Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Da «Yes, we can» a «Podemos», per continuare a sperare

Cala il tramonto sull'esperienza da presidente di Barack Obama. Con due anni d'anticipo. Nelle elezioni di metà mandato, i repubblicani hanno strappato ai democratici l'intero Congresso. Non accadeva dal 2006.

Pubblicato

-

Cala il tramonto sull’esperienza da presidente di Barack Obama. Con due anni d’anticipo. Nelle elezioni di metà mandato, i repubblicani hanno strappato ai democratici l’intero Congresso. Non accadeva dal 2006.

“Ripudiato”, titola il Washington Post. L’elettorato americano ha condannato il presidente a passare i prossimi due anni prigioniero dei repubblicani, privo della maggioranza necessaria per far passare le sue riforme. Dov’è finito l’uomo che arringava le folle al grido di “Yes, we can”? Che ne è stato delle sue promesse? L’ Obama di oggi è ormai l’ombra di quello che conquistò l’America nel 2008.

Ma se Obama non riesce più ad incantare, dall’altra parte del globo un nuovo soggetto politico tenta là dove il presidente americano ha fallito. Coinvolgere i cittadini nella vita politica: è questo l’obiettivo di Podemos(Possiamo, traduzione spagnola di “Yes, we can”, ndr), partito fondato in marzo dagli esponenti di sinistra del movimento spagnolo degli indignados.

Pubblicità
Pubblicità

Gli indignados sono un movimento di protesta nato il 15 maggio del 2011, in risposta alla disoccupazione di massa e alle soffocanti misure d’austerità. Podemos nasce con l’obbiettivo di trasformare queste proteste in una vera e propria piattaforma politica in grado di dar vita a un cambiamento radicale.

L’obbiettivo di Podemos è trasformare una maggioranza già esistente nella società in una maggioranza politica”, dichiara Pablo Iglesias, leader del partito. E continua: “La politica deve essere fatta dai cittadini. Se i cittadini non fanno politica, altri la faranno per loro. E in questo caso, si porteranno via i tuoi diritti, la tua democrazia e il tuo portafoglio”.

Il debutto elettorale non avrebbe potuto essere migliore. A maggio, a due mesi dalla nascita, Podemos ha ottenuto l’ 8% dei voti nelle elezioni per il parlamento europeo, riuscendo ad aggiudicarsi cinque seggi nell’assemblea di Strasburgo.

La voglia di cambiamento sembra inarrestabile. Oggi, il quotidiano El Pais, riportando gli ultimi dati sulle intenzioni di voto raccolte dal Centro di Indagine Sociologica, mostra che, se si votasse oggi, Podemos conquisterebbe ben il 22,5% dei voti. I due partiti tradizionali, quello popolare e quello socialista, sentono già il fiato sul collo.

Si tratta di numeri che non vanno per nulla sottovalutati, fanno notare gli analisti spagnoli. Podemos intercetta infatti il malcontento della stragrande maggioranza della popolazione spagnola, delusa dai partiti tradizionali, prostrata da una crisi economica gravissima e disgustata dalla corruzione endemica che è emersa con la crisi finanziaria.

Al momento però è ancora presto per parlare di un programma politico vero e proprio. Il programma elettorale di Podemos sembra piuttosto una lista dei desideri. Alzare i salari minimi, eliminare i paradisi fiscali, nazionalizzare le banche e le imprese che sono state salvate con i soldi pubblici e abbassare l’età pensionabile a 60 anni. E ancora: introdurre una settimana lavorativa da 35 ore, distribuire i salari più equamente, garantire l’uguaglianza di genere e abolire tutti gli ospedali privati.

Sono in molti coloro che che si chiedono come la fragile Spagna, che sta uscendo a fatica da una profonda recessione, possa affrontare dei cambiamenti così epocali come quelli previsti dal programma di Podemos.

E che dire poi dell’importanza che viene attribuita alla partecipazione attiva dei cittadini? C’è già chi teme una deriva populista, una svolta demagogica come quella che è avvenuta in Italia con il Movimento Cinque Stelle.

Pablo Iglesias, leader del movimento, rispedisce tutte le critiche al mittente. 35 anni, coda di cavallo, Iglesias è l’uomo simbolo di Podemos. Politicamente impegnato fin da giovanissimo, è cresciuto negli ambienti di sinistra e dal 2008 insegna come professore all’Università Complutense di Madrid.

La sua popolarità l’ha portato ad essere oggetto di critiche pesanti. C’è chi lo paragona ad Adolf Hitler, chi a Fidel Castro. Chi lo taccia di essere stravagante e chi invece lo accusa di estremismo. E poi c’è chi vede in lui una sorta di Robin Hood.

Iglesias non si scompone. Per lui le critiche sono una dimostrazione che l’establishment sta cominciando ad avere davvero paura. E rilancia: “Vogliamo un paese decente. Un paese con dei servizi pubblici, un paese dove nessuno è cacciato di casa, un paese con ospedali pubblici, pensioni pubbliche, un paese in cui non sei destinato a far la fame”. E conclude: “Si tratta di cose semplici”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]

Categorie

di tendenza