Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

La buona scuola: ecco i dati della consultazione

Si è conclusa a metà novembre la consultazione on line per "La Buona Scuola", il progetto di ascolto attivato dal Miur per trovare soluzioni alle numerose criticità della scuola italiana (ne avevamo parlato in un precedente articolo).

Pubblicato

-

Si è conclusa a metà novembre la consultazione on line per "La Buona Scuola", il progetto di ascolto attivato dal Miur per trovare soluzioni alle numerose criticità della scuola italiana (ne avevamo parlato in un precedente articolo).

Lo scorso 15 dicembre i dati relativi all'esito della campagna sono stati presentati dal ministro dell' Istruzione, Stefania Giannini insieme alla Segreteria tecnica che ha seguito le consultazioni.

I dati

Pubblicità
Pubblicità

1.800.000 sono stati i partecipanti on e off line: 207.000 hanno risposto on line al questionario, 1.300.000 gli accessi al sito, 200.000 i partecipanti ai dibattiti sul territorio, e le 40 tappe del tour.

Una partecipazione che – è stato detto – fa de "La buona scuola" la consultazione a più ampio raggio di tutta Europa, facndo sì che venisse inclusa tra i progetti dimostrativi della Task Force BEI per gli investimenti in Europa.

Piano assunzionale

Per quanto riguarda gli insegnanti, si chiedono la fine delle Graduatorie e lo svuotamento della GAE.

Si propone di usare l'organico funzionale per coprire supplenze e cattedre vacanti, e si occupi anche del tempo pieno, di recupero formativo, o rinforzo in  caso di bisogni speciali,

Pubblicità
Pubblicità

E si chiede l'assunzione dei precari, accompagnata da un nuovo concorso.

E su questi temi il ministro ha già dato qualche anticipazione sul 2015, prospettando un piano straordinario per:

– assumere 150mila docenti e chiudere le graduatorie a esaurimento;
– assegnare personale extra alle scuole per 3 anni in base alle esigenze;
– indire un nuovo concorso per il 2016, centrato soprattutto sulle capacità di insegnamento e sulla competenza disciplinari, piuttosto che su curriculum, titoli e pubblicazioni.

Risulta forte la richiesta di un percorso per l'abilitazione all'insegnamento che rafforzi le discipline di base, e includa le lingue e il digitale.

Competenze 

Le lingue risultano fra le competenze di cui si sente maggiore esigenza, affiancate da quelle digitali e dalla lingua italiana.

Importante la valorizzazione dell'educazione civica (declinata in cittadinanza attiva, educazione ambientale, scoperta del territorio, educazione alimentare, competenze relazionali, eucazione all'affettività), e si chiede un supporto anche sui metodi di studio e nel collegamento con il mondo del lavoro – anche grazie ai periodi di alternanza – attraverso una semplificazione che favorisca lo scambio e il dialogo.

Integrazione e inclusione

Per quanto riguarda disabilità, disturbi specifici dell'apprendimento e bisogni educativi speciali, si sono individuate varie esigenze, fra cui quelle di avere figure specialistiche a scuola, e garantire la presenza delle stesso insegnante di sostegno per l'intero ciclo di studi.

Non da meno la richiesta di formazione obbligatoria per tutti i docenti sulle varie tematiche.

Per quanto riguarda l'integrazione degli studenti stranieri, si è rilevata l'esigenza di creare una classe di concorso per l'indegnamento della lingua italiana come seconda lingua, e il potenziamento di laboratori per l'apprendimento dell'italiano, ed una maggiore attenzione alla creazione di classi meno numerose qualora si verifichi la presenza di esigenze di questo tipo.

La richiesta, insomma, pare orientarsi verso una scuola più snella, attenta ai cambiamenti e capace di assumere un ruolo educativo globale, che sensibilizzi i ragazzi alle competenze di cittadinanza, passando attraverso l'integrazione linguistica e culturale.

E capace di rafforzare il legame con le aziende e il mondo del lavoro, cosa che può fare solo se il governo vorrà contribuire.

Una sfida importante, impegnativa e fondamentale.

Il ministro Giannini ha ribadito "La Buona Scuola è una delle priorità del 2015", e, viste le premesse di Renzi (l'annuncio di un grande evento sull'istruzione, e la "carica dei mille" che dovranno dedicare tempo alla riforma), c'è da sperare che il Governo faccia sul serio.

Per approfondimenti, sul sito è possibile scaricare le slide della presentazione, e seguire l'evoluzione del progetto, e l'attuazione delle modifiche.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]
  • Viaggiare rimanendo a casa: dall’arte ai paesaggi, vedere il mondo con i tour virtuali
    La veloce diffusione del Coronavirus in Italia e in Europa ha costretto milioni di persone a casa, obbligandoli ad annullare progetti e piani precedentemente programmati o a posticipare prenotazioni di viaggi a data da destinarsi. Ad oggi, la fine della quarantena sembra un giorno troppo lontano e la voglia di lasciare i confini della propria […]
  • Coronavirus: sanificare le mascherine per riutilizzarle in mancanza di nuove
    Da molti giorni l’Italia sta vivendo l’ormai nota emergenza Coronavirus che, oltre al periodo di quarantena forzata richiede l’utilizzo in caso di spostamenti, di particolari presidi di protezione individuale come il disinfettante per le mani o le tipiche mascherine. Mascherine che, dall’inizio dell’allarme hanno subito un aumento vertiginoso della domanda rendendole non solo introvabili, ma […]
  • Italia: Paese “green” e leader delle rinnovabili
    Troppo spesso, l’Italia è abituata ad occupare gli ultimi posti nelle classifiche europee, alimentando i pregiudizi sul Bel Paese che in alcuni settori, quando vuole, sembra essere incredibilmente ed indubbiamente qualificato. Infatti, secondo il rapporto condotto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ( ISPRA) seguito poi da un’analisi dell’Agenzia Nazionale per l’Energia, […]

Categorie

di tendenza