Connect with us
Pubblicità

La Sfera e lo Spillo

Il derby meneghino senza trama, Juve veste Pogba, la sorte della Roma sul velluto

 

Una serata di gala, la rivalità cittadina, la supremazia delle parole dei giorni a seguire, gli sfottò: questa è la Milano da bere, le vicende di una metropoli divisa a metà, separata da un derby.

Pubblicato

-

 

Una serata di gala, la rivalità cittadina, la supremazia delle parole dei giorni a seguire, gli sfottò: questa è la Milano da bere, le vicende di una metropoli divisa a metà, separata da un derby.

La terra ambrosiana è da sempre il palcoscenico del teatro e della musica, da Giorgio Gaber ed Enzo Jannacci, ad Adriano Celentano e Roberto Vecchioni, da Gino Bramieri a Dario Fo e Walter Chiari; sportivi d’eccezione della città dall’appellativo dialettale: “Milan col coeur in man” (ovvero Milano con il cuore in mano).

PubblicitàPubblicità

“E' già passato un anno da quella sera” per recitarla con la poesia di Giorgio Gaber o la melodia del rossonero Enzo Jannacci con “Quelli che tengono al Milan, oh yes”. Infine, il compianto Gino Bramieri, fiero tifoso nerazzurro, che chiamò il suo cagnolino Inter.

Artisti dall’ironia sopraffina e dal genio cristallino, non hanno mai celato l’amore per la cultura meneghina e per i suoi colori, una rappresentazione sublime e raffinata della sua storia.

Il 18 ottobre 1908 si giocava in Svizzera nel Canton Ticino la prima stracittadina di Milano davanti a 2.0000 spettatori. Vinse il Milan per (2-1) con le reti di Lana e Forlano per i "casciavit", Payer per i "baùscia".

Per la cultura popolare l’epiteto di "cacciaviti" era coniato per i tifosi rossoneri, che provenivano allora per la maggior parte dalla classe operaia; gli "sbruffoni" erano, invece, i cugini nerazzurri e indicavano lo stereotipo milanese composto per lo più dalla classe borghese.

Nereo Rocco e Helenio Herrera, il Paròn e il Mago, sono stati gli allenatori vincenti delle due compagini, gli artefici delle vittorie degli anni sessanta, che hanno svelato alla ribalta planetaria il teatro della "Scala del Calcio".   

Il derby del capoluogo lombardo può vantare 59 titoli nostrani (tra Scudetti, Coppe Nazionali e Supercoppe), oltre a innumerevoli trofei internazionali. Il bilancio in serie A è favorevole all’Inter con sessantotto vittorie, cinquantatré pareggi e sessantuno successi per il diavolo.

Domenica 23 Novembre ore 20.45 si celebra allo stadio Giuseppe Meazza in San Siro il big match Milan-Inter davanti ad una folla di ottantamila persone. E’ il 296esimo derby della Madonnina, così chiamato poiché la Madonna Assunta che campeggia sulla guglia maggiore del Duomo rappresenta il simbolo architettonico della città.

Il fischietto dell’incontro è affidato al trentatreenne napoletano, di Torre Annunziata, Marco Guida. Scopriamo in archivio che l’arbitro campano ha debuttato nella massima serie nella stagione 2010.

Filippo Inzaghi disegna il modulo 4-2-3-1 con il confermato Diego Lopez a protezione della rete; la difesa composta da Rami, Mexes, Zapata e De Sciglio; davanti alla difesa il muro del diavolo disposto con Muntari ed Essien; a centrocampo il trittico assemblato con Bonaventura, Menez ed El Shaarawy; in attacco, il puntello Torres.

Roberto Mancini neo allenatore nerazzurro, sceglie invece il modulo 4-3-1-2 con lo sloveno Handanovic in porta; il reparto arretrato confezionato da Nagatomo, Ranocchia, Juan Jesus, e Dodò; in mediana, la diga composta da Guarin, Kuzmanovic e Obi; in attacco, Palacio e Icardi supportati dal croato Kovacic.

 

Tra Milan e Inter finisce in parità (1-1). Al via è la squadra nerazzurra a menare la danza, il diavolo più accorto e guardingo aspetta raccolto nella propria metà campo, pronto a innescare le ripartenze. La squadra di Filippo Inzaghi passa in vantaggio a sorpresa con una rete di Jeremy Menez abile a deviare con un elegante tocco un eccellente cross di El Shaarawy (al minuto 23).

Nella prima frazione di gioco l’Inter presenta sul green Kovacic e Palacio in posizione defilata. Entrambi si trovano sulle fasce perimetrali a fronteggiare gli esterni rossoneri.

Il canovaccio del secondo tempo è caratterizzato dai tentativi interisti di raggiungere il pareggio. Dopo alcune occasioni sprecate malamente i nerazzurri equilibrano la gara con un tiro mancino di Joel Obi che sorprende Diego Lopez (al minuto 61).

Nel complesso un derby senza particolari emozioni, privo di qualità tecnica, solo buona volontà e forza fisica. Un pareggio che muove la classifica ma che fa perdere il contatto con le prime della classe.

Il match Lazio-Juventus termina con la vittoria bianconera (0-3). All’Olimpico di Roma la squadra di Massimiliano Allegri gioca una partita di grande spessore, caratterizzata da intensità dal punto di vista fisico e spiccata personalità nei fraseggi corali.

I bianconeri passano in vantaggio con un’azione di ripartenza. Un lancio di Pirlo per Tevez che pesca Paul Pogba che controlla la sfera e trafigge la difesa di Marchetti (al minuto 24).

Il francese è in grande giornata e colpisce un legno con un fendente alla Pinturicchio (al minuto 30).

Nella ripresa la Vecchia Signora dilaga con un contropiede micidiale orchestrato dal principe Marchisio e concluso dall’argentino Tevez (nona rete in campionato). Passano ancora un paio di minuti e Pogba cala il tris dopo un felpato passaggio di Pirlo e una magia dell’ottimo Pereyra (al minuto 64).

Allo stadio Atleti Azzurri d’Italia la sfida finisce con la vittoria dei giallorossi, Atalanta-Roma (1-2). La squadra di Colantuono passa in vantaggio con Maximiliano Moralez con un tiro che s’infila sotto la traversa della porta difesa da De Sanctis (al minuto 1).

Gli undici di Rudi Garcia ribaltano il risultato, prima con un’azione di contropiede gestita da Pjanic e conclusa di destro da Ljajic, in seguito sul finire del primo tempo i capitolini raddoppiano con un sinistro angolato di Nainggolan (al minuto 42).

Al San Paolo si gira il festival del goal, Napoli-Cagliari (3-3). I partenopei passano in vantaggio con “el Pipita” Higuain abile a sfruttare uno svarione difensivo della squadra di Zeman.  Il raddoppio è segnato da Inler con un tiro mancino dai trenta metri. Il Cagliari recupera il doppio svantaggio con le reti di Ibarbo e Farias. Nel corso della ripresa gli undici di Benitez segnano ancora con De Guzman prima del definito pareggio dei sardi ancora con Farias.

Cesena e Sampdoria pareggiano (1-1). I romagnoli passano in vantaggio con la rete dell’ex Lucchini (al minuto 60), il pareggio blucerchiato con l’autogoal del bianconero Nica che infila la propria porta con un colpo di testa su un cross di Soriano (al minuto 77).

Al Bentegodi Verona e Fiorentina (1-2). La squadra di Montella è corsara in terra veneta. I viola realizzano il vantaggio su un’azione di calcio d’angolo, dopo una sponda di Alonso è Gonzalo Rodriguez appostato sottomisura a battere il portiere Rafael. 

Buona la reazione della squadra di Andrea Mandorlini che acciuffa il pareggio con il solito Nico Lopez. Nel secondo tempo Cuadrado regala la vittoria ai gigliati con una rete dopo un traversone del compagno Alonso.

Al Friuli finisce in parità Udinese-ChievoVerona (1-1). Nella fase finale del primo tempo Antonio Di Natale confeziona il vantaggio per la squadra di Andrea Stramaccioni.

E’ la 200esima rete realizzata in serie A per l’attaccante napoletano su quattrocento partite disputate. Il pareggio veronese si materializza con un tiro destrorso da fuori area di Ivan Radovanovic.

Al Tardini la squadra di Roberto Donadoni capitola con gli undici di mister Sarri. Parma-Empoli sancisce la vittoria dei toscani (0-2) con le reti realizzate da Vecino e Tavano. E’ una stagione difficile per i ducali che rimangono ultimi in classifica.

All’Olimpico Torino-Sassuolo (0-1). La rete della vittoria dei neroverdi guidati da Di Francesco è siglata con un colpo di testa di Floro Flores imbeccato da un preciso cross di Vrsaljko (al minuto 87).

Per chiudere la dodicesima giornata di campionato si aspetta il posticipo serale del lunedì tra Genoa e Palermo che sarà in scena allo stadio Luigi Ferraris (ore 20.45).

Possiamo registrare, nel frattempo, 5 vittorie esterne (Roma, Juventus, Sassuolo, Fiorentina ed Empoli), nessuna vittoria casalinga. Ventiquattro le reti realizzate e 4 pareggi.

 

Emanuele Perego    www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza