Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Riforma delle circoscrizioni: Trento come la bella addormentata – di Giovanna Giugni

Come è noto nei mesi scorsi la mia proposta di abrogazione del titolo V dello Statuto è stata accolta con sdegno e sufficienza. Tuttavia si trattava di un tentativo estremo, provocatorio, di fare finalmente chiarezza in una giungla normativa stratificata ed annosa, che dimostra uno scarso rispetto per la vera democrazia.

Pubblicato

-

Come è noto nei mesi scorsi la mia proposta di abrogazione del titolo V dello Statuto è stata accolta con sdegno e sufficienza. Tuttavia si trattava di un tentativo estremo, provocatorio, di fare finalmente chiarezza in una giungla normativa stratificata ed annosa, che dimostra uno scarso rispetto per la vera democrazia.

L'arma migliore di una democrazia, infatti, è la trasparenza.

Ma anche con tutte le migliori intenzioni come può essere accessibile, aperta e trasparente una realtà che è disciplinata da uno Statuto, da un regolamento, da un atto deliberativo con funzioni di subregolamento, che si vede attribuire fondi da gestire direttamente ed indirettamente al netto delle spese per gemellaggi, che recentemente è stata prima soppressa da una legge regionale( salvo intervento del Consiglio comunale) e che poi è stata resuscitata da un emendamento alla stessa legge regionale?

Pubblicità
Pubblicità

Quale linearità e semplicità di accesso esiste in un organismo che dovrebbe dipendere da decisioni di questo consiglio comunale, consiglio che nell'atto sottoposto alla nostra attenzione stasera demanda ogni decisione alla legge?

Sono davvero sorpresa nel notare, leggendo la proposta di modifica statutaria, che di sostanziale, in questa modifica non c'è nulla. Riconosco la difficoltà del tentativo, ma dov'è la riduzione del numero delle circoscrizioni di cui si è parlato fin dall'inizio della consigliatura? E senza riduzione del numero delle circoscrizioni che ne è dell'abolizione dei doppioni di servizi offerti in città ( pensiamo agli uffici anagrafici di piazza Fiera e delle circoscrizioni centrali!) che sottraggono risorse alla periferia o ad altri servizi essenziali sul territorio?

Facile parlare di attacco alla democrazia verso chi tenta una razionalizzazione delle ormai sempre più scarse risorse pubbliche, ma a mio avviso è ben più pericoloso per la democrazia mantenere organismi pletorici, dalle competenze sfumate e solo in parte ridimensionate ( visto che la specificità dei compiti è contenuta nell'atto deliberativo n. 144 dell'ottobre 2002).

Pubblicità
Pubblicità

Fin troppo facile poi replicare alle mie parole dicendo che nel futuro ormai vicino della prossima consigliatura non ci saranno gettoni di presenza né indennità per i componenti dei consigli circoscrizionali e per i relativi presidenti. Ma innanzi tutto è molto avvilente che nella bozza di modifica, all'articolo 56 si proponga di rinviare alla legge ciò che la legge regionale chiede sia deciso da noi!

L'articolo 34 dell'Ordinamento dei Comuni della Regione Trentino Alto Adige stabilisce infatti che i Comuni sopra i 30000 abitanti POSSONO ( e non devono) articolare il loro territorio per istituire le circoscrizioni  , che il consiglio comunale PUO' assegnare un gettone di presenza e una indennità ai consiglieri circoscrizionali e ai presidenti di circoscrizione con un voto favorevole dei due terzi dei consiglieri assegnati.Nulla di tutto ciò si trova nel documento propostoci che anzi richiama a "quanto previsto dalla legge". La legge richiede una nostra decisione e noi rinviamo alla legge. Quel che si dice un rimpallo di responsabilità. O forse è solo il tentativo di procrastinare confidando nei due terzi di un futuro consiglio comunale con numeri ridotti che decida dimantenere lo status quo?

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre non è chiaro se l'abrogazione dell'articolo 59 comporti la contemporanea pur tacita abrogazione di quanto stabilito nella deliberazione consiliare n.144 del 23 ottobre 2002.

Abrogazione che, ad ogni buon conto, ho chiesto con una specifica mozione collegata a questa proposta di deliberazione.

La stratificazione delle competenze e il progressivo ampiamento dei compiti delle circoscrizioni prende le mosse da una delibera consiliare del1988 in cui il Consiglio comunale deliberò le deleghe di funzioni di amministrazione ai consigli circoscrizionali. Una delibera semplice in cui l'amministrazione si impegnava a stanziare ogni anno in bilancio le somme per le competenze delegate e la collaborazione volontaria, che le circoscrizioni dovevano sollecitare e promuivere,venivano organizzate tramite un piano predisposto dall'Amministrazione comunale. Un susseguirsi di delibere consiliari ( del 1991 e del 1994 fino ad arrivare al 2002) hanno modificato le intestazioni delle deleghe, ampliandone i confini e stanziando nuovi fondi affinchè le circoscrizioni potessero liquidare direttamente contributi ad associazioni.

Fino a giungere a quello che definirei un sub/regolamento, approvato con la più volte citata  delibera consiliare n.144 del 2002 in cui le circoscrizioni vengono ad avere una serie di compiti codificati nell'art.59 dello Statuto: manutenzione, sicurezza sociale,sport, cultura, servizi educativi,interventi rivolti ai giovani, anziani, immigrati.

Un autentico sistema di deleghe con stanziamenti relativi in bilancio.

E mentre opportunamente l'articolo 59 dello Statuto ( con l'elenco presumibilmente non tassativo) delle attività delegate è stato abrogato, non lo è stato l'articolo 60, quello che prevedeva uno stanziamento annuale per le attività di gestione dei servizi di base.

Certo, l'articolo è stato modificato, ma senza l'abrogazione della delibera che attua l'articolo 59 e senza contestuale individuazione delle materie attribuite alle circoscrizioni, queste ultime potrebbero continuare ad operare come hanno sempre fatto.

La modifica che  è oggi portata all'attenzione del consiglio mi sembra un simulacro vuoto. Mentre di eliminano alcuni articoli dello Statuto, non si è contemporaneamente toccato il regolamento e non si è espressamente abrogato quanto previsto sui servizi di base nel 2002.

La legge regionale n.5 del 2013 ha dato mandato al Consiglio di decidere, ma così si dimostra di NON voler decidere.

Nulla sulle indennità ( capitolo doloroso, ma non il più pesante dal punto di vista economico)

Nulla sulla razionalizzazione dei servizi sul territorio( restano 12 uffici anagrafe con tutti i costi relativi)

Nulla sulla necessità di razionalizzare e rendere trasparenti i contributi concessi alle associazioni. In ciò contraddicendo una specifica mozione consiliare, la n.633 del 2013 che prevedeva l'obbligo di pubblicazione sul sito del Comune dell'elenco completo dei soggetti che beneficiano di contributi, elargizioni da parte anche delle circoscrizioni cittadine.

Nulla neppure sul numero delle circoscrizioni e sulle composizioni dei consigli circoscrizionali. Materia regolamentare, è vero, ma che andava affrontata con coraggio e ben prima di ora se davvero si voleva dire di aver fatto onore a quando stabilito nel programma di legislatura. E lo si sarebbe fatto se, linearmente e consapevolmente, si fosse messo mano alla materia nel suo complesso, evitando di aggiungere al caos normativo esistente un ulteriore tassello di confusione. Almeno un segnale andava dato: magari eliminando l’Ufficio di Presidenza , che, abrogato per il Consiglio comunale,resta invece nelle circoscrizioni a dimostrazione del fatto che le modifiche proposte sono purtroppo un rimedio di pura facciata: fare qualcosa per poter dire di non essere stati con le mani in mano.

Ci saranno risparmi sugli oltre 700 milioni di lire delle indennità, ma si manterranno inalterate le altre spese, pari ad oltre sei miliardi delle vecchie lire.

Il tutto per mantenere costi di gemellaggi( 25000 euro, più dello stipendio lordo di un docente)servizi di pulizia e lavanderia ( 106286 euro)utenze (130000 euro), riscaldamento ( 170000 euro) e delle non meglio identificate "iniziative delle circoscrizioni" per un importo di 82137 euro.

Il tutto senza contare  i 317866  euro spese per attività diretta ed indiretta, cioè assegnazione di contributi erogati dalle circoscrizioni direttamente ai soggetti o alle associazioni

Cari colleghi, il mio parere sulla proposta di deliberazione non è positivo, a meno che non si eliminino dal dispositivo i punti successivi al punto 1.

Ritengo infatti che le modalità di sollecitazione della partecipazione popolare non siano quelle dell'assegnazione di contributi o del presidio del territorio da parte della politica dei partiti.

Al Consiglio comunale spettava ( e spetta) il compito di determinare le modalità di partecipazione popolare, di stabilire un criterio per la scelta di persone in grado di rappresentare i quartieri e le borgate, di valorizzare il volontariato autentico. E lo possiamo fare tagliando le spese inutili a vantaggio di servizi più capillare sul territorio, di autobus più frequenti e meno cari, di una città più sicura grazie ad un rafforzamento del servizio di pattuglia, di una città più pulita migliorando i protocolli che ci legano alla società che smaltisce i rifiuti.

Se chiedessimo ad un cittadino di Trento se preferisce contribuire con le sue imposte al pagamento di 25000 euro per i gemellaggi circoscrizionali o per lo stipendio annuale di un nuovo autista di autobus o di un nuovo vigile urbano o di orari prolungati per le biblioteche credo non ci sarebbero dubbi.

Ma alle persone non è dato di sapere. Si  lascia credere che la circoscrizione equivalga a servizi, mentre è vero che sopportandone i costi i cittadini avranno meno servizi.

E quanto queste realtà territoriali siano potenti lo dimostriamo noi, incapaci di razionalizzare almeno quelle della città consolidata,consentendo che mantengano persino l'ufficio di presidenza, mentre i consiglieri comunali diminuiranno di numero ( ed è bene che sia così) dal prossimo anno e la commissione statuto si è auto-soppressa, eliminando per il futuro anche l'ufficio di presidenza in consiglio comunale.

Trento appare come La bella Addormentata. I diritti dei lavoratori vengono limati, eliminati, circoscritti e comunque messi in discussione. Anche in Trentino.

Le famiglie sono in crescente difficoltà economiche: il banco alimentare dice che un trentino su dieci vive in povertà, la cronaca riporta di duecento posti di lavoro persi ogni mese, le statistiche locali parlano di una disoccupazione giovanile al 34%. Anche in Trentino.

Ma il Comune continua a non vedere. A baloccarsi con circoscrizioni da mantenere inalterate, società partecipate da conservare e magari da creare ex novo.

Mi auguro, per la nostra città, i nostri cittadini e per la credibilità della politica che noi qui rappresentiamo che il risveglio della Bella Addormentata non sia brusco e doloroso.

Giovanna Giugni – Consigliere comunale a Trento

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dai semi di mela un olio “green” per uso alimentare e cosmetico
    Da assaggiare cruda nell’insalata o cotta nella torta, fino alle bevande con succhi, centrifugati e la versione alcolica, il sidro: le mele sono in assoluto uno dei frutti più versatili nonché sani da utilizzare in cucina. Nonostante la mela sia un frutto quasi completamente commestibile, il residuo di una lavorazione ad uso industriale è il […]
  • Lago Nero e Cornisello: luoghi mozzafiato incastonati tra le Dolomiti di Brenta
    Tra le spettacolari Dolomiti di Brenta è possibile trovare dei paesaggi davvero mozzafiato. Alcuni di questi è possibile immortalarli in Val Nambrone, una diramazione della Valle di Campiglio, che porta alle cime del gruppo della Presanella. Questa zona è famosa soprattutto per i suoi laghi alpini tra cui il Lago Nero ed i laghi di […]
  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]

Categorie

di tendenza