Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Riforma delle circoscrizioni: Trento come la bella addormentata – di Giovanna Giugni

Come è noto nei mesi scorsi la mia proposta di abrogazione del titolo V dello Statuto è stata accolta con sdegno e sufficienza. Tuttavia si trattava di un tentativo estremo, provocatorio, di fare finalmente chiarezza in una giungla normativa stratificata ed annosa, che dimostra uno scarso rispetto per la vera democrazia.

Pubblicato

-

Come è noto nei mesi scorsi la mia proposta di abrogazione del titolo V dello Statuto è stata accolta con sdegno e sufficienza. Tuttavia si trattava di un tentativo estremo, provocatorio, di fare finalmente chiarezza in una giungla normativa stratificata ed annosa, che dimostra uno scarso rispetto per la vera democrazia.

L'arma migliore di una democrazia, infatti, è la trasparenza.

Ma anche con tutte le migliori intenzioni come può essere accessibile, aperta e trasparente una realtà che è disciplinata da uno Statuto, da un regolamento, da un atto deliberativo con funzioni di subregolamento, che si vede attribuire fondi da gestire direttamente ed indirettamente al netto delle spese per gemellaggi, che recentemente è stata prima soppressa da una legge regionale( salvo intervento del Consiglio comunale) e che poi è stata resuscitata da un emendamento alla stessa legge regionale?

Pubblicità
Pubblicità

Quale linearità e semplicità di accesso esiste in un organismo che dovrebbe dipendere da decisioni di questo consiglio comunale, consiglio che nell'atto sottoposto alla nostra attenzione stasera demanda ogni decisione alla legge?

Sono davvero sorpresa nel notare, leggendo la proposta di modifica statutaria, che di sostanziale, in questa modifica non c'è nulla. Riconosco la difficoltà del tentativo, ma dov'è la riduzione del numero delle circoscrizioni di cui si è parlato fin dall'inizio della consigliatura? E senza riduzione del numero delle circoscrizioni che ne è dell'abolizione dei doppioni di servizi offerti in città ( pensiamo agli uffici anagrafici di piazza Fiera e delle circoscrizioni centrali!) che sottraggono risorse alla periferia o ad altri servizi essenziali sul territorio?

Facile parlare di attacco alla democrazia verso chi tenta una razionalizzazione delle ormai sempre più scarse risorse pubbliche, ma a mio avviso è ben più pericoloso per la democrazia mantenere organismi pletorici, dalle competenze sfumate e solo in parte ridimensionate ( visto che la specificità dei compiti è contenuta nell'atto deliberativo n. 144 dell'ottobre 2002).

Fin troppo facile poi replicare alle mie parole dicendo che nel futuro ormai vicino della prossima consigliatura non ci saranno gettoni di presenza né indennità per i componenti dei consigli circoscrizionali e per i relativi presidenti. Ma innanzi tutto è molto avvilente che nella bozza di modifica, all'articolo 56 si proponga di rinviare alla legge ciò che la legge regionale chiede sia deciso da noi!

L'articolo 34 dell'Ordinamento dei Comuni della Regione Trentino Alto Adige stabilisce infatti che i Comuni sopra i 30000 abitanti POSSONO ( e non devono) articolare il loro territorio per istituire le circoscrizioni  , che il consiglio comunale PUO' assegnare un gettone di presenza e una indennità ai consiglieri circoscrizionali e ai presidenti di circoscrizione con un voto favorevole dei due terzi dei consiglieri assegnati.Nulla di tutto ciò si trova nel documento propostoci che anzi richiama a "quanto previsto dalla legge". La legge richiede una nostra decisione e noi rinviamo alla legge. Quel che si dice un rimpallo di responsabilità. O forse è solo il tentativo di procrastinare confidando nei due terzi di un futuro consiglio comunale con numeri ridotti che decida dimantenere lo status quo?

Inoltre non è chiaro se l'abrogazione dell'articolo 59 comporti la contemporanea pur tacita abrogazione di quanto stabilito nella deliberazione consiliare n.144 del 23 ottobre 2002.

Abrogazione che, ad ogni buon conto, ho chiesto con una specifica mozione collegata a questa proposta di deliberazione.

La stratificazione delle competenze e il progressivo ampiamento dei compiti delle circoscrizioni prende le mosse da una delibera consiliare del1988 in cui il Consiglio comunale deliberò le deleghe di funzioni di amministrazione ai consigli circoscrizionali. Una delibera semplice in cui l'amministrazione si impegnava a stanziare ogni anno in bilancio le somme per le competenze delegate e la collaborazione volontaria, che le circoscrizioni dovevano sollecitare e promuivere,venivano organizzate tramite un piano predisposto dall'Amministrazione comunale. Un susseguirsi di delibere consiliari ( del 1991 e del 1994 fino ad arrivare al 2002) hanno modificato le intestazioni delle deleghe, ampliandone i confini e stanziando nuovi fondi affinchè le circoscrizioni potessero liquidare direttamente contributi ad associazioni.

Fino a giungere a quello che definirei un sub/regolamento, approvato con la più volte citata  delibera consiliare n.144 del 2002 in cui le circoscrizioni vengono ad avere una serie di compiti codificati nell'art.59 dello Statuto: manutenzione, sicurezza sociale,sport, cultura, servizi educativi,interventi rivolti ai giovani, anziani, immigrati.

Un autentico sistema di deleghe con stanziamenti relativi in bilancio.

E mentre opportunamente l'articolo 59 dello Statuto ( con l'elenco presumibilmente non tassativo) delle attività delegate è stato abrogato, non lo è stato l'articolo 60, quello che prevedeva uno stanziamento annuale per le attività di gestione dei servizi di base.

Certo, l'articolo è stato modificato, ma senza l'abrogazione della delibera che attua l'articolo 59 e senza contestuale individuazione delle materie attribuite alle circoscrizioni, queste ultime potrebbero continuare ad operare come hanno sempre fatto.

La modifica che  è oggi portata all'attenzione del consiglio mi sembra un simulacro vuoto. Mentre di eliminano alcuni articoli dello Statuto, non si è contemporaneamente toccato il regolamento e non si è espressamente abrogato quanto previsto sui servizi di base nel 2002.

La legge regionale n.5 del 2013 ha dato mandato al Consiglio di decidere, ma così si dimostra di NON voler decidere.

Nulla sulle indennità ( capitolo doloroso, ma non il più pesante dal punto di vista economico)

Nulla sulla razionalizzazione dei servizi sul territorio( restano 12 uffici anagrafe con tutti i costi relativi)

Nulla sulla necessità di razionalizzare e rendere trasparenti i contributi concessi alle associazioni. In ciò contraddicendo una specifica mozione consiliare, la n.633 del 2013 che prevedeva l'obbligo di pubblicazione sul sito del Comune dell'elenco completo dei soggetti che beneficiano di contributi, elargizioni da parte anche delle circoscrizioni cittadine.

Nulla neppure sul numero delle circoscrizioni e sulle composizioni dei consigli circoscrizionali. Materia regolamentare, è vero, ma che andava affrontata con coraggio e ben prima di ora se davvero si voleva dire di aver fatto onore a quando stabilito nel programma di legislatura. E lo si sarebbe fatto se, linearmente e consapevolmente, si fosse messo mano alla materia nel suo complesso, evitando di aggiungere al caos normativo esistente un ulteriore tassello di confusione. Almeno un segnale andava dato: magari eliminando l’Ufficio di Presidenza , che, abrogato per il Consiglio comunale,resta invece nelle circoscrizioni a dimostrazione del fatto che le modifiche proposte sono purtroppo un rimedio di pura facciata: fare qualcosa per poter dire di non essere stati con le mani in mano.

Ci saranno risparmi sugli oltre 700 milioni di lire delle indennità, ma si manterranno inalterate le altre spese, pari ad oltre sei miliardi delle vecchie lire.

Il tutto per mantenere costi di gemellaggi( 25000 euro, più dello stipendio lordo di un docente)servizi di pulizia e lavanderia ( 106286 euro)utenze (130000 euro), riscaldamento ( 170000 euro) e delle non meglio identificate "iniziative delle circoscrizioni" per un importo di 82137 euro.

Il tutto senza contare  i 317866  euro spese per attività diretta ed indiretta, cioè assegnazione di contributi erogati dalle circoscrizioni direttamente ai soggetti o alle associazioni

Cari colleghi, il mio parere sulla proposta di deliberazione non è positivo, a meno che non si eliminino dal dispositivo i punti successivi al punto 1.

Ritengo infatti che le modalità di sollecitazione della partecipazione popolare non siano quelle dell'assegnazione di contributi o del presidio del territorio da parte della politica dei partiti.

Al Consiglio comunale spettava ( e spetta) il compito di determinare le modalità di partecipazione popolare, di stabilire un criterio per la scelta di persone in grado di rappresentare i quartieri e le borgate, di valorizzare il volontariato autentico. E lo possiamo fare tagliando le spese inutili a vantaggio di servizi più capillare sul territorio, di autobus più frequenti e meno cari, di una città più sicura grazie ad un rafforzamento del servizio di pattuglia, di una città più pulita migliorando i protocolli che ci legano alla società che smaltisce i rifiuti.

Se chiedessimo ad un cittadino di Trento se preferisce contribuire con le sue imposte al pagamento di 25000 euro per i gemellaggi circoscrizionali o per lo stipendio annuale di un nuovo autista di autobus o di un nuovo vigile urbano o di orari prolungati per le biblioteche credo non ci sarebbero dubbi.

Ma alle persone non è dato di sapere. Si  lascia credere che la circoscrizione equivalga a servizi, mentre è vero che sopportandone i costi i cittadini avranno meno servizi.

E quanto queste realtà territoriali siano potenti lo dimostriamo noi, incapaci di razionalizzare almeno quelle della città consolidata,consentendo che mantengano persino l'ufficio di presidenza, mentre i consiglieri comunali diminuiranno di numero ( ed è bene che sia così) dal prossimo anno e la commissione statuto si è auto-soppressa, eliminando per il futuro anche l'ufficio di presidenza in consiglio comunale.

Trento appare come La bella Addormentata. I diritti dei lavoratori vengono limati, eliminati, circoscritti e comunque messi in discussione. Anche in Trentino.

Le famiglie sono in crescente difficoltà economiche: il banco alimentare dice che un trentino su dieci vive in povertà, la cronaca riporta di duecento posti di lavoro persi ogni mese, le statistiche locali parlano di una disoccupazione giovanile al 34%. Anche in Trentino.

Ma il Comune continua a non vedere. A baloccarsi con circoscrizioni da mantenere inalterate, società partecipate da conservare e magari da creare ex novo.

Mi auguro, per la nostra città, i nostri cittadini e per la credibilità della politica che noi qui rappresentiamo che il risveglio della Bella Addormentata non sia brusco e doloroso.

Giovanna Giugni – Consigliere comunale a Trento

Pubblicità
Pubblicità

Io la penso così…

«Il potere occulto dei neuroni specchio dello sciacallo» – di Adriano Bertolasi

Pubblicato

-

Egregio Direttore,

lo scenario politico italiano che si aprirà nei prossimi giorni, dopo il prevedibile accordo truffa tra grillini e Pd, che sta “volteggiando concretamente nell’aria” e tanto caro presumo a Mattarella, che dovrà in tal caso, solo “togliere le castagne meno bollenti dal fuoco” , segnerà una nuova ripartizione di poltrone.

I grillini di fatto non vogliono andare al voto ad ottobre (al di là dei proclami di Di Maio) e nemmeno l’”anima renziana” del Pd, entrambi si attaccano alla formula di “Governo istituzionale” nell’interesse della Nazione, “tanto caro” a Matteo Renzi ed Elena Boschi con codazzo al seguito, orchestrati a bacchetta dai più potenti finanzieri e banchieri europei e mondiali!

PubblicitàPubblicità

Il motivo è molto semplice: in questo momento Matteo Salvini è secondo le indagini Istat al massimo dei consensi e per le opposizioni sarebbe una sconfitta senza precedenti.

Appare evidente a chiunque che esiste una “coalizione internazionale” per “ tentare quindi di decapitare politicamente definitivamente Salvini”.

I 5 stelle ex nemici giurati del Pd, di cui molti di loro sono dei “fuoriusciti”, perché non riuscivano a prendere le poltrone che interessavano a livello individuale all’ interno del “vecchio Pd”, hanno pensato bene di “inciuciarsi” con diversi loro “degni colleghi dell’ ex destra”, che non trovavano luce alla corte di Berlusconi.

Renzi e Boschi (legata geneticamente al mondo bancario e ai poteri forti della politica (Bruxelles-Parigi- Berlino), dopo il clamoroso tonfo del 4 Marzo, e prima ancora quando Renzi quando “aveva promesso che in tal caso si sarebbe dimesso da parlamentare”, (ottima sarebbe stata la sua carriera come marinaio n.d.r),  stanno ora  cercando di approfittare a “piene mani” di questo “difficile momento” cercando di risorgere dalle proprie ceneri politiche (Vedi costante tentativo di sbarco delle Ong orchestrato dai “poteri forti” del mondo della finanza “pulita”,  come elemento più che evidente di “spaccatura organizzata” del languente  Governo giallo verde).

“Momento” tessuto ad hoc da questi signori, che si sentono particolarmente in fibrillazione, a causa alla politica “del vero fare”,voluta da Salvini.

Tutto ciò con il tacito placet e un vivo tifo della malavita organizzata, che potrà riallacciare indisturbata i propri intrallazzi internazionali.

Questi “signori e signore” vassalli dei poteri forti della finanza internazionale, con Soros in testa, ovvero Renzi e Boschi, con seguito di paggetti e damigelle delle più svariate categorie “prendendo esempio dai neuroni specchio”, degli sciacalli, quando vedono un Leone in difficoltà…cosa stanno in cuor loro pensando di fare?

Pur di rosicchiare qualche “boccone”, aspettano che “qualcuno” al posto loro, possa fare la prima mossa “per vedere se il Leone è veramente moribondo o solo ferito di striscio”! 

Per fare questo si appellano al redivivo Prodi, uomo che politicamente ha condotto per oltre trent’anni sistematicamente l’Italia nelle condizioni di crisi economica in cui si trova oggi. (Svendendo la nostra vera ricchezza nazionale per regalare alle fauci dell’Europa la nostra economia, per sistemare gli amici degli amici!)

A tal riguardo per spiegare meglio il concetto invito a leggere i link che seguono: forse si capirà meglio cosa si sta rischiando e chi sta muovendo certe fila per tornare alla ribalta per finire  politicamente ed economicamente il lavoro di svendite e regalie iniziato e poi interrotto (a danni fatti) oltre trent’anni fa.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/08/18/privatizzazione-quando-e-come-e-iniziata-la-svendita-del-patrimonio-pubblico/4567350/

https://www.byoblu.com/2016/01/14/privatizzazioni-cosi-ci-siamo-fatti-rubare-tutto/

https://it.wikipedia.org/wiki/Cesare_Geronzi (tanto per inciso in tutta la vicenda)

https://it.wikipedia.org/wiki/George_Soros

In tale lucrosa circostanza, vengono “sfruttati” dei “poveri cristi”, per commuovere a facili lacrime il “sentimento cattolico” degli Italiani che hanno votato Lega, dove una certa frangia dei quali, ora in conflitto politico- religioso, “senza conoscenza di fondo dei fatti internazionali”, vengono  influenzati ad ogni omelia, dalle “parole calibrate” del Pontefice al senso “dell’accoglienza cristiana”….

In tutto questo bailamme di “intrighi internazionali” si pretenderebbe o almeno ci tentano i grillini, di far passare Salvini come “traditore” della politica italiana!

Vorrei far ricadere su tale paventata ipotesi, (inciucio grillini e renziani) in particolar modo l’attenzione dei pensionati, su un link molto significativo, che invito a leggere completamente, ricordando loro che l’unica arma che tale categoria ha è la scheda elettorale.

https://www.fanpage.it/politica/cosa-cambia-con-i-tagli-alla-sanita-del-governo-renzi-e-chi-ci-rimette/

A cura di Adriano Bertolasi 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Io la penso così…

Morti Brento: un’ordinanza inattuabile per Fravezzi, ci spieghi i motivi – di Adriano Bertolasi

Pubblicato

-

Egregio direttore,

desidero esprimere la mia personale perplessità in merito alle affermazioni del sindaco di Dro Vittorio Fravezzi, riportando testualmente quanto risulterebbe da lui dichiarato in un’intervista e riportato anche in internet-notizie.

Mi riferisco alle decine di morti che si sono susseguiti negli ultimi venti anni sul Becco dell’Aquila la tristemente famosa montagna, dove diversi giovani e meno giovani hanno lasciato tragicamente la vita, facendo base jamping nelle più “svariate e sconsiderate” maniere.

PubblicitàPubblicità

Ecco cosa riferirebbe il sindaco di Dro: (fonte internet)

Il sindaco di Dro Vittorio Fravezzi proprio ad aprile scorso aveva parlato di «Una follia, un modo davvero singolare di scherzare con la propria vita. Del resto non vedo cosa posso fare per fermare questa lunga lista di morti». E ancora aveva aggiunto: «Ho commissionato diversi studi giuridici per capire come si può regolamentare. Mi hanno spiegato che si può fare poco. Non posso impedire l’accesso alla montagna. Potrei vietarlo, è vero. Ma poi la regola andrebbe fatta osservare e dovrei piazzare due vigili urbani fissi sulla vetta. Irrealizzabile».

Comprendo che piazzare due vigili in vetta potrebbe risultare dispendioso e poco pratico, ma non penso che tutti coloro che praticano tale “sport” arrivino direttamente con l’elicottero in vetta.

Ci sarà presumo una o forse due strade di accesso per arrivarvi e penso che transennare tali strade sia una competenza con un costo accettabile per le casse comunali.

Se quella montagna rappresenta un reale pericolo per chi la frequenta con tale scopo, gradirei sapere quali sono i cavilli giuridici per i quali tale ipotesi non può essere presa in considerazione, senza dovere ipotizzare e contemporaneamente scartare la presenza di due vigili in vetta per impedire la discesa “suicida”.

Oppure le cause di tale “impossibile ed inopportuna scelta” sono legate ad altri motivi? Magari di ordine economico e turistico per la zona?

Adriano Bertolasi – Trento

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Io la penso così…

Bambina di 4 anni salvata dal pediatra di Cavalese. Il padre ringrazia l’ospedale e chi ha voluto la riapertura del punto nascite

Pubblicato

-

Buongiorno Direttore,

mi è già capitato di scrivere a sostegno del punto nascite dell’ospedale di Cavalese, dov’era nata la mia prima figlia, mentre per la seconda ci toccò un pellegrinaggio in Val d’Adige.

Lo faccio nuovamente a seguito di una nuova esperienza che ritengo significativa.

Pubblicità
Pubblicità

Questa notte (13 agosto, ore 23) mia figlia di quattro anni ha avuto una crisi asmatica: probabilmente nulla di veramente pericoloso, però respirava a fatica, non riusciva a parlare, rantolava paurosamente e ovviamente si è agitata molto.

Non era la prima volta e noi genitori eravamo preparati; tuttavia ci siamo spaventati perché è stata più severa e lunga delle altre e non migliorava nonostante l’inalatore prescritto dal pneumologo.

Quindi ci siamo recati al pronto soccorso di Cavalese, dove in pochi minuti è arrivato il pediatra di turno in reparto e ha risolto la situazione: abbiamo presto potuto tornare a riposare e tranquillizzare la mamma.

Se ciò fosse accaduto l’anno scorso, quando il punto nascite era chiuso, mi chiedo come si sarebbe evoluta la vicenda. Mi sarei ritrovato su un’ambulanza, con una bambina ansimante, incapace di parlare e terrorizzata fra le braccia, fino a Trento?

Forse l’Azienda Sanitaria avrebbe impegnato un elicottero con la relativa equipe d’emergenza per fare un aerosol a una bimba asmatica?

E se qualcuno avesse avuto nel frattempo un infarto a Storo, chi avrebbe avuto quel morto sulla coscienza?

Se fosse accaduto a gennaio, sotto una fitta nevicata, quando l’elicottero non vola e le strade sono poco praticabili? Dove e dopo quanto tempo avrei trovato un medico disposto a prendersi cura di mia figlia?

Non è la prima volta che io e mia moglie portiamo al pronto soccorso di Cavalese una delle nostre figlie: in Val di Fiemme ci sono appena due pediatri di base, oberati di lavoro; sicché per un bambino che sta male (fosse anche solo febbre alta) questa è spesso l’unica alternativa a una lunga attesa in ambulatorio. Anzi, durante i fine settimana o nelle ore notturne, è proprio l’unica assistenza disponibile in loco.

Com’è ovvio, questa presenza può rivelarsi molto più preziosa per chi si trovi ad affrontare una vera emergenza pediatrica; ma anche per molti pazienti critici adulti, poiché soltanto l’operatività del punto nascite garantisce che nel nostro piccolo ospedale sia sempre in servizio un medico rianimatore.

Vorrei quindi ringraziare ancora una volta tutto il personale medico e sanitario dell’Ospedale di Fiemme: sempre disponibili, professionali, rapidi, estremamente efficaci, splendidamente gentili e accoglienti.

Ugualmente vorrei ringraziare chi in questi anni si è adoperato per la riapertura del punto nascite di Cavalese, confidando che nessuno dimentichi più quanto questo presidio sia essenziale per la sicurezza e la serenità di chi abita o visita le nostre montagne.

Andrea Rizzi 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza