Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

La sconfitta di Obama e la sua perdita di carisma

Quando Barack Obama entrò per la prima volta alla Casa Bianca godeva di un carisma che aveva affascinato non solo l’America, ma anche – o forse soprattutto – l’Europa

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Quando Barack Obama entrò per la prima volta alla Casa Bianca godeva di un carisma che aveva affascinato non solo l’America, ma anche – o forse soprattutto – l’Europa

Anche chi nulla sapeva del sistema politico d’oltre oceano, all’improvviso aveva iniziato a fare il tifo per il primo afroamericano alla presidenza.

Pubblicità
Pubblicità

Da quei giorni di sei anni fa, quando anche a Trento si organizzarono “maratone notturne” per seguire le elezioni negli Usa, sembra trascorso un secolo. Molti di quei fans europei, spinti dal “We can”, sono tornati nell’indifferenza, o a preoccuparsi piuttosto di quanto accade nel Vecchio continente. O sotto casa, magari. Che è sempre la cosa più importante, pare.

A casa sua, Obama si è trovato ad affrontare nemici contro i quali fare bella figura non era affatto semplice. Forse impossibile. Prima la crisi economica, poi l’Isis e il timore per l’epidemia di ebola. Imprevisti che, prima ancora dell’ultima debacle elettorale, hanno minato il carisma del presidente.

“Spesso i presidenti vengono colpevolizzati per circostanze fuori dal loro controllo solo perché sono i politici più potenti di tutti”, ha commentato in un’intervista al Corriere della Sera oggi in edicola lo scrittore Jay Mcinerney. Ed è vero. Eppure non basta a spiegare, ad esempio, quanto accaduto in Arkansas, dove per la prima volta dopo 141 anni nessun democratico sarà eletto al Congresso.

Pubblicità
Pubblicità

A guardare la cartina degli Stati Uniti il giorno dopo il voto mid-term – e pur con il beneficio del dubbio per la Louisiana, che andrà al ballottaggio il prossimo 6 dicembre – il risultato delle elezioni è stato chiaramente a favore dei Repubblicani. Ben oltre le aspettative dei sondaggi. Così Obama dovrà affrontare gli ultimi due anni di presidenza con la minoranza al Congresso.

In tutto questo, c’è proprio la capacità, tutta politica, della destra di saper far presa sull’elettorato, e d’intaccare così il carisma del presidente. Puntando sul generale senso d’insicurezza degli Americani oggi; il timore ovvero che Obama non stia facendo abbastanza per affrontare le minacce (siano esse economiche, di sicurezza interna o di politica estera). I Repubblicani hanno anche approfittato per modernizzare (e ammordire) un poco la loro rigida politica di conservatori. Ed anche questo ha pagato.

C’è insomma il dato, a dire il vero abbastanza ricorrente, di una sconfitta del presidente americano alle elezioni di mid-term. Quanto potrà influire questo esito, sulle elezioni presidenziali fra due anni? La tentazione di prevedere una vittoria repubblicana anche alla Casa bianca è già forte, ma ancora un azzardo.

Per diversi motivi. Innanzitutto perché nella partita per la presidenza entrano in gioco aspetti molto diversi, rispetto alle elezioni mid-term. Quindi, perché mancano due anni appunto, e, soprattutto oggi, sono tanti. Che ne sarà delle minacce di ebola ed Isis, che indubbiamente hanno influito sul voto dell’altro giorno? Difficile dirlo.

E poi c’è un altro aspetto interessante, suggerito da un articolo ben scritto sul sito dell’Istituto per gli studi di politica internazionale. Ovvero, quella dei Repubblicani potrebbe rivelarsi come una vittoria di Pirro. “La ‘coabitazione’ tra presidente e Parlamento dai colori politici diversi non sarebbe certo una novità a Washington, ma lo scollamento tra le richieste della base radicale (a cui i Congressmen devono la loro elezione) e le necessità di compromesso che questa coabitazione richiede non erano mai stati tanto evidenti quanto oggi”, scrivono. 

Come sottolineato dal Washington Post, a fare le spese di un protratto blocco istituzionale sarebbe proprio il Partito Repubblicano: Obama ha comunque diritto di veto su molte delle proposte di legge in discussione e sulle tematiche di rilevanza internazionale, e i democratici avrebbero quindi vita facile nell’attribuire al GOP (Grand Old Party, soprannome del partito repubblicano, ndr.) le colpe di un biennio di paralisi nel 2016. Oltre al presidente, tra due anni gli americani rinnoveranno di un terzo lo stesso Senato, e questa volta 24 dei 34 seggi in discussione saranno repubblicani". 

Insomma, nel 2016 si giocherà un’altra partita, e l’esito sarà ancora una volta messo in discussione.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Italia ed estero4 ore fa

Auto si schianta contro il muro, si ribalta e prende fuoco: due morti e due feriti gravi

economia e finanza5 ore fa

Pensplan: oltre 280 mila posizioni presso i fondi pensione istituiti in Regione

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Studenti qualificati e diplomati all’UPT di Cles: ecco l’elenco

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Pellizzano vince il Bando borghi del Pnrr puntando sulla frazione di Termenago

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Carenza idrica, Andalo fa la sua parte

Giudicarie e Rendena6 ore fa

Ponte dei Servi: finisce a terra con la moto, 56 enne finisce in ospedale

Vita & Famiglia7 ore fa

Usa. Storica decisione contro sentenza sull’aborto. Pro Vita: «ora tocca all’Italia»

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

Sorpasso suicida nella galleria di Taio – IL VIDEO

Telescopio Universitario8 ore fa

UniTrento – Pnrr, 50 milioni all’Università di Trento

Bolzano8 ore fa

Alto Adige, ritrovato il corpo senza vita dell’escursionista disperso a Racines: precipitato a Malga Calice a 1.500 m slm

Trento8 ore fa

Coronavirus: nessun decesso oggi in Trentino, 33 i pazienti ricoverati

Spettacolo9 ore fa

Con Jurassic World – Il dominio si chiude una saga durata quasi 30 anni

Trento10 ore fa

Plateatici dei locali, la procedura semplificata estesa per tutto il 2022

Trento10 ore fa

Arresti per terrorismo a Rovereto: il ringraziamento di Fugatti e Bisesti ai Carabinieri del ROS

Valsugana e Primiero10 ore fa

Tragedia a Caldonazzo: perde la vita mentre fa il bagno nel lago

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 83 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

I 12 giorni di Vasco Rossi all’Hotel Solea di Fai della Paganella: «Persona di livello umano altissimo»

Trento4 settimane fa

Frana il terreno vicino a Malga Andalo – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 121 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

Telescopio Universitario4 settimane fa

In 440 oggi alla cerimonia di laurea, il rettore: «Scommetto su di voi»

Telescopio Universitario4 settimane fa

All’Università di Trento il fondo Feierabend sull’arte italiana del ‘900

Arte e Cultura4 settimane fa

Mario Giordano in Trentino con i «Tromboni. Tutte le bugie di chi ha sempre la verità in tasca»

eventi2 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro2 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

Trento2 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Società3 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza