piangono o disturbano in aereo, l’idea di una compagnia aerea americana
    Sembra incredibile, ma il binomio aereo – neonato, si posiziona tra i primi posti come motivo di fastidio e disturbo per molti viaggiatori, portando una compagnia area alla decisione di far volare gratis i passeggeri che si trovavano a viaggiare con bambini piangenti a bordo. Ad ovviare questo il problema è JetBlue Airways la compagnia aerea […]
  • Russia registra il primo vaccino al mondo contro il coronavirus
    Dopo mesi di test e di attesa è la Russia a battere tutti e registrare Sputnik il primo vaccino al mondo contro il Coronavirus. Sputnik, il vaccino sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca ha ricevuto il via libera dal Ministero della Sanità russo. Citando i media russi, Putin avrebbe rivelato che anche alla figlia è stata […]
  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]

Categorie

di tendenza