Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Erode è tornato, trionfa la crudeltà: strage di bambini in Pakistan

 

Come Erode nel Vangelo, i talebani pachistani hanno macchiato le loro mani con il sangue di bambini inermi. Quella che si è consumata oggi a Peshawar, la principale città del Pakistan nord-occidentale, è una vera e propria “strage degli innocenti”.

Pubblicato

-

Come Erode nel Vangelo, i talebani pachistani hanno macchiato le loro mani con il sangue di bambini inermi. Quella che si è consumata oggi a Peshawar, la principale città del Pakistan nord-occidentale, è una vera e propria “strage degli innocenti”.

Alle 10:30 locali (le 6:30 italiane) un commando di almeno sei talebani pachistani, vestiti con false divise militari, ha scalato il muro esterno della Scuola pubblica militare di Peshawar ed è entrato nello stabile indossando giubbotti esplosivi. Gli uomini del commando hanno allora fatto irruzione nelle aule e si sono messi a sparare a caso contro i bambini. Rincorrevano gli alunni e stanavano quelli che si erano nascosti sotto i banchi.

Per gli studenti della scuola, circa un migliaio tra i 10 e 18 anni, è stato l’inferno. Chi è sopravvissuto ce l’ha fatta o perché è riuscito a fuggire o perché si è finto morto. Uno studente rimasto ferito nell’attentato racconta: “Oggi avevamo un esame di chimica. Appena ho finito, mentre ero seduto nel laboratorio, è iniziata la sparatoria. Sono entrati dei militanti e hanno aperto il fuoco su tutti gli studenti. È morto un bambino di due anni che qualcuno aveva portato con sé a scuola”.

Pubblicità
Pubblicità

Il ministro dell’Informazione ha fatto sapere che la maggior parte dei bambini è stata ammazzata con un colpo di pistola alla nuca. Molti di coloro che sono riusciti a fuggire, hanno riportato delle ferite al petto e alla testa. Inoltre, le autorità stanno ancora verificando se alcuni dei cadaveri fossero decapitati.

Le scene raccapriccianti non si fermano qui: una fonte dell’esercito pachistano ha raccontato alla rete televisiva americana Nbc, che i terroristi avrebbero dato fuoco a un insegnante e obbligato i bambini a guardarlo mentre moriva.

La carneficina è durata sette ore: alla fine, sei degli assalitori sarebbero stati uccisi da uomini dell’esercito pachistano, mentre un altro si sarebbe fatto saltare in aria. I testimoni parlano di diverse esplosioni provenienti dall’interno dell’edificio.

Pubblicità
Pubblicità

Il bilancio dell’attacco, ancora provvisorio, sarebbe di più di 140 morti (tra cui oltre 130 sono bambini e ragazzi tra i 10 e i 20 anni) e 124 feriti (di cui 121 bambini). È l’attentato con il maggior numero di morti in Pakistan da quando, nel 2008, un attentatore suicida uccise 150 persone a Karachi.

Ma la memoria corre subito a un’altra tragedia, e cioè la strage di Beslan, in Ossezia del Nord, dove un gruppo di 32 ribelli tra fondamentalisti islamici e separatisti ceceni massacrò, tra l’1 e il 3 settembre 2004, centinaia di persone, tra le quali 186 bambini.

L’attentato è stato rivendicato dalla formazione talebana Tehreek-e-Taliban Pakistan. Il portavoce del movimento, Mohammed Umar Khorasani, ha giustificato così l’assalto: “Abbiamo scelto con attenzione l’obbiettivo da colpire con il nostro attentato. Il governo sta prendendo di mira le nostre famiglie e le nostre donne. Vogliamo che provino lo stesso dolore”.

Secondo alcuni analisti, il feroce attacco talebano sarebbe la risposta disperata all’intensificarsi dell’azione delle forze ufficiali pachistane, che dopo molti anni stanno finalmente costringendo il gruppo fondamentalista alla ritirata. Ad esempio, Giordano Stabile de La Stampa, parla di “mossa estrema dei taleban allo sbaraglio”.

È meglio però non perdere troppo tempo a speculare sulle motivazioni che hanno ispirato questa carneficina. Coloro che hanno organizzato, ordinato e compiuto questa atrocità vanno giudicati sulla base delle loro azioni. Il loro è stato un gesto di assoluta crudeltà, che rivela una perversa soddisfazione nell’infliggere sofferenza ai più deboli e indifesi. Un gesto spregevole e codardo.

Chi è capace di uccidere più di cento bambini innocenti non indietreggia davanti a niente. Neppure davanti alle fiamme dell’inferno.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa
    Come noto, nell’Unione Europea alcuni Paesi attuano politiche fiscali aggressive a scapito di altri. Di conseguenza, questa mossa consente loro di attirare molti investitori con una tassazione favorevole. In questo sistema si inserisce l’Osservatorio fiscale... The post Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]

Categorie

di tendenza