Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Peter Kassig, un eroe nell’inferno siriano

Un eroe: questo era Peter Kassig e così dovremmo ricordarlo. Ieri, la drammatica notizia: l'autoproclamato “Stato Islamico” ha diffuso in rete un video in cui mostra l'ostaggio americano decapitato.

Pubblicato

-

Un eroe: questo era Peter Kassig e così dovremmo ricordarlo. Ieri, la drammatica notizia: l’autoproclamato “Stato Islamico” ha diffuso in rete un video in cui mostra l’ostaggio americano decapitato.

Peter aveva solo 26 anni e aveva deciso di dedicare la sua vita a migliorare quella degli altri. Peter, o forse meglio, Abdul-Rahman, il nome che Kassig scelse dopo essersi convertito all’Islam durante la prigionia, aveva un passato nell’esercito americano.

Nel 2006, terminata la scuola superiore, il giovane optò per la carriera militare. Venne assegnato al settantacinquesimo reggimento dei Ranger e trascorse anche quattro mesi in Iraq.

Pubblicità
Pubblicità

Congedato con onore per motivi di salute, Kassig decise di ricominciare la sua vita da civile iscrivendosi all’università. Ma era sempre inquieto, disperatamente alla ricerca del suo posto nel mondo.

Sapeva che avrebbe dovuto concentrarsi sugli studi, ma il suo cuore era rimasto in Medio Oriente. Fu così che mentre frequentava la Butler University, tra il 2011 e il 2013, Peter colse l’occasione per visitare Beirut, in Libano. Qui venne “travolto” dalle notizie che giungevano dalla vicina Siria, dove impazzava la guerra civile.

Quella siriana è infatti una tragedia umanitaria dalle dimensioni spaventose: più di 3 milioni di siriani hanno abbandonato il paese e il Libano si è fatto carico di circa 1,5 milioni di rifugiati. Un numero che cresce ogni giorno. E cibo, alloggio e assistenza medica sono sempre più difficili da reperire.

Joshua Hersh, giornalista del quotidiano americano The New Yorker, incontrò l’ultima volta Kassig in un bar nel centro di Beirut nel settembre del 2013. Hersh racconta che l’impegno ad alleviare le sofferenze causate dalla guerra siriana aveva spinto Kassig “dai margini del conflitto al suo epicentro, in un momento in cui la crescente instabilità della regione aveva causato la ritirata di diversi operatori umanitari”.

Dopo un primo periodo dedicato a fornire cure mediche ai rifugiati in Libano, Peter fondò l’organizzazione umanitaria Sera (Special Emergency Response and Assitance). Aveva solo 24 anni e con il suo piccolo gruppo ambiva a istruire personale medico e aiutare i più bisognosi in quelle aree dove le altre organizzazioni umanitarie non riuscivano a operare in maniera efficace.

Nell’ottobre del 2013, mentre stava tentando di raggiungere la località siriana di Deir el-Zor durante una missione umanitaria, Peter venne fatto prigioniero. Poi, un anno dopo la cattura, ricomparve nel video in cui i miliziani dello “Stato Islamico” mostravano l’assassinio del cooperante britannico Alan Henning.

Gli jihadisti minacciarono che Kassig sarebbe stato la prossima vittima. Nei giorni che seguirono, i genitori pubblicarono parte della lettera spedita dal loro unico figlio nei mesi di prigionia. Una lettera in cui il giovane esprimeva gratitudine per il padre e la madre e tentava, per quel che gli era possibile, di rassicurarli.

Ho chiaramente molta paura di morire, ma la parte peggiore è non sapere, dubitare, sperare, e illudersi che ci sia una qualche speranza. Sono davvero triste che questo sia successo e per quello che voi state vivendo a casa. Se morirò, sperò almeno che voi ed io potremo trovare conforto nella consapevolezza che me ne sono andato nel tentativo di alleviare le sofferenze dei più deboli e bisognosi”, scriveva Peter.

La fiamma dell’altruismo bruciava forte nell’anima di Peter. Nel giugno 2012, poco dopo aver fondato Sera, la CNN lo intervistò mentre prestava cure mediche ai rifugiati siriani.

Parlando del suo impegno per le vittime della guerra siriana, Peter affermò: “A mio modo di vedere, non avevo scelta. Questo è il motivo per cui sono venuto al mondo. Immagino di essere solo un inguaribile romantico, un idealista che crede nelle cause perse”.

Un eroe.

{loadposition Pos-cineworld} {facebookpopup}

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza