Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Major: Meno immigrati o la Gran Bretagna lascerà l’Ue

C'è solo il 50% delle possibilità che il Regno Unito resti nell'Unione Europea”, a dirlo non è Nigel Farage, il politico più euroscettico del Regno Unito, ma piuttosto Sir John Major.

Pubblicato

-

C’è solo il 50% delle possibilità che il Regno Unito resti nell’Unione Europea”, a dirlo non è Nigel Farage, il politico più euroscettico del Regno Unito, ma piuttosto Sir John Major.

Major è stato primo ministro britannico dal 1990 al 1997 e durante il suo mandato si distinse per uno spiccato europeismo. Ma, durante un discorso tenuto giovedì a Berlino, non ha potuto far meno di constatare che, in Gran Bretagna, l’opposizione all’appartenenza all’Unione Europea ha ormai raggiunto “una massa critica”.

E ha messo in guardia: la frustrazione britannica va presa sul serio, “il rischio di separazione è reale e potrebbe danneggiare il futuro del Regno Unito e dell’Europa nel suo complesso”.

Pubblicità
Pubblicità

Le affermazioni di Major si inseriscono nel dibattito sul referendum che dovrebbe permettere ai britannici di decidere se restare o meno all’interno dell’Unione Europea. Referendum che David Cameron, l’attuale primo ministro, ha promesso di convocare se il suo partito, il Partito Conservatore, vincerà le prossime elezioni generali, che si terranno nel maggio del 2015.

In caso di riconferma, Cameron ha anche assicurato che andrà a Bruxelles per rinegoziare le condizioni con cui la Gran Bretagna ha vincolato la sua appartenenza all’Unione Europea.

Le possibilità di un’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea sono attualmente al 50%. Ma se le negoziazioni andranno male, aumenteranno. Al contrario se Cameron riuscirà a spuntare una riforma, scenderanno”, ipotizza Sir Major.

Pubblicità
Pubblicità

L’ex primo ministro si mostra poi molto favorevole al referendum sull’appartenenza all’Unione Europea. “Se l’elettorato si esprimerà a favore della permanenza nell’Ue, il governo britannico avrà un nuovo mandato per far sentire la voce del popolo britannico in Europa. Se così non sarà, non avremo altra scelta che rispettare la volontà dei nostri elettori e andarcene”.

Major tenta anche di analizzare i perché dell’impopolarità del progetto europeo nel Regno Unito. E afferma: “La nostra gente fa fatica a digerire l’interferenza delle autorità europee in scelte che sono state gestite per generazioni secondo un approccio prettamente nazionale”.

L’ex primo ministro sta facendo riferimento alla questione spinosa delle politiche migratorie. E se da un lato riconosce che economie avanzate come la Gran Bretagna “hanno bisogno di giovani stranieri dotati delle giuste conoscenze per stimolare l’economia del paese”, dall’altro sostiene che la libertà di circolazione delle persone non è più “sacrosanta”.

Quello di Major è un vero e proprio endorsement alla recente proposta del primo ministro David Cameron di limitare il numero di immigrati provenienti dall’Unione Europea.

Una proposta che “ascolta la voce dei cittadini britannici”, che considerano eccessivo il numero di cittadini Ue che si trasferiscono in Gran Bretagna e che hanno diritto ai sussidi e al sostegno stato sociale. Ma anche una proposta che viola il principio europeo di “libertà di circolazione delle persone” e che ha mandato su tutte le furie la cancelliera tedesca Angela Merkel.

È una questione di numeri… se compariamo il numero dei migranti con le dimensioni del paese che li accoglie, la Gran Bretagna ha accolto il più grande movimento migratorio nella storia dell’Europa in tempo di pace”, fa notare Major.

E aggiunge: “Non sono sorpreso che così tanti migranti vogliano migliorare il loro stile di vita trasferendosi nel Regno Unito. La loro scelta è un tributo al mio paese. E laddove i numeri potessero essere assorbiti, siamo pronti ad accoglierli”.

Ma non è così. “Il flusso di migranti è stato di proporzioni tali che la salute pubblica, lo stato sociale, e il sistema scolastico britannico sono in pericolo e molti tra gli individui più poveri nella società hanno visto un peggioramento delle loro condizioni di vita… La nostra piccola isola non può assorbire i numeri attuali a questa velocità: è materialmente e politicamente irrealizzabile, se non al prezzo di un enorme dissenso pubblico”.

Siamo ben lontani dal chiedere la fine della libera circolazione. Piuttosto, laddove le pressioni sono incontenibili, chiediamo di poterle limitare”, puntualizza l’ex primo ministro. E conclude: “E diciamoci la verità, questo è quello che farebbe qualsiasi paese sottoposto alle pressioni migratorie cui è sottoposta la Gran Bretagna”.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Alfio Ghezzi: al Mart il perfetto connubio tra territorio, tradizione e semplicità
    Gli anni dell’infanzia, si sa, sono quelli che più segnano la nostra personalità nell’età adulta, e così dopo le esperienze nei più blasonati alberghi italiani e gli anni trascorsi con i maestri Gualtiero Marchesi e Andrea Berton, Alfio Ghezzi mai avrebbe immaginato che il Mart, nel suo Trentino, sarebbe diventato così importante per lui. Si […]
  • Castello Bonaria: nell’Alta Maremma un Luxury SPA Resort di eccellenza
    Meta ideale per chi sogna una vacanza in cui i tempi vengono scanditi dal silenzio e dall’armonia della natura, il Castello Bonaria offre agli ospiti anche un Centro Benessere, una piscina e un Ristorante con terrazza sulle colline toscane: tutto quello che serve per un Luxury SPA Resort di eccellenza. Adagiato tra vigneti e uliveti, il […]
  • AVA&MAY: home decor e candele dai profumi esotici
    A chi non piacciono le candele? A chi non piace entrare in casa e sentire subito il profumo fresco di pulito e di casa? Quanto si parla di candele, profumi e prodotti per la casa, si va subito a pensare ad Ava&May, un brand relativamente giovane ma di altissima qualità e dai prodotti con profumi […]
  • VIDEO – Scegliere il mondo come ufficio e diventare nomadi digitali: intervista ad Armando Costantino
    Negli ultimi anni, la tentazione sempre più frequente del “mollo tutto” combinata  all’aumento dello smart working ha creato una nuova tendenza all’interno del panorama lavorativo: i nomadi digitali, conosciuti anche come fulltimers. Persone che hanno scelto di spostare la loro casa in camper e il loro ufficio nel mondo, investendo su loro stessi per riprendersi […]
  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]

Categorie

di tendenza