Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Major: Meno immigrati o la Gran Bretagna lascerà l’Ue

C'è solo il 50% delle possibilità che il Regno Unito resti nell'Unione Europea”, a dirlo non è Nigel Farage, il politico più euroscettico del Regno Unito, ma piuttosto Sir John Major.

Pubblicato

-

C’è solo il 50% delle possibilità che il Regno Unito resti nell’Unione Europea”, a dirlo non è Nigel Farage, il politico più euroscettico del Regno Unito, ma piuttosto Sir John Major.

Major è stato primo ministro britannico dal 1990 al 1997 e durante il suo mandato si distinse per uno spiccato europeismo. Ma, durante un discorso tenuto giovedì a Berlino, non ha potuto far meno di constatare che, in Gran Bretagna, l’opposizione all’appartenenza all’Unione Europea ha ormai raggiunto “una massa critica”.

E ha messo in guardia: la frustrazione britannica va presa sul serio, “il rischio di separazione è reale e potrebbe danneggiare il futuro del Regno Unito e dell’Europa nel suo complesso”.

Pubblicità
Pubblicità

Le affermazioni di Major si inseriscono nel dibattito sul referendum che dovrebbe permettere ai britannici di decidere se restare o meno all’interno dell’Unione Europea. Referendum che David Cameron, l’attuale primo ministro, ha promesso di convocare se il suo partito, il Partito Conservatore, vincerà le prossime elezioni generali, che si terranno nel maggio del 2015.

In caso di riconferma, Cameron ha anche assicurato che andrà a Bruxelles per rinegoziare le condizioni con cui la Gran Bretagna ha vincolato la sua appartenenza all’Unione Europea.

Le possibilità di un’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea sono attualmente al 50%. Ma se le negoziazioni andranno male, aumenteranno. Al contrario se Cameron riuscirà a spuntare una riforma, scenderanno”, ipotizza Sir Major.

L’ex primo ministro si mostra poi molto favorevole al referendum sull’appartenenza all’Unione Europea. “Se l’elettorato si esprimerà a favore della permanenza nell’Ue, il governo britannico avrà un nuovo mandato per far sentire la voce del popolo britannico in Europa. Se così non sarà, non avremo altra scelta che rispettare la volontà dei nostri elettori e andarcene”.

Major tenta anche di analizzare i perché dell’impopolarità del progetto europeo nel Regno Unito. E afferma: “La nostra gente fa fatica a digerire l’interferenza delle autorità europee in scelte che sono state gestite per generazioni secondo un approccio prettamente nazionale”.

Pubblicità
Pubblicità

L’ex primo ministro sta facendo riferimento alla questione spinosa delle politiche migratorie. E se da un lato riconosce che economie avanzate come la Gran Bretagna “hanno bisogno di giovani stranieri dotati delle giuste conoscenze per stimolare l’economia del paese”, dall’altro sostiene che la libertà di circolazione delle persone non è più “sacrosanta”.

Quello di Major è un vero e proprio endorsement alla recente proposta del primo ministro David Cameron di limitare il numero di immigrati provenienti dall’Unione Europea.

Una proposta che “ascolta la voce dei cittadini britannici”, che considerano eccessivo il numero di cittadini Ue che si trasferiscono in Gran Bretagna e che hanno diritto ai sussidi e al sostegno stato sociale. Ma anche una proposta che viola il principio europeo di “libertà di circolazione delle persone” e che ha mandato su tutte le furie la cancelliera tedesca Angela Merkel.

È una questione di numeri… se compariamo il numero dei migranti con le dimensioni del paese che li accoglie, la Gran Bretagna ha accolto il più grande movimento migratorio nella storia dell’Europa in tempo di pace”, fa notare Major.

E aggiunge: “Non sono sorpreso che così tanti migranti vogliano migliorare il loro stile di vita trasferendosi nel Regno Unito. La loro scelta è un tributo al mio paese. E laddove i numeri potessero essere assorbiti, siamo pronti ad accoglierli”.

Ma non è così. “Il flusso di migranti è stato di proporzioni tali che la salute pubblica, lo stato sociale, e il sistema scolastico britannico sono in pericolo e molti tra gli individui più poveri nella società hanno visto un peggioramento delle loro condizioni di vita… La nostra piccola isola non può assorbire i numeri attuali a questa velocità: è materialmente e politicamente irrealizzabile, se non al prezzo di un enorme dissenso pubblico”.

Siamo ben lontani dal chiedere la fine della libera circolazione. Piuttosto, laddove le pressioni sono incontenibili, chiediamo di poterle limitare”, puntualizza l’ex primo ministro. E conclude: “E diciamoci la verità, questo è quello che farebbe qualsiasi paese sottoposto alle pressioni migratorie cui è sottoposta la Gran Bretagna”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]
  • Viaggiare rimanendo a casa: dall’arte ai paesaggi, vedere il mondo con i tour virtuali
    La veloce diffusione del Coronavirus in Italia e in Europa ha costretto milioni di persone a casa, obbligandoli ad annullare progetti e piani precedentemente programmati o a posticipare prenotazioni di viaggi a data da destinarsi. Ad oggi, la fine della quarantena sembra un giorno troppo lontano e la voglia di lasciare i confini della propria […]
  • Coronavirus: sanificare le mascherine per riutilizzarle in mancanza di nuove
    Da molti giorni l’Italia sta vivendo l’ormai nota emergenza Coronavirus che, oltre al periodo di quarantena forzata richiede l’utilizzo in caso di spostamenti, di particolari presidi di protezione individuale come il disinfettante per le mani o le tipiche mascherine. Mascherine che, dall’inizio dell’allarme hanno subito un aumento vertiginoso della domanda rendendole non solo introvabili, ma […]
  • Italia: Paese “green” e leader delle rinnovabili
    Troppo spesso, l’Italia è abituata ad occupare gli ultimi posti nelle classifiche europee, alimentando i pregiudizi sul Bel Paese che in alcuni settori, quando vuole, sembra essere incredibilmente ed indubbiamente qualificato. Infatti, secondo il rapporto condotto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ( ISPRA) seguito poi da un’analisi dell’Agenzia Nazionale per l’Energia, […]

Categorie

di tendenza