Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Gerusalemme est: quanto è odiosa le legge del taglione

 

È necessario un deterrente per fermare il prossimo attentatore suicida… Quando saprà che la sua casa, la casa in cui vive la sua famiglia, verrà demolita, sicuramente sarà scoraggiato dal perseguire il suo obbiettivo”.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

È necessario un deterrente per fermare il prossimo attentatore suicida… Quando saprà che la sua casa, la casa in cui vive la sua famiglia, verrà demolita, sicuramente sarà scoraggiato dal perseguire il suo obbiettivo”.

Queste le parole con cui il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha giustificato martedì notte, in una conferenza televisiva, la decisione di distruggere le abitazioni dei terroristi arabi che stanno seminando il panico in Israele.

Nella notte l’esercito israeliano è entrato nel quartiere arabo di Silwan, a Gerusalemme, e ha demolito la casa del palestinese Abdel Rahman al-Shaludi. Questo si era reso responsabile di un attacco con l’auto ad alta velocità, in cui morirono il mese scorso una bambina di tre mesi e una donna di ventidue anni.

La stessa sorte toccherà a breve alle case di altri terroristi, compresa quella dei cugini Oday e Ghannan Abu Jamal, autori della strage nella sinagoga di ieri, che ha fatto un totale di cinque vittime.

Dopo aver ricevuto l’ordine di demolizione, le famiglie avranno 48 ore per presentare le loro obiezioni alle forze armate israeliane, e altre 48 ore per fare appello alla corte suprema di Israele. Ma fino ad ora, la corte ha sempre autorizzato questo tipo di intervento.

Questa non è solo una punizione collettiva, è un’azione che invoca una reazione violenta”, grida Inas al-Shaludi, madre dell’attentatore criminale, dopo aver assistito alla distruzione della sua casa. Gli fa eco lo zio, Talaat al-Shaludi: “Finché non saremo sicuri, non saranno al sicuro nemmeno loro”.

Pubblicità
Pubblicità

Anche nella comunità ebraica c’è chi mostra perplessità di fronte a questa iniziativa. “Tali azioni saranno seguite da un desiderio di vendetta”, fa notare Alon Evyatar, colonnello a riposo dell’esercito israeliano, intervistato da un emittente radiotelevisiva.

Durante la seconda intifada, cioè la rivolta palestinese negli anni 2000-2005, Israele distrusse per ritorsione ben 675 appartamenti, condannando più di 4.000 persone a rimanere senza tetto. Un numero che cresce in maniera esorbitante se si comincia a contare dal lontano 1967, anno in cui Israele assunse il controllo della Cisgiordania e della Striscia di Gaza. Da allora, un totale di 2.500 abitazioni sono state demolite in segno di punizione.

Un’azione peraltro contraria alle Convenzioni di Ginevra, che vietano alla potenza occupante di distruggere le proprietà della popolazione occupata, “fatta eccezione per quelle situazioni in cui la distruzione si rende assolutamente necessaria per lo svolgimento delle operazioni militari”.

E perché nessuna di queste azioni è stata intrapresa contro l’abitazione della famiglia di Baruch Goldstein, il colono che nel 1994 massacrò 29 musulmani a Hebron? E i sospettati dell’assassinio di quest’estate del giovane palestinese? Perché le loro case sono ancora in piedi?

Quella del governo israeliano è evidentemente una posizione non solo illegale ma anche immorale. I terroristi responsabili degli attacchi sono morti, o in prigione in attesa di essere processati. Distruggendo le case delle loro famiglie, Netanyahu sta facendo il bullo con degli innocenti.

  • Pubblicità
    Pubblicità
Io la penso così…4 settimane fa

«Il Trentino Alto Adige, un luogo da sogno con persone (spesso turisti) da incubo»

Trento3 settimane fa

Dramma a Trento: ricercatrice muore a 42 anni per un malore improvviso

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragedia di Capodanno: è morta la 25 enne roveretana Valentina Vallenari Benedetti, troppo gravi le ferite riportate nell’incidente lo scorso 31 dicembre

Vista su Rovereto2 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Trento1 settimana fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

economia e finanza3 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina2 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Valsugana e Primiero3 giorni fa

Dopo il caos attorno al video, arriva la risposta dell’APT Valsugana

Trento2 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento6 giorni fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Offerte lavoro1 giorno fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Valsugana e Primiero4 giorni fa

San Valentino col bacio Gay, bufera sull’Apt della Valsugana

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza