Connect with us
Pubblicità

Trento

“Sguardi sull’Azerbaigian”: a Trento due giorni dedicati al partner strategico italiano

 

Dopo lo stop di Vladimir Putin al progetto del gasdotto South Stream, pensato per connettere direttamente Russia e Unione Europea, bypassando, via Europa meridionale, l'Ucraina, così come era stato fatto a nord con il realizzato gasdotto North Stream, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha continuato a ostentare tranquillità.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Dopo lo stop di Vladimir Putin al progetto del gasdotto South Stream, pensato per connettere direttamente Russia e Unione Europea, bypassando, via Europa meridionale, l’Ucraina, così come era stato fatto a nord con il realizzato gasdotto North Stream, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha continuato a ostentare tranquillità.

I contratti in essere tutelano l’Eni e le altre società italiane, mentre il governo ritiene che alla fine non ci saranno ostacoli insormontabili alla Trans Adriatic Pipeline (TAP), il gasdotto made in Azerbaigian, che dovrebbe essere realizzato fino alle coste della Puglia.

La TAP connetterà Italia e Grecia attraverso l’Albania, e permetterà l’afflusso di gas naturale proveniente dalla zona del Caucaso, del Mar Caspio e potenzialmente del Medio Oriente. Per il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, il gasdotto azerbaigiano rappresenta “un elemento di diversificazione molto importante. Lo era prima che ci fosse questo annuncio (lo stop a South Stream, ndr) e certamente può esserlo a maggior ragione ora”.

Pubblicità
Pubblicità

Lo stato caucasico dell’Azerbaigian si sta affermando quindi come un partner strategico di primo piano per la sicurezza energetica italiana ed europea. Ma la rilevanza geopolitica dell’Azerbaigian va ben oltre i suoi giacimenti di gas e petrolio e la possibilità di aprire canali di approvvigionamento energetici diversi da quelli tradizionali.

L’Azerbaigian è infatti un crocevia tra Oriente e Occidente, un paese dalla storia millenaria e al tempo stesso un attore che si affaccia con prepotenza sulla scena internazionale del terzo millennio, forte di un’economia in impetuosa crescita.

Ma è anche un paese segnato da un evento traumatico, che ha impresso un segno indelebile tanto sulla sua politica interna quanto sulle sue relazioni internazionali: l’aggressione armena, in seguito alla quale ha perso un quinto del suo territorio, il Nagorno Karabakh e le province limitrofe. Lo scontro armato si è concluso nel 1994 ma il conflitto è ancora lontano da una soluzione. L’Azerbaigian continua a reclamare i territori che gli sono stati sottratti e un milione di profughi azeri non ha abbandonato il sogno di tornare nelle proprie case.

Pubblicità
Pubblicità

Il rilievo internazionale dell’Azerbaigian non si limita però alle questioni energetiche e geostrategiche. Il paese caucasico è infatti anche la patria di Essad Bey, autore vissuto nelle prima metà del Ventesimo secolo, che si è affermato come scrittore di fama mondiale con il romanzo “Ali e Nino”, storia di amore e passione, guerra e rivoluzione, nonché viaggio attraverso Islam e Cristianesimo.

Infine, in questo periodo in cui l’allarme dell’estremismo islamico sembra risuonare in ogni angolo del globo, il piccolo stato caucasico, costituito da una maggioranza musulmana, va tenuto particolarmente sotto osservazione per il rischio di potenziali di travasi della guerriglia jihadista.

Le vicende dell’Azerbaigian sono ancora poco note al pubblico italiano. Questa considerazione non vale invece per gli studiosi di politica internazionale che, già da tempo, hanno cominciato ad apprezzare l’importanza dello stato caucasico come oggetto di studio. A tal riguardo, di indubbio interesse è il lavoro del Centro Studi sull’Azerbaigian di Levico Terme.

Quello di Levico è il primo centro sull’Azerbaigian in Europa. Costituito nella scorsa primavera, il Centro Studi sull’Azerbaigian svolge un’intensa attività di studio, ricerca scientifica e divulgazione sulla cultura e sulla storia dell’Azerbaigian e, più in generale, sul Caucaso e la regione del Caspio.

All’interno di quest’attività di ricerca e divulgazione si inserisce il convegno “Sguardi sull’Azerbaigian”, che si terrà il 5-6 dicembre nella “Sala Rosa” del Palazzo della Regione Autonoma Trentino-Alto Adige. Il convegno annuale, alla sua seconda edizione, rappresenta un’importante occasione per fare il punto della situazione sugli studi italiani sull’Azerbaigian e dare il via a nuove ricerche.

L’evento, aperto al pubblico, rappresenta però anche un’importante opportunità per tutti coloro che sono interessati a conoscere meglio la realtà del Caucaso. Il programma è fittissimo. Tra il pomeriggio di venerdì (inizio alle ore 15, entrata da Piazza Dante 16) e la mattina di sabato (inizio alle ore 9, entrata da Via Gazzoletti 2) si parlerà di sicurezza, energia, storia e letteratura.

Tra i vari interventi, ricordiamo: “Rischio di travasi della guerriglia jihadista?”, di Emanuele Giordana; “Dopo l’Ucraina: l’Azerbaijan e l’Occidente”, di Fernando Orlandi; “Le relazioni tra Stati Uniti e Azerbaigian: tra opportunità cooperative, potenzialità e limiti”, di Andrea Nasti; “Nuovi accenti nelle relazioni turco-azerbagiane”, di Davide Zaffi e “Essad Bey/Kurban Said: Cantore di un impero scomparso”, di Massimo Libardi.

Un’occasione imperdibile per avvicinarsi a un paese che riveste un ruolo sempre più importante nelle considerazioni strategiche italiane. Un vicino che non è più possibile ignorare.

  • Pubblicità
    rel="nofollow"Pubblicità
Trento1 minuto fa

Sanità trentina: nel 2022 i medici gettonisti sono stati 90

Trento4 minuti fa

ENPA del Trentino: “Il fenomeno degli avvelenamenti è un problema di sanità e incolumità pubblica”

Trento8 minuti fa

Le richieste delle circoscrizioni alla Giunta: l’Osservatorio ambientale sarà il luogo del confronto con i cittadini

Io la penso così…15 minuti fa

Sanità pubblica: sistema obsoleto che guarda a vecchi modelli privi di ragione

Arte e Cultura22 minuti fa

Garantita l’apertura e la continuità dei musei trentini

Politica1 ora fa

Sondaggio Swg Mentana: crescono Fratelli d’Italia e PD, in calo Lega e Forza Italia

Spettacolo2 ore fa

Al Teatro Sociale arriva “Il Gruffalò” e fa registrare il tutto esaurito

Cani Gatti & C2 ore fa

Bobi è un cane da record: a 30 anni è il cane più anziano di sempre

Trento2 ore fa

Occupazione abusiva Cognola: dopo il danno arriva anche la beffa

Musica3 ore fa

«Finché ce n’è», una storia d’amore in stile country: Lorenzo Lupo con la partecipazione di Bobby Solo

Trento3 ore fa

Not, sentenza del Consiglio di Stato. Fugatti: “Avanti con il percorso intrapreso”

Alto Garda e Ledro3 ore fa

Che impresa per Stefano Ghisolfi: l’atleta ha espugnato Excalibur 9B+

Rovereto e Vallagarina4 ore fa

Scossa di terremoto a Mori, in Vallagarina: immediate le segnalazioni sui social

Italia ed estero4 ore fa

Terremoto tra Turchia e Siria: quasi 5.000 i morti e oltre 13.000 i feriti, si cerca un italiano

Arte e Cultura4 ore fa

Si arricchisce il patrimonio del Mart: acquisito l’intero archivio di Piermario Ciani

Trento2 settimane fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento2 giorni fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro2 settimane fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento4 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena6 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

Rovereto e Vallagarina6 giorni fa

Trovato morto in casa un 60 enne di Rovereto

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza