Connect with us
Pubblicità

Trento

Maltempo: il fiume Adige continua a salire

Il fiume Adige continua a salire, la fotografia scattata alle ore 16.00 di oggi a Mattarello, documenta l'ingrossamento delle acque.

Pubblicato

-

Il fiume Adige continua a salire, la fotografia scattata alle ore 16.00 di oggi a Mattarello, documenta l'ingrossamento delle acque.

Non si registra da parte della protezione civile nessun  pericolo per l'Adige, almeno fino a questo momento.

Gli intensi flussi meridionali che hanno determinato precipitazioni diffuse e persistenti nelle ultime 48 ore si stanno attenuando. Fino alla tarda serata di oggi sono previste precipitazioni deboli o moderate diffuse, più intense e persistenti sui settori orientali della provincia.

Pubblicità
Pubblicità

Lo dice l'ultimo aggiornamento emesso dal Servizio Prevenzione Rischi della Provincia autonoma di Trento.

Sono attesi mediamente ulteriori 20-40 millimetri di pioggia, con i valori più elevati sui settori orientali. Sono possibili ulteriori 20-50 centimetri di neve oltre i 2200 metri. Si prevedono anche venti moderati o forti dai quadranti meridionali in quota con possibili locali raffiche in valle.

Sembra che anche nella giornata di domani la pioggia continuerà a cadere sul Trentino. Solo nella giornata di sabato tornerà il sole. Ma per poco, infatti nei primi giorni della prossima settimanaè in arrivo una nuova perturbazione che porterà nuovamente grosse precipitazioni e freddo. 

Pubblicità
Pubblicità

Smottamenti e frane, allagamenti di gallerie e sottopassi, cedimenti di scarpate stradali, alcuni tratti viari momentaneamente chiusi: le forti e persistenti piogge delle ultime ore hanno lasciato il segno nelle vallate del Trentino determinando alcune criticità lungo la rete stradale provinciale.

Ecco la situazione, aggiornata alle ore 15.30 di oggi, dopo le ultime verifiche effettuate dal Servizio Gestione strade. Continuo è anche il monitoraggio dei corsi d'acqua, del fiume Adige in particolare.

L'attuale situazione di piena sul fiume e, soprattutto, la prevista persistenza dei livelli idrometrici ancora per diverse ore, ha indotto il capo della Protezione civile trentina, Roberto Bertoldi, a richiede l'attivazione, in aggiunta al personale del Servizio Bacini Montani già operativo sul posto, di personale dei Vigili del fuoco appartenente ai Corpi volontari dei comuni il cui territorio è attraversato dall'Adige.

"Ho allertato i comandanti dei Corpi delle rispettive Unioni Distrettuali – spiega Bertoldi – affinché vengano attivate le ronde di controllo che opereranno, ovviamente, su entrambi gli argini destro e sinistro. Saranno controllati, in particolare, gli argini con riferimento ad eventuali infiltrazioni o fontanazzi che si dovessero riscontrare nella parte a campagna degli stessi, nonché ostruzioni al di sotto dei ponti o di attraversamenti, causati da materiale vario, tronchi d'albero, ecc.".

Qualunque anomalia riscontrata sarà tempestivamente segnalata alla Centrale 115 ed alla "sala di piena" del Servizio Prevenzione Rischi.

Questa la mappa delle criticità presenti sulla rete stradale provinciale:

Zona Valsugana e Primiero:
Chiuse le seguenti strade:
S.P. n. 221 della Val Noana per frana e caduta sassi.
S.P. n. 115 tra gli abitati di Sagron e Mis per frana; consentito il passaggio dei mezzi di soccorso.

Vallagarina:
Chiusa per allagamento galleria di Chiusole lungo la S.P. n. 90 2^ tronco. Deviazione su strada comunale limitrofa.
Chiuso per allagamento sottopasso in loc. Borghetto lungo la S.P. n. 90 1^ tronco dir nel comune di Avio.
Chiusa per frana S.P. n. 138 della Borcola al km 8,200 a monte dell’abitato di Campi, in direzione di Passo della Borcola nel comune di Terragnolo.

Valli dell’Avisio:
Chiusa per allagamenti la S.P. n. 71 al km 38+200 in loc. Lago di Stramentizzo. Deviazione attraverso la val di Cembra (S.S. n. 612).
Circolazione a senso unico alternato su S.P. n. 81 del Passo Valles al km 4,800 per cedimento scarpata.
Circolazione a senso unico alternato lungo la S.S. n. 50 del Grappa e Passo Rolle in località Lago di Forte Buso per allagamenti. 
Smottamenti diffusi, ma di piccola entità, lungo la SS 612 tra Cembra e Lisignago.
Ripristinata la circolazione lungo la S.P. n. 71 in prossimità di Segonzano, già chiusa per frana.

Val di Ledro:
Riaperta alle ore 13.30 SS 240 di Loppio e Val di Ledro già chiusa in prossimità della pr. km 47,500 tra loc. Ampola e Storo per frana.

Valli Giudicarie:
Chiusa SP 69 tra Storo e Baitoni per smottamenti in più punti.
Circolazione limitata a senso unico alternato lungo la SS 237 del Caffaro a Tione in prossimità di pr. km 85,200 per cedimento scarpata.

Val di Sole:
Smottamento lungo la SS 42 tra Vermiglio e Passo Tonale in prossimità di Forte Strino, senza ripercussioni per la circolazione stradale. 
Circolazione a senso unico alternato sulla S.S. 239 di Campiglio al km 13,000 circa tra Folgarida e Passo Campo Carlo Magno per cedimento scarpata a valle della sede stradale.

Qui il Nuovo aggiornamento alle ore 23.00 

qui il nuovo aggiornamento alle 8.30 del 7 novembre 2014 

{loadposition Pos-cineworld} {facebookpopup}
 
 

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Festival dello Sport: in autunno la terza edizione

Pubblicato

-

Tutti i modi di vivere lo sport attraverso un palinsesto unico, fatto di incontri, esperienze, storie, personaggi.

Questi gli ingredienti del Festival dello Sport, che dopo il successo delle prime due edizioni tornerà in autunno a Trento.

Organizzato dalla Gazzetta dello Sport e dal Trentino (Provincia autonoma di Trento, Trentino Marketing, Comune di Trento e Apt di Trento), il “Festival” racconterà l’epopea dei grandi campioni, mettendoli a contatto con il pubblico.

Pubblicità
Pubblicità

Il tema e le date della terza edizione saranno annunciati la prossima settimana al Muse.

La presentazione, che sarà moderata da Giampaolo Pedrotti, Capo Ufficio Stampa della Provincia, si terrà martedì 28 gennaio, alle ore 11.00, a Trento, presso il Muse, il Museo delle Scienze e si potrà seguire sul sito Gazzetta.it e sulla pagina Facebok del Festival 

Saranno presenti: Alessandro Andreatta, Sindaco di Trento, Massimo Bernardoni, Delegato Comitato Italiano Paralimpico Trento, Francesco Carione, Direttore Generale La Gazzetta dello Sport, Roberto Failoni, Assessore all’artigianato, commercio, promozione, sport e turismo Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, Presidente Provincia autonoma di Trento, Andrea Monti, Direttore La Gazzetta dello Sport, Paola Mora, Presidente CONI Trento, Maurizio Rossini, CEO Trentino Marketing, Gianni Valenti, Vicedirettore vicario La Gazzetta dello Sport e Direttore scientifico Il Festival dello Sport e Raimondo Zanaboni, Direttore Generale RCS Pubblicità.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Il presidente Fugatti incontra il Forum Trentino per la Pace e i diritti umani

Pubblicato

-

Nato nel 1991 per volontà del Consiglio provinciale, il Forum Trentino per la Pace e i diritti umani opera per sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi dai quali l’organismo prende il nome.

Ieri, il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, insieme al presidente del Consiglio, Walter Kaswalder, ha incontrato i vertici del Forum, il presidente, Massimiliano Pilati, la vicepresidente Katia Malatesta e uno dei collaboratori, Riccardo Santoni. Un momento di conoscenza e al tempo stesso di verifica delle piste di comune collaborazione.

Una di queste è rappresentata dal programma Agenda 2030, di cui è partito proprio in questi giorni il percorso partecipativo e nel quale sono compresi anche i temi della pace e della giustizia. L’idea è quella di lanciare alcuni messaggi forti, capaci di sensibilizzare i trentini specie con riferimento al problema della violenza, non solo fisica ma anche verbale e virtuale, tenuto conto degli effetti dirompenti di un uso distorto dei social network.

Pubblicità
Pubblicità

Si è poi parlato della possibilità di utilizzare i canali della formazione che la Provincia organizza per i propri dipendenti, come pure di creare percorsi ad hoc finalizzati all’utenza scolastica.

“Siete un organo previsto da una legge provinciale che opera con piena funzionalità – ha concluso il presidente Fugatti ringraziando i vertici del Forum per il loro impegno – e come Giunta provinciale siamo disponibili a dialogare per individuare progetti comuni”.

 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Agenda 2030, continuano gli incontri sul territorio

Pubblicato

-

Molto partecipato l’incontro di martedì sera al teatro di Padergnone grazie anche alla sensibilizzazione promossa dalle Biblioteche di Cavedine e di Valle dei Laghi e, in particolare da Sonia Arw e Sonia Spallino.

Hanno coinvolto enti, associazioni, istituzioni e privati cittadini già attivi sui temi dell’Agenda 2030.

Dopo l’intervento dell’esperta del MUSE, Lucilla Galatà, sono state presentate alcune realtà virtuose che hanno fatto emergere cosa è già stato fatto sul territorio e messo in evidenza cosa si potrebbe ancora fare. Michele Bortoli, sindaco di Madruzzo, funzionario dell’UMSE Agenda 2030 ha illustrato i temi dell’Agenda 2030. Come ad ogni incontro sono state approfondite le modalità per iscriversi e partecipare al percorso partecipativo che proietterà il Trentino nel 2040

PubblicitàPubblicità

E’ intervenuta anche l’assessore alla cultura, istruzione e formazione, diritto allo studio, sport e pari opportunità della Comunità Valle dei Laghi Annamaria Maturi che è  capofila del progetto per  il ritiro delle eccedenze alimentari nelle mense scolastiche in collaborazione con Risto 3.

Il progetto, di cui è appunto capofila la Comunità della Valle dei Laghi, è imperniato sul servizio di ristorazione scolastica della città di Trento (con Aldeno, Cimone e Garniga), della Comunità Rotaliana-Königsberg, della Comunità della Valle di Cembra, della Comunità della Paganella. Da alcuni anni sono state messe in atto alcune iniziative per far fronte ad una situazione sociale del territorio non facile per tutti e, nello stesso tempo, ridurre nel il fenomeno dello spreco alimentare.

Altre realtà sono state presentate da:

Caritas Valle dei laghi: presentazione delle attività in particolare del centro di ascolto; Lilt (Mario Cristofolini, presidente sezione provinciale Trento): importanza della lotta al fumo e stili di vita corretti per la prevenzione ai tumori; Comunità Valle dei Laghi- Dementia Friendly community e progetto legami solidi; CEF Vallelaghi (Club ecologico famigliare) con sede a Calavino: si occupa di tutte le dipendenze e gli stati di malessere e disagio che derivano dalle sofferenze; Università della Terza età e del tempo disponibile, rappresentanti sedi di Vezzano e Lasino; Museo della ‘Dona de ‘sti ani’: vita della donna di cinquant’anni fa (detto popolare:

Pubblicità
Pubblicità

“Quando nasce una donna anche le formiche  piangono”); Comunità della Valle dei Laghi: intervento 19; Piano giovani di zona;  Associazione di volontariato oasi Valle dei laghi: progetti di inclusione sociale; Ecomuseo Valle dei laghi: presentazione attività; Biodistretto valle dei laghi, Michele Bortoli; Gruppo di acquisto solidale.

Una realtà molto viva, a testimonianza che con la giusta sensibilizzazione i dieci obiettivi individuati per la Strategia di Sviluppo Sostenibile del Trentino 2040 – Povertà, Stili di vita, Acqua, Territorio, Economia circolare, Responsabilità sociale, Turismo sostenibile, Agricoltura, Riduzione delle emissioni e Parità di genere – possono essere davvero raggiunti.

Il prossimo appuntamento è in programma stasera ad Ala presso l’Auditorium della Cassa Rurale.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza